Magazine Cultura

rurouni kenshin

Creato il 14 maggio 2013 da Guchippai
rurouni kenshinammetto subito la mia lacuna: non ho letto il manga dal quale è tratto questo live action e quindi non sono in grado di dire se lo spirito del lavoro originale è stato rispettato e se i personaggi in carne ed ossa deludono o no rispetto a quelli di china. ciò che posso dire è che ho trovato questo film ben fatto sotto tutti i punti di vista e che fortunatamente la trama è costruita in maniera tale che non ho rimpianto di non conoscere il manga perchè mi è sembrato di comprendere tutto; del resto sono stati inseriti alcuni flashback per spiegare il passato del protagonista.

rurouni kenshin

Sato Takeru nei panni di Hitokiri Battōsai/Himura Kenshin

il film comincia nel 1868, sul campo dell'ultima battaglia che segna la fine delle lotte intestine tra i sostenitori dell'imperatore e quelli dello shogun Tokugawa. quando è chiara la vittoria delle forze imperiali, l'imbattibile e leggendario spadaccino Battosai lascia il campo di battaglia dopo aver abbandonato la sua spada e giura a se stesso che non ucciderà mai più nessuno. passano dieci anni, durante il quale Battosai, che ha preso il nome di  Himura Kenshin, ha continuato a vagare difendendo i deboli, ma per farlo ha sempre usato una spada modificata, priva del taglio, in modo da non provocare ferimenti mortali. Kenshin arriva a Tokyo, dove da qualche tempo il ricco Kanryu (Kagawa Teruyuki) ha avviato un proficuo commercio di oppio e mira a diventare il padrone del Giappone intero. uno dei suoi tirapiedi, Udo Jin-e (Kikkawa Koji), reduce della stessa battaglia di cui sopra, ha raccolto la spada abbandonata da Battosai/Kenshin e, facendosi passare per lui, va in giro a giustiziare la gente in base a criteri del tutto personali. a investigare su di lui e su Kanryu c'è un altro reduce, Saito (Eguchi Yosuke, visto in Suwarouteiru), che all'epoca combatteva sull'opposto versante e che adesso è un poliziotto. 

rurouni kenshin

Takei Emi

Kenshin incontra la giovane Kaoru (Takei Emi), che ha ereditato il doujou del padre e che è molto irritata dal fatto che il falso Battosai dichiari di fare parte della stessa scuola; questo ha causato la perdita di tutti gli iscritti, e rimane solo un ragazzino, Yahiko (Tanaka Takedo). il doujou fra l'altro fa gola proprio a Kanryu che progetta di abbatterlo e costruire un attracco per le navi per smerciare meglio le sue porcherie. egli tuttavia ha appena subito una defezione: Megumi (Aoi Yuu), erede di una famiglia di medici caduti in disgrazia e artefice della formula che rende la dipendenza dall'oppio ancora più irresistibile, ha avuto un risveglio di coscienza ed è scappata. finisce che si rifugia anche lei presso il doujou, dove lo stesso Kenshin viene ospitato dopo aver salvato Kaoru da una banda di balordi. 

rurouni kenshin

un uomo disposto a tutto: il cattivissimo Kanryu in azione!

ben presto Kanryu mostra tutta la sua bassezza avvelenando l'acqua dei pozzi per sbarazzarsi della gente del quartiere, e a quel punto Kenshin decide che non può più restare a guardare. trovando un inaspettato alleato nel guerriero di strada (come egli stesso si definisce) Sagara Sanosuke (Aoki Munetaka), decide di affrontare Kanryu. ma i guai non sono ancora finiti, perchè Jin-e rapisce Kaoru... 

rurouni kenshin

Aoki Munetaka mi è capitato di vederlo in ruoli minori
nei film Time TravellerTada, kimi wo aishiteru

insomma, un film che fonde sia belle scene d'azione che qualche tocco romantico; decisamente fumettistico nella maniera in cui sono delineati i personaggi, che sono tutti o buonissimi o fetenti da fare schifo. qualche sfumatura è riservata giusto a Megumi, che si è pentita di aver collaborato con Kanryu, e a Gein (Ayano Go), uno dei tirapiedi di quest'ultimo, un ex-samurai che ha accettato di vendere i suoi servigi per non morire di fame. personaggio piuttosto misterioso, in quanto per quasi tutti il tempo indossa una maschera e che solo verso la fine rivela il volto rovinato da un'orribile cicatrice.

rurouni kenshin

Ayano Go, col suo bel faccino, non meritava certo
di essere truccato così!

dirige il tutto Otomo Keishi, regista poco prolifico malgrado non sia certo un ragazzino di primo pelo.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine