Magazine Cultura

Recensione : tempt me at ...

Creato il 14 gennaio 2011 da Isn't It Romantic?

RECENSIONE : TEMPT ME AT TWILIGHT  di Lisa Kleypas


RECENSIONE : TEMPT ME AT ...
Editore/Publisher: St. Martin's Paperback

Anno di pubblicazione/Year: 2009

Genere e ambientazione/Genre and setting: Storico, Inghilterra 1852

Format: Paperback

Livello di sensualità/Sensuality rating: Warm (caldo)

Collegamento con altri libri/Connection to other books: E’ il terzo volume della serie Hathaway, non ancora tradotta in Italia, così composta:
1) “Mine till midnight” (Amelia e Cam Rohan);
2) “Seduce me at sunrise” (Win e Merripen)
3) “Tempt me at Twilight” (Poppy e Harry Rutledge)
4) “Married by morning” (Leo e Catherine Marks)
5) “Love in the afternoon” (Bea e Christopher Phelan)


Londra, maggio 1852. Poppy Hathaway è a Londra per la sua terza stagione e con la sua famiglia risiede presso il prestigioso Rutledge Hotel. È molto bella, ha una dote di tutto rispetto, suo fratello è un visconte e la sua condotta è irreprensibile. Eppure a 23 anni è ancora nubile. La ragione? Principalmente la sua intelligenza: cresciuta in una famiglia dove si parla e si discute di tutto, dalla politica mondiale alla poesia greca, Poppy è incapace di assumere l’atteggiamento quieto e condiscendente richiesto alle fanciulle in cerca di marito e la sua conversazione è troppo brillante e priva di adulazioni. Inoltre, la sua è una famiglia decisamente non convenzionale, piuttosto emarginata dal ton nonostante il fratello sia Lord Ramsay. In realtà, si tratta di un titolo che Leo Hathaway, a sua volta reputato un libertino della peggior specie, ha ricevuto quasi per caso, in quanto unico superstite di una linea di sangue estintasi per una serie di decessi piuttosto ravvicinati. A peggiorare le cose, le due sorelle maggiori hanno sposato personaggi piuttosto discutibili secondo i canoni dell’epoca: l’uno si è arricchito con una casa da gioco (lo splendido Cam Rohan, già incontrato in “Peccati d’inverno” e protagonista di “Mine till Midnight”) e l’altro (Merripen di “Seduce me at sunrise”) è una specie di factotum “adottato” dalla famiglia Hathaway da bambino; per di più entrambi hanno sangue Rom nelle vene.
Oltre tutto Poppy non è disposta a sposarsi per interesse: vuole il vero amore, come le sorelle che l’hanno preceduta: più di tutto, però, desidera una vita calma, serena, rispettabile, al riparo dagli scandali e dalle disavventure che in qualche modo hanno segnato la vita della sua strana famiglia. Finalmente, pensa di aver trovato l’uomo della sua vita: Michael Bayning, figlio del Visconte Andover, s’innamora, ricambiato, di lei. Peccato, però che il bel Michael sia molto dipendente dal padre e succube della sua volontà, al punto di ritardare continuamente l’ufficializzazione del suo corteggiamento. È un errore che pagherà a caro prezzo. Per una serie di circostanze fortuite, Harry Rutledge, ricchissimo proprietario dell’hotel, incontra Poppy e ne resta letteralmente fulminato: non capisce bene come o perché ma sa che deve averla, perché lei rappresenta una luce che la sua vita non ha mai conosciuto. Harry è bello, intelligente e privo di scrupoli quando si tratta di ottenere ciò che desidera; sa di avere poco tempo prima della fine della stagione e teme che Michael possa riuscire ad ottenere l’approvazione paterna. Così, manovra il vecchio Andover in modo tale che questi minaccia di diseredare il proprio figlio in caso di un simile fidanzamento: è la fine per Michael che, nonostante l’incoraggiamento degli stessi Hathaway, si rifiuta di fuggire a Gretna e abbandona Poppy con il cuore spezzato. A questo punto per Harry è molto facile circondare la giovane donna di attenzioni e approfitta di un suo momentaneo smarrimento per farsi sorprendere con lei in una situazione compromettente: il matrimonio “riparatore”, al quale Harry è ben felice di accondiscendere, è in realtà osteggiato dagli stessi Hathaway che antepongono la felicità di Poppy alle conseguenze dello scandalo ma lei non è indifferente ad un uomo capace di trattare con il porcospino di Bea e di citare Archiloco, così "sincero" da confessare spontaneamente i lati peggiori del proprio carattere. Veramente, ha omesso "qualcosa", ossia la parte avuta nel rifiuto del visconte Andover. Poppy scoprirà tutto, drammaticamente, solo la mattina delle sue nozze; decide di sposare ugualmente Harry ma, sconvolta, gli giura che non l’amerà mai. Harry sembra accontentarsi: in fondo nessuno l’ha mai amato e per lui è sufficiente avere il suo corpo come ennesimo, bellissimo oggetto da collezionare. È proprio così? Niente affatto, perché nonostante Mr. Rutledge sia un duro uomo d’affari, in realtà il bambino abbandonato e tradito dentro di lui cerca disperatamente conferme e tenerezza e Poppy è la sola persona in grado di aiutarlo. Forse non sa dirlo con le parole giuste ma tutti i suoi gesti lo dimostrano: la scena in cui quasi impazzisce per una semplice storta alla caviglia di sua moglie è un capolavoro di goffa tenerezza! Poppy comincia a capire ma non si accontenta di un rapporto privo di fiducia. Combatte per il matrimonio che desidera e se fugge da Harry lo fa solo per farsi inseguire e fargli assaporare, finalmente, la realtà di una vera famiglia.
Questa la trama: nulla di particolarmente insolito se non fosse che Lisa Kleypas, nonostante l’inevitabile cliché, riesce sempre a stupirci con la sua abilità nel disegnare i personaggi e con qualche "effetto speciale”.
Prima di tutto lo stile, più che mai frizzante e coinvolgente. La storia di Poppy e Harry alterna momenti di tenerezza a scene decisamente esilaranti, quasi piccole pieces teatrali giocate su equivoci verbali e doppi sensi, che si svolgono fra il personale dell’hotel o fra i vari membri della famiglia Hathaway: una famiglia così speciale che Poppy ad esempio, non esita ad informarsi con Leo sui “problemi maschili” o a fidarsi dell’opinione della giovane Bea che giudica gli uomini in base al loro rapporti con gli animali. A proposito di animali: sono dei buffi, simpatici co-protagonisti di questa storia. Dal furbissimo Dodger, il furetto combina guai, al macaco blu intrappolato nell’ascensore, alla gallina senza penne ma rivestita di un pullover…
In questa effervescente girandola, s’inseriscono le premesse della storia d’amore che sarà pienamente sviluppata nel libro successivo: quella di Leo e di Cat, dama di compagnia di Poppy e Beatrix che, guarda caso, è la sorella segreta di Harry, con un misteriosissimo passato.
Il risultato è un romance che ha un suo posto particolare all’interno della serie Hathaway e degli historical in genere. Una vera chicca da leggere tutta in un fiato, per commuoverci, sorridere ed emozionarsi.
Ancora una volta, Grazie Lisa!



