Magazine Bellezza

Recensione: Le imprevedibili conseguenze dell'amore

Creato il 07 febbraio 2013 da Chiarasam2000
Recensione: Le imprevedibili conseguenze dell'amore
Ok, ho appena finito questo libro! Non voglio anticiparvi niente, leggerete nella recensione!
Ringrazio la Tre60 per avermi inviato una copia e-book del libro!
Recensione: Le imprevedibili conseguenze dell'amore
Titolo: Le imprevedibili conseguenze dell'amoreAutrice: Jill MansellSerie: autoconclusivoCasa Editrice: Tre60Prezzo: €9,90Pagine: 414Trama:Orla Hart è una star: milioni di lettrici in tutto il mondo divorano i suoi mielosi romanzi d’amore, che si concludono ogni volta con un appagante lieto fine. Tuttavia adesso ha perso il suo tocco magico, perché la vita – quella reale – non è certo come lei la racconta nei suoi libri. Da tempo, infatti, il marito la tradisce con una donna molto più giovane di lei e, sebbene lo ami ancora alla follia, Orla non può più sopportare il peso di quell’umiliazione, finita persino sulle prime pagine dei giornali di gossip. Così, l’unica soluzione che vede all’orizzonte è sparire, per sempre… Il destino, però, ha in serbo per lei un nuovo, inaspettato capitolo: l’incontro con Millie, una ragazza che ha appena lasciato l’ennesimo fidanzato perdutamente innamorato di lei. Stufa di ritrovarsi impelagata in relazioni soffocanti, Millie vuole prendersi un po’ di tempo solo per sé, e coinvolge nelle sue avventure anche la celebre scrittrice. Travolta dalla sua esuberanza, Orla si lascia trascinare dalla fresca e disinvolta vitalità di Millie, e decide d’ispirarsi proprio a lei per creare la protagonista del suo nuovo romanzo. Con una differenza rispetto al passato: questa volta il lieto fine deve essere autentico e il personaggio deve innamorarsi anche nella realtà. Il problema è che Millie non ha nessuna intenzione d’impegnarsi. Ma Orla ne è convinta: l’amore – quello vero – trova sempre un pertugio nel cuore e sboccia quando meno te lo aspetti…
Voto: $$$$
Recensione:
Ammetto di non essere una fan accanita dei romanzi rosa. A volte sono del tutto privi di spessore, a volte sono uno uguale all'altro.Sinceramente però, questo romanzo mi ha colpita e ha superato le mie aspettative.
Troviamo Millie, una semplicissima ragazza inglese, ironica e con la battuta sempre pronta, che assiste a uno spettacolo tremendo: una donna deve trovare il coraggio di togliersi la vita. Millie, non ascoltando il suo ragazzo, che si trovava lì con lei, che le stava facendo la sua proposta di andare a vivere insieme, và a parlare con la donna.Quando la guarda la riconosce: è Orla Hart, una delle più famose scrittrici di Best-seller rosa, che ha avuto molto successo per i suoi romanzi d'amore.Arrabbiata con se stessa e il marito, Orla si vuole togliere la vita perchè il marito Giles la tradisce da tempo con un'altra, ma, anche se giura di non rivedere la sua amante mai più, la continuerà a tradire.Ma Millie arriva appena in tempo e la fa ragionare.
Quando si inizia a parlare della storia di tutti i giorni dei protagonisti, la storia inizia a far interessare di più il lettore.Si conoscerà Hester, nonchè migliore amica e coinquilina della protagonista e Nat, il ragazzo di quest'ultima, che sta all'estero per lavoro.Poi si incontrerà Lucas Kemp, cotta adolescienzale di Heste mai del tutto passata, che si rivela poi essere anche il capo in un "agenzia" di baciogrammi di Millie.E poi, ultimo e non meno importante, arriva Hugh, che Millie conoscerà con uno scherzo telefonico finito male. Hugh è stato appena scosso dalla morte della moglie e quindi ha giurato che non si innamorerà mai più, per paura che possa succedere un'altra volta con una prossima fidanzata.
Orla non si fa certo sfuggire l'occasione e decide di usare Millie e le sue avventure come idea per il suo prossimo libro. Per la prima volta, la scrittrice scriverà una storia reale, e non i suoi soliti mielosi romanzi, con il solito lieto fine.
Il libro parla di varie storie che si intrecciano, creando un bellissimo romanzo, diverso da gli altri.La trama e gli intrecci sono ben studiati e originali.
Tutti i personaggi hanno un ruolo ben preciso nella storia. Anche i personaggi secondari possono essere d'aiuto per lo sviluppo per la storia.Buono e ben descritto, sotto il punto di vista del comportamento, è il personaggio di Millie.Invece, il personaggio di Orla per buona parte del romanzo non è apparsa, e ha lasciato spazio alle avventure di Millie.Una cosa importantissima: nessuno di questi personaggi è antipatico. In molti libri mi sono imbattuta in personaggi scortesi o che ti facevano cadere le braccia o incavolare a ogni parola che dicevano.
La storia non è mai irreale, è ben studiata e scritta. "Ironico" è sicuramente l'aggettivo migliore che possa associare. Lo stile di Jill Mansell è molto fluido e semplice, così semplice che il lettore si può immergere più facilmente nella storia.
Consiglio vivamente a tutti il romanzo: lo può leggere una donna adulta come lo può leggere un adolescente.E' un romanzo appassionante, ironico, coinvolgente e divertente. Non vi troverete davanti un libro troppo mieloso o romantico. C'è quella dose di ironia che non basta mai!
Musica consigliata: Non vivo più senza te (Biagio Antonacci)
"Non vivo più senza te, anche se, anche se,una signora per bene ignora le mie lacrime"
Tratto da "Non vivo più senza te"

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines