Magazine Cinema

Risse violente: Il Redentore - Redeemer

Creato il 31 gennaio 2016 da 365 Film
Risse violente: Il Redentore - RedeemerSi beh, qualcuno di voi ha notato che negli ultimi giorni l'horror latita nella rete? Non ci sono segnalazioni di film nuovi, niente per cui valga la pena spendere un paio di ore (tranne le versioni italiane di V/H/S, ma noi le abbiamo viste in lingua originale e sottotitolate, a suo tempo), quindi... Gloria ha alzato le mani, io invece ho momentaneamente virato sull'azione. E devo dire che ho scoperto un piccolo sottobosco di attori e film nuovi che non conoscevo; abbiamo già affrontato il discorso del tracollo del genere action dagli anni '90 a oggi, no? Comunque, più che tracollare, l'action è diventato un po' di nicchia, continuano ad esserci le grandi produzioni come l'ultimo, orribile Transporter, ma per il vero amatore del genere c'è tanto da scoprire. Nello scorso post di Risse violente vi avevo parlato di Undisputed 3 con degli attori cazzuti che sembrano usciti da un videogame, beh, spulciano la rete mi sono informato su uno di loro, vale a dire Marko Zaror, e ho scoperto che il Cile è una vera e propria star (scommetto che se viene in Italia non se lo fila nessuno, ma qui basta che ci danno Gigi D'Alessio e i cinepanettoni...). Nella sua filmografia sono molte le cose curiose da vedere ma per questa volta ho deciso di puntare sul suo ultimo lavoro, vale a dire Redeemer. Beh, la trama è semplicissima, ma allo stesso tempo ha un qualcosa di originale: un tale di nome Pardo ha fatto qualcosa in passato di cui si è pentito, perciò oggi aiuta in stile supereroe tutti quelli che gli chiedono aiuto, ma prima di iniziare i suoi "lavori" ha un singolare rito da fare: un giro di roulette russa, per vedere se quello che sta per fare va bene a Dio oppure no. 

Risse violente: Il Redentore - Redeemer

"Muoio o non muoio?!?"

Che vene pare? A me questa cosa ha gasato tantissimo, quindi non ho perso tempo, ho rimediato la pellicola e l'ho vista tutto d'un fiato. Prima i difetti: non so bene se sia dipeso dal copione o dagli attori, forse da entrambi i fattori, ma il livello di recitazione e quindi di coinvolgimento è davvero basso purtroppo. Dialoghi spesso banali e a volte inesistenti causano un non-coinvolgimento dello spettatore che può essere davvero deleterio e causare un effetto sonno immediato. Ora passiamo ai pregi: se da una parte manca qualcosa, dall'altra c'è da dire che per essere un film cileno, e che quindi ha poco mercato, la fotografia è davvero ben fatta e molto curata. Tempi di narrazione abbastanza azzeccati danno l'effetto che questo Redeemer sia un film sviluppato con un buon budget. Il pezzo forte di pellicole così sono, manco a farci apposta, le gran botte che si vedono dall'inizio alla fine. Botte di qualità, altissima qualità. Il protagonista, il nostro Marko Zaror, è un autentico atleta, riesce a fare cose che difficilmente gli si attribuirebbero, vista la sua stazza. 

Risse violente: Il Redentore - Redeemer

"Guarda mamma, senza fili!"

Un cristo di quasi due metri che fionda calci rotanti in aria come se fosse leggero come una piuma, è davvero incredibile. Ovviamente è lui il pezzo forte della pellicola, questo ex sicario malinconico e disperato che cerca "redenzione" in tutto ciò che fa. Fantastici i combattimenti, dall'inizio alla fine, anche se il più delle volte ci troviamo di fronte ad una scena di cui si intuisce già l'esito, essendo Marko praticamente il doppio dei suoi avversari (di solito infatti il protagonista è più piccolo dei suoi nemici, un po come Davide e Golia; per simboleggiare la difficoltà di ciò che stiamo per vedere insomma). 

Risse violente: Il Redentore - Redeemer

Usate quante pistole vi pare... tanto i calci rotanti in faccia non ve li leva nessuno!

Comunque, Redeemer non è al livello di Undisputed 3, ma comunque per gli amanti dei calci in faccia è una visione che non può mancare, soprattutto visto che siamo in una realtà cinematografica che scarseggia di queste cose.  Oh cazzo, stavo quasi per dimenticarmi! Bellissima la citazione di Arancia Meccanica all'inizio del film, che riprende in parte la scena dello stupro di gruppo nel teatro abbandonato! Il regista, Ernesto Díaz Espinoza, è un grande!
Date uno sguardo al trailer, QUI!
Risse violente: Il Redentore - Redeemer


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il knut

    knut

    Sì, finché in Russia ci fu lo zar, finché cioè la Russia fu il paese più arretrato d'Europa e i padroni trattarono contadini e operai con il knut, lo staffile d... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il palpina

    Eh, gia’. Sono rientrata in ufficio lunedi. Col corpo, almeno. La testa vagolava a tratti.Venerdi sera sarei stata pronta per altre due settimane a casa mia,... Leggere il seguito

    Da  Unarosaverde
    CULTURA, LIBRI
  • Il Dilemma

    Dilemma

    Allora, sempre più spesso mi trovo davanti a questo dilemma morale. Ve lo spiego. Ci sono dei validissimi autori – alcuni li posso chiamare anche amici – che... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA, LIBRI
  • Il Grimaldello

    Grimaldello

    Il fantastico in Italia fatica ad affermarsi (anche se i numeri di Lucca Comics raccontano un’altra verità). Quando l’immaginario riesce a far breccia... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA, LIBRI
  • Il bagitto

    bagitto

    I veri destinatari degli editti del 1591 e 93, promulgati da Ferdinando I° dei Medici, meglio noti come Leggi Livornine, furono gli ebrei sefarditi provenienti... Leggere il seguito

    Da  Signoradeifiltriblog
    ARTE, CULTURA
  • Il perdono

    Non ci sono dubbi, la decisione di Papa Francesco di proclamare un Giubileo straordinario è prodigiosa. In un momento così difficile per il mondo. Leggere il seguito

    Da  Dfalcicchio
    CULTURA, OPINIONI
  • Il Lago

    Lago

    “Qui il tempo non esiste. E’ come se ci fossimo separati dal resto del mondo. Ci siamo soltanto lui e io, fuori dal tempo e senza età. Il tempo si è fermato e i... Leggere il seguito

    Da  Fedetronconi
    CULTURA, LIBRI