Magazine Cucina

San Francisco

Da Silva Avanzi Rigobello

Una delle tante celebri frasi di Tom Hanks nei panni di Forrest Gump è: Una promessa è una promessa.
Giusto.
Nel post http://silvarigobello.com/2015/10/09/i-gamberi-di-forrest-gump/ avevo promesso che avrei parlato più approfonditamente delle esperienze maturate visitando per tre volte, nel corso di circa dieci anni, San Francisco.
Ecco un riassunto di quello che ci si può aspettare da questa magica città sulla costa del Pacifico.

20150930-013028.jpg

Questa è la più classica delle foto che chiunque sia stato a San Francisco ha sicuramente scattato da Alamo Square.
Ci sono in primo piano le inconfondibili Painted Ladies vittoriane e sullo sfondo lo skyline del Downtown.
San Francisco è una città straordinaria, dove gli uomini sono galanti forse più per necessità che per indole.
In alcune strade della città infatti, una volta parcheggiato, non mancano mai di aprire la portiera alla signora che ha viaggiato con loro sul sedile del passeggero…

20150930-190632.jpg

Il perché è intuibile dalla foto: per aprirsi da sola la portiera del passeggero di un’auto parcheggiata a pettine, una signora dovrebbe possedere una forza erculea oppure aiutarsi facendo leva coi piedi, soprattutto in Lombard Street, che è la strada più ripida del mondo.

20150930-191204.jpg

Chi parcheggia contro il marciapiede in una delle tante strade in discesa, ha l’obbligo di girare le ruote verso il cordolo o verrà multato. E anche in questo caso è evidente come la pendenza sia un vero rischio per la sicurezza delle auto in sosta.

20150930-224858.jpg

San Francisco, come Boston è una delle rare grandi città americane che si potrebbero girare senza aver noleggiato un’auto. Anche Manhattan, in realtà, ma solo perché il traffico cittadino impedisce una circolazione ragionevolmente veloce.

20151001-005530.jpg

A San Francisco invece i mezzi di trasporto pubblici sono comodi, pratici e soprattutto nel caso dei Cable Cars, anche divertenti, storici e panoramici.
Viaggiare anche se per brevi tratti all’interno (o perfino all’esterno) di un tram, dona insolite emozioni: la malinconica vista di Alcatraz, l’attraversamento della magnifica Chinatown e l’arrivo al Fisherman’s Wharf, dove la cosa più caratteristica sono le centinaia di leoni marini che stazionano sulle zattere ormeggiate al Pier 39.

20151001-141813.jpg

L’auto è comunque indispensabile per attraversare il Golden Gate Bridge e godere della vista di tutta la Baia di San Francisco prima di tornare in città.

20151001-144240.jpg

Con tutto questo girare vi sarà venuta sicuramente fame, dunque propongo un pranzo decisamente stile San Francisco, che può essere una porzione di straordinari Dungeness Crab, i granchi autoctoni della Bay Area, da acquistare a una delle bancarelle del Fisherman’s Wharf e gustare su una panchina guardando la baia. Sono bolliti e vengono venduti completi di una ciotolina di burro fuso aromatizzato.

20151002-004606.jpg

Io ci aggiungerei anche una Clam Cowder calda magari servita in un panino: è un’esperienza indimenticabile, soprattutto perché a San Francisco fa sempre freddo ad esclusione dei pochi giorni dell’Estate Indiana, che sarebbe un po’ l’equivalente della nostra Estate di San Martino.

20151002-005009.jpg

Cosa manca per completare un primo assaggio di San Francisco? Fare shopping a Union Square, da Macy’s e da Saks, che hanno sempre un irresistibile angolo delle occasioni in ogni stagione.
La vista più bella della piazza è quella che si gode dalla terrazza dei ristorante The Cheesecake Factory, che consiglio vivamente.

20151002-011206.jpg

Non si può evitare la visita al Golden Gate Park, il parco cittadino più esteso del mondo, ricco di piante, fiori, animali, serre e padiglioni bellissimi, dove ci si può ossigenare e rilassare.

20151003-013546.jpg

Un’ultima tappa a Ghirardelli Square, l’antica fabbrica del cioccolato convertita in centro commerciale e si può affermare di aver visto quasi tutto di San Francisco.

20151002-011440.jpg

Se volete fare i turisti fino in fondo, che è una cosa estremamente piacevole, a cena andate a rimpinzarvi di gamberi al Bubba Gump Shrimp Co. sul molo, con una splendida vista e un servizio assolutamente informale.

20151002-012130.jpg

I richiami a Forrest Gump, anche se ormai datati, sono un po’ in tutto il locale, ma mentre qui li avrei considerati assolutamente kitsch, là mi hanno divertito da morire, tanto da indurmi a rubare la ricetta dei gamberi fritti che vi ho proposto nel post citato prima.

20151002-095248.jpg

Mi pare che questo post riesca a dare un’idea di come si presenta San Francisco ai turisti, per saperne qualcosa di più non vi resta che acquistare il mio libro “U.S.A. & Jet Ovvero come sopravvivere ai viaggi fai da te in America” su Amazon o ordinandolo in una Libreria Feltrinelli, come vi è più comodo.


Archiviato in:Di tutto un po' Tagged: Alamo Square, Alcatraz, Bay Area, Bubba Gump Shrimp Co., Cable Car, Chinatown, clam chowder, Dungeness Crab, Estate Indiana, Fisherman's Wharf, Forrest Gump, Ghirardelli Square, Golden Gate Bridge, leoni marini, Lombard Street, Macy's, Painted Ladies, Pier 39, Saks, skyline, The Cheesecake Factory, Union Square

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines