Magazine Famiglia

Riflessioni sulla scuola in Tanzania

Da Jolanda

Durante i giorni in Tanzania ho scattato davvero un sacco di foto e oggi voglio condividerne con voi alcune inerenti la scuola.
Durante il viaggio con UNICEF, infatti, abbiamo visitato tante scuole e vorrei che anche voi vi faceste un’idea di cosa ho visto.

Riflessioni sulla scuola in Tanzania

Esterno di una Scuola in Africa

Intanto gli alunni sono tantissimi per classe.
Nelle scuole più fortunate sono 60/70.
Ma ne ho viste alcune con 130 bambini in ogni aula (Li ho contati io personalmente perché mi sembrava incredibile! Ed invece è proprio così).

Riflessioni sulla scuola in Tanzania

Una classe

I banchi mancano nel 90% dei casi e i bambini sono tutti seduti in terra, ordinati e attenti.
I libri sono pochi: più o meno 1 ogni 5/6 bambini.
Niente quaderni o matite…
Pochissimi i bagni e i lavandini (Tipo che in scuole con 800/900 bambini, c’erano tre gabinetti e tre rubinetti!).

Riflessioni sulla scuola in Tanzania

Lavandini in una scuola africana

Eppure mai ho visto tanta attenzione a quello che diceva l’insegnante e tanta partecipazione!

Voglio dire, quando vado in riunione nelle scuole dei miei figli, le maestre si lamentano sempre che i bambini chiacchierano, non sono attenti, si distraggono facilmente.
“Signora” mi dicono “Potrebbero fare molto di più!”.
Ma com’è? Hanno banchi, libri, quaderni, astucci e cartelle… tutto quello che serve. Manca solo la voglia di studiare, di espandere le loro conoscenze (Vabbé che forse non ne avevo neppure io alla loro età!).

Riflessioni sulla scuola in Tanzania

Alunni in una scuola in Tanzania

In Africa (per lo meno nelle scuole che ho visto io) non hanno nulla, ma sono attenti, volenterosi e gli si legge in faccia la voglia di conoscere sempre nuove cose. Quando parlavamo con loro e chiedevamo cosa avremmo potuto fare per aiutarli, le cose che chiedevano erano più libri per poter studiare, più quaderni e matite…
I bambini nelle scuole erano allegri e sorridenti, contenti di essere a scuola!
Ovviamente dipende certo anche dal fatto che lì a scuola vanno solo i bambini più fortunati. I più poveri o lavorano già o stanno a casa a guardare i fratellini mentre i genitori lavorano…
Quindi è palese che qui la scuola è un privilegio e appare più chiaro perché i bambini ci vanno più volentieri.

Riflessioni sulla scuola in Tanzania

Valeria Mazza tra gli alunni della scuola

Esprimo quindi un pensiero assai scontato, lo ammetto, ma verissimo.
I miei bambini probabilmente sono così abituati ad avere tutto, che non apprezzano più nulla. E quello che mi spiace è che anche guardando le foto o i video che ho fatto, non si fanno esattamente l’idea di com’è… Non arrivano a capire tutto.
L’unico modo sarebbe di portarli lì anche loro a vedere com’è.
Ed è una cosa che mi son ripromessa di fare: devono vedere, devono capire.
E quindi prima o poi li porterò là, a “toccare con mano”.
E’ un mio dovere di mamma, a questo punto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tanzania/ Arriva la pensione per gli anziani

    Tanzania/ Arriva pensione anziani

    Ecco cosa era la Tanzania appena trent'anni fa. Lo racconta, e con dovizia di particolari, Jean Marie Lassausse, missionario de la Mission de France e autore de... Leggere il seguito

    Da  Marianna06
    SOCIETÀ
  • Riflessioni di un giornalista

    Riflessioni giornalista

    (c) weast productions Desidero aggiungere qualche riflessione al post precedente (profughi siriani). E chiamare in causa quello che è il mio mestiere, il... Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • Riflessioni non richieste

    Riflessioni richieste

    Il voto è un diritto, oltre che un dovere. Certamente non è un obbligo né può esserlo, da qui viene la legittimità dell'astensione. Ma se da un punto di vista... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Riflessioni sui referendum

    Riflessioni referendum

    Articolo di Irene Tinagli pubblicato su La Stampa del 13 giugno 2011A giudicare dall’affluenza di ieri sembra altamente probabile che il quorum verrà raggiunto. Leggere il seguito

    Da  Leone_antonino
    SOCIETÀ
  • Riflessioni mattutine

    Da qualche parte, Madamadorè ha già avuto modo di parlare delle sue sortite mattuttine con famiglia al seguito per andare al lavoro. Leggere il seguito

    Da  Madamadore
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Riflessioni sul karaoke

    Il "karaoke" è una parola giapponese, esattamente come "bukkake" (per la quale vi invito da soli a una vostra ricerca personale). Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Le riflessioni di Vasco

    Ringrazio chi mi ha dato questo input e riporto da un altro blog un’”intervista” impossibile ma forse reale. Ho letto, come molti, del cambiamento mentale di... Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