Magazine Cultura

Remy Shand?… Sì, Remy Shand!

Creato il 11 febbraio 2014 da Scribacchina

Avete presente Remy Shand? Sì, quel giovanotto venuto dal nulla che una decina d’anni fa aveva incantato mezzo mondo (me compresa) con questo splendido brano?

Dopo Take a Message succede quello che nessuno si aspetta: Remy Shand sparisce. Nessuno sa dove sia finito, nessuno sa cosa faccia, se suoni ancora o si sia dato alla produzione. E’ come se un buco nero l’avesse inghiottito.
In questi anni, ciclicamente mi chiedevo che fine avesse fatto un musicista tanto in gamba; dopo un album così, poi, di una raffinatezza squisita, tutto scritto, suonato, arrangiato e cantato da lui – sì, non fate i saputelli: lo so anch’io che pure Lenny Kravitz (e con lui tanti altri) si scrive-suona-canta-arrangia in solitaria gli album. Ma Lenny è Lenny, signori, mica ha la classe di un Remy Shand.

Poi un giorno, per caso, alzo gli occhi – pardon, apro le orecchie – e incrocio quello che ha tutta l’aria di essere il suo personale canale YouTube, con delle perle (datate 2013 e sicuramente autoprodotte) che definire da pelle d’oca è davvero riduttivo:

Trovate siano un pochino malinconiche, cari soliti lettori?
… Sciocchezze.
Datemi retta: non esistono brani migliori per iniziare la giornata.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine