Magazine Arte

Sai kandinsky ? i bambini siamo astratti!!!!

Creato il 06 febbraio 2013 da Pintora @mnicaprez9

I  BAMBINI SIAMO ASTRATTI!


SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!
Ho scelto Kandinsky nelle prime lezioni che parlano degli elementi dell'arte.
Il suo libro “ Lo spirituale nell'arte”  è stato da sempre un mio punto di riferimento.
Il motivo che più mi ha spinto a iniziare i corsi per bambini è il fatto di aver capito che esiste un linguaggio universale che parla all'anima. E' un linguaggio fatto di colori, segni, e suoni... astratto.
Ho scoperto che i  bambini riescono a leggere i quadri di Kandinsky, e questo è la prova che conferma le teorie alle quali lui dedicò gran parte della sua vita; i suoi quadri arrivano diretti all'anima.

SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!

Il contagioso Kandinsky.

Secondo Kandinsky  “ l'arte che tende verso lo spirituale si preoccupa di “che cosa” rappresentare”, e così i bambini piccoli, se messi nelle condizioni giuste, rappresentano tante cose con la  pittura, senza preconcetti, guidati da un istinto primordiale. Non desiderano controllare il loro intorno, desiderano assimilarlo. Si tuffano nella materia per navigare in un mare di segni che gli appartenono da tempi remoti.

SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!

 I bambini siamo astratti!

  Amano il gesto,  la traccia sul foglio. Per questo molto spesso praticano una sorta di “arte effimera”, distruggendo, coprendo, graffiando con furia il risultato di un momento che  deve rimanere per sempre ancorato nel passato, non deve trascendere se non nel loro vissuto più profondo. 
E' impossibile creare un quadro senza disegno o senza colore ma  sì  senza oggetto, e così tirano fuori i segni di una memoria organica che ci accomuna come specie umana.

SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!

Kandinsky


Solo in un secondo momento si occuperanno di  “come” riuscire a rappresentarlo, ma se gli è stato permesso sperimentare il processo creativo nel rispetto della loro natura più intima, il desiderio d'imparare un metodo diventerà una necessità. La loro arte non potrà che essere profonda, carica di significato, spirituale.
Kandinsky descrisse così il senso del suo libro: "Il  mio libro ” Lo spirituale nell'arte”   e anche  Der blaue Reiter ( Il cavaliere azzurro) si proponevano essenzialmente di svegliare la capacità di captare lo spirituale nelle cose materiali e astratte, capacità assolutamente necessaria nel futuro, che rende possibili innumerevoli esperienze. La meta principale in ambedue le pubblicazioni fu il desiderio di fomentare questa capacità benefattrice delle persone

SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!

Der blaue Reiter


 
I bambini  conoscono una grande sala, “la stanza delle emozioni disordinate” e se gli viene consentito, giocano a trasformarle in  forme, in colori mossi da una energia che non conosce limiti.
SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!

Più tardi, trascinati inesorabilmente verso il mondo degli adulti,  chiudono a chiave questa sala  e si trasferiscono nella “stanza dei pensieri”, per passare  il resto della loro vita  lì dentro, nel tentativo di tenerla in ordine ...
Ma noi, che vorremmo avvicinare i nostri bambini  all'arte,  rimaniamo nella prima, per tentare di capire come aiutarli a crescere  senza cambiare stanza, per accettare le emozioni che non hanno un nome, ma sì un colore , una forma, un suono...
Il mio impegno è quello di procurare gli strumenti  giusti per dare visibilità ai sentimenti più sottili, proprio a quelli che non  possiamo e non potremo mai nominare ma che esistono e chiedono di essere espressi.
Il mio impegno è quello di aiutare i bambini, che non potranno fare a meno di cambiare stanza, a conservare la chiave, così da poter tornare quando avranno bisogno di dipingere le loro emozioni, irrimediabilmente disordinate ma piene di colore, di movimento e di suono...
SAI KANDINSKY ? I BAMBINI SIAMO ASTRATTI!!!!

Per imparare a dipingere ci vuole disciplina, costanza, passione, umiltà, perseveranza, entusiasmo, e una piccola percentuale di talento, inteso come dono naturale e innato.
Per diventare un'artista ci vuole un grande mondo interiore che ti spinga a dire la tua con un linguaggio che nasce dall'anima, e che non si può' imparare.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Benritrovato signor Kandinsky.

    Benritrovato signor Kandinsky.

    Ci eravamo incontrati una prima volta su altri suoli, in terra iberica, e svariati anni ed ere biografiche fa. Ere biografiche intese come della sottoscritta,... Leggere il seguito

    Da  Suster
    ARTE, MATERNITÀ, PER LEI
  • E’ giusto elogiare i bambini piccoli?

    giusto elogiare bambini piccoli?

    Elogiare i bambini piccoli“Conosci te stesso” (Socrate)Ci sono idee diverse riguardo al tema dell’elogio: è giusto? non è giusto? come fare? Leggere il seguito

    Da  Jessi
    MATERNITÀ, PER LEI
  • Le rovine di Roma con i bambini

    rovine Roma bambini

    In passato, durante buona parte del XVIII secolo e tutto il XIX, i giovani delle famiglie benestanti dell’Europa del Nord avevano un viaggio pendente. Si... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • L’erbario con i bambini

    L’erbario bambini

    Per le famiglie ancora in vacanza, per chi ama la montagna e vuole imparare a riconoscere le erbe insieme ai bambini, questo libro fa per voi: L’erbario di... Leggere il seguito

    Da  Rossellagrenci
    SALUTE E BENESSERE
  • Imparare a portare i bambini

    Imparare portare bambini

    In passato avevo riportato degli articoli e consigliato un libro sul portare i bambini e sull’uso delle fasce portabebè.Oggi vi propongo un altro interessante... Leggere il seguito

    Da  Rossellagrenci
    SALUTE E BENESSERE
  • Con i bambini in Alta Badia

    bambini Alta Badia

    Fonte: Juliaviajando D’estate, pensando alle vacanze in famiglia, si pensa quasi sempre agli ombrelloni e alle spiagge di sabbia dover poter lasciare i piccoli... Leggere il seguito

    Da  Agriturista
    CUCINA, VIAGGI
  • Chi fa nascere i bambini?

    nascere bambini?

    Nei giorni che sono seguiti alla nascita di Samuel ho avuto modo di riflettere su molti aspetti di questo evento. La prima cosa che ho notato e che, devo dire,... Leggere il seguito

    Da  Tiz
    MATERNITÀ, PER LEI