Magazine Libri

[Recensione] Mors tua – Danila Comastri Montanari

Creato il 26 aprile 2012 da Queenseptienna @queenseptienna

[Recensione] Mors tua – Danila Comastri MontanariTitolo: Mors tua
Autore: Danila Comastri Montanari
Editore: Hobby & Work
ISBN: 978-8878518728
Num. Pagine: 255
Prezzo: 7.90€
Voto: [Recensione] Mors tua – Danila Comastri Montanari

Trama:
Siamo nell’anno 42 dopo Cristo, l’impero romano è al massimo del suo splendore e sul trono dei Cesari siede Claudio con la giovane moglie Messalina. Publio Aurelio, ricco e gaudente senatore con il “vizio” delle indagini criminali, si reca in visita dalla cortigiana Corinna e la trova morta, con un pugnale piantato nel petto. Aiutato come sempre da Castore – il suo irresistibile segretario alessandrino – Aurelio comincia a indagare sul delitto, sforzandosi di conoscere più a fondo i principali sospetti. Ma prima di avere la possibilità di condurre in porto l’inchiesta, Publio Aurelio viene accusato della morte del genero di Rufo e per protestare la sua innocenza dichiara che si reciderà pubblicamente le vene durante un banchetto.

Recensione:
Confesso: ho acquistato questo libro attirata dal titolo. E anche dal fatto che dovevo spendere in un modo o nell’altro il buono alla Feltrinelli, e quindi posso dire di non averlo nemmeno pagato, e quindi non me ne posso lamentare più di tanto.
Mors tua, da quanto si legge nelle prime pagine di presentazione, è la settima avventura del protagonista, Publio Aurelio Stazio, senatore della Roma imperiale ai tempi di Claudio. Premessa: è un libro commerciale.
Dicesi di libro commerciale quell’opera il cui tutto è in funziona della trama, e non dei personaggi in sé stessi. Indi per cui in questo romanzo troviamo uno stile semplice, perfettamente comprensibile per un lettore medio, anche se il registro tenderebbe a sembrare un po’ troppo alto per chi non è abituato.
L’ambientazione è interessante, l’autrice sa dipingere la cultura romanica con decisione ma senza apparire pedante, le differenze tra condizioni sociali, le tradizioni, le correnti di pensieri, le suddivisioni tra città vera e propria e suburbi; si tratta insomma di un giallo storico ben incastrato nell’epoca in un ritratto ammirevole.
Il protagonista è un adone che ai nostri tempi apparirebbe piuttosto arrogante, non certo il tipo di uomo che ci piacerebbe incontrare, ma perfettamente in linea con l’epoca di cui si parla in cui i ceti più alti potevano permettersi di farsi trattare un poco come divinità.
È un libro godibile, pieno di informazioni gettate al momento giusto, ben delineato e con una trama che fila, non si presenta certo coinvolgente o entusiasmante, ma è una lettura adatta a svagarsi in un pomeriggio di pioggia.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Il Cristo Zen” di Raul Montanari

    Cristo Zen” Raul Montanari

    Lo scrittore (e traduttore) Raul Montanari ha impiegato circa vent’anni per realizzare un progetto maturato durante un lunghissimo periodo di letture buddiste... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Raul Montanari legge Poe

    Raul Montanari legge

    Questa sera, è il quindici dicembre, è davvero difficile trovare un buco! Finalmente riesco a infilarmi in un caseggiato ove un cinese si affaccenda ad ammassar... Leggere il seguito

    Da  Ilibri
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Recensione: Starcrossed

    Recensione: Starcrossed

    Ultima recensione per oggi....Titolo: StarcrossedAutrice: Stephanie AngeliniCasa Editrice: GiuntiCollana: YPagine: 464Prezzo: 16,50€Data di pubblic: 7... Leggere il seguito

    Da  Newslibri
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: Tahoe

    Recensione: Tahoe

    Un'altra recensione - già scritta e salvata precedentemente - di un bellissimo libro letto in pochissimi giorni. Vi ricordo che non ho la connessione ADSL dal 3... Leggere il seguito

    Da  Newslibri
    CULTURA, LIBRI
  • Recensione: "red"

    Recensione: "red"

    "Red" di Kerstin Gier:Per l'amica Leslie, Gwendolyn è una ragazza fortunata: quanti possono dire di abitare in un palazzo antico nel cuore di Londra, pieno di... Leggere il seguito

    Da  Blake16
    CULTURA, HORROR, LIBRI
  • Recensione: "blue"

    Recensione: "blue"

    "Blue" di Kerstin Gier:"Molto probabilmente il mio organismo aveva prodotto più adrenalina negli ultimi giorni che nei sedici anni precedenti. Leggere il seguito

    Da  Blake16
    CULTURA, HORROR, LIBRI
  • La recensione

    recensione

    "Le copertine dei libri cominciano da subito a parlarci di loro, quella di “Astenersi perditempo” è una tra le più significative e azzeccate tra quelle che... Leggere il seguito

    Da  Mistergio
    EDITORIA E STAMPA, LIBRI