 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cattivissimo me

    Cattivissimo

    Riprendiamo questo lancio dell’agenzia Asca, che vi prego di leggere attentamente cercando di visualizzare le scene (tip: a Malta perché avevano paura di... Leggere il seguito

    Da  Idiotecabologna
    CULTURA
  • Zombie Me!!!

    Come la maggior parte dei lettori di ZSR, anche noi immaginiamo sempre di essere i cacciatori e non le prede. Ma cosa accadrebbe e come saremmo se ci... Leggere il seguito

    Da  Zombieboy88
    CINEMA, CULTURA, HORROR
  • Panic! At The Disco - Ready To Go(Get Me Out Of My Mind) - Video Testo Traduzione

    Panic! Disco Ready Go(Get Mind) Video Testo Traduzione

    Un mese fa è uscito il terzo album dei Panic!At The Disco intitolato "Vices Virtues".La band alternative-rock di Las Vegas… Leggere il seguito

    Da  Lesto82
    CULTURA, MUSICA
  • "Incident at Loch Ness"

    "Incident Loch Ness"

    Chissà se Werner Herzog conosceva Zak Penn. E chissà chi ha proposto a chi di realizzare questo film. Se Zak Penn a Herzog, per omaggiarne la titanica... Leggere il seguito

    Da  Pickpocket83
    CINEMA, CULTURA
  • SWOON - THALASSA at NOMA

    SWOON THALASSA NOMA

    On Friday, June 10, the New Orleans Museum of Art unveils a new large scale, site-specific installation by the internationally renowned artist Swoon. Leggere il seguito

    Da  Darioujetto
    ARTE, CULTURA
  • we meet, at last!

    meet, last!

    l'astinenza da shopping può portare ad acquisti compulsivi in tempi record. ieri sera ho chiesto al bubi se mi portava a fare shopping dato che ero stata brava... Leggere il seguito

    Da  Labibu
    CINEMA, LIBRI, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • sunny sunday at imbersago

    sunny sunday imbersago

    ricordate quando vi parlavo della famosa coperta plaid da pic nic??? bene. io e il muso non abbiamo resistito fino al 25 aprile (giorno del suo comple, si può... Leggere il seguito

    Da  Labibu
    CINEMA, LIBRI, LIFESTYLE, MODA E TREND

Dossier Paperblog

Magazines