Magazine Tecnologia

Rilasciata la versione 1.0.2 di Puddletag

Creato il 13 novembre 2013 da Ingalex @ingalex81

 

Rilasciata la versione 1.0.2 di Puddletag

Nella giornata di oggi é stata rilasciata la versione 1.0.2 di Puddletag, il noto software libero e open source per editare di tag dei file audio, nato principalmente per GNU/Linux e in parte simile al programma Mp3tag per Windows. Una delle peculiarità di puddletag é che a differenza di molti programmi per GNU/Linux per aggiungere/editare i tag, esso utilizza una specie di foglio elettronico in modo tale che tutti i tag siano visibili e facilmente editabili.
Supporta le caratteristiche della maggior parte degli editor di tag come l’estrazione delle informazioni dei tag dai nomi dei file, la possibilità di rinominare i file in base ai loro tag utilizzando dei modelli preimpostati dall’utente.
Inoltre ci sono delle funzioni per la sostituzione del testo, tagliarlo, convertire da maiuscolo a minuscolo e viceversa e tante altre funzioni. Inoltre é possibile automatizzare le operazioni ripetitive, cercare sul web utilizzando Amazon, Discogs, FreeDB e MusicBrainz per importare copertine e informazioni.
I formati supportati sono: ID3v1, ID3v2 (mp3), MP4 (mp4, m4a, ecc.), VorbisComments (ogg, flac), Musepack (mpc), Monkey’s Audio (.ape) e WavPack (wv).
Vediamo brevemente come installare puddletag. Prima di tutto aggiungete il PPA “Webupd8team� eseguendo da terminale il comando:

sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/puddletag

Poi installate Puddletag eseguendo:

sudo apt-get update & sudo apt-get install puddletag

Oppure se dovete semplicemente aggiornarlo eseguite:

sudo apt-get update & sudo apt-get dist-upgrade

Se invece volete installare puddletag compilando i sorgenti, potete scaricarli da questo link dove trovate anche tutte le istruzioni per la compilazione.
Se siete interessati alle modifiche e ai bugfix apportati con questa versione, potete consultare l’annuncio del rilascio e il relativo changelog a questa pagina.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :