Magazine Cinema

Scrivere per Fukushima

Creato il 09 aprile 2013 da Makoto @makotoster
Scrivere per Fukushima A due anni dalla tragedia del grande terremoto e dello tsunami del Giappone orientale e del successivo inquinamento nucleare, la ricostruzione procede a rilento e decine di migliaia di persone stentano a riprendere una vita normale.Subito dopo la catastrofe, un gruppo di scrittori giapponesi ha contribuito alla raccolta dei fondi per le vittime con dei racconti inediti che hanno dato vita al volume Ruptured Fiction(s) of the Earthquake, pubblicato in Giappone da Waseda Bungakukai.Con uguale impegno altruistico un gruppo di autorevoli traduttori italiani ha lavorato gratuitamente per realizzare l'edizione italiana del libro, che esce ora da Atmosphere Libri con la cura minuziosa di Gianluca Coci, e i cui proventi delle vendite saranno devoluti alla Croce Rossa giapponese.
Il volume non ha però soltanto un significato come opera di beneficienza ma anche un proprio valore letterario autonomo. Molti degli autori, infatti, sono infatti molto noti in Giappone anche se inediti in Italia. E' quindi un'occasione per avvicinarsi a scrittori contemporanei di cui, speriamo, presto o tardi potremo leggere le opere in lingua italiana.Dato il carattere dell'iniziativa, è doveroso "ringraziare" tutti coloro che hanno partecipato, citandoli per esteso.
Scrivere per FukushimaGli autori: Abe Kazushige, Aoki Jungo, Asabuki Marico, Enjō Tō, Fujii Hisako, Fukunaga Shin, Furukawa Hideo, Ichikawa makoto, David Karashima, Kashimada Maki, Kawakami Mieko, Kinoshita Furukuri, Yoko Ono Lennon, Makita Makuyo, Matsuda Aoko, Murata Sayaka, Nakamori Akio, Nakamura Fuminori, Saitō Tamaki, Shigematsu Kiyoshi, Tanikawa Shuntarō, Toeda Hirokazu, Yoshikawa Yasuhisa.
I traduttori: Luisa Bienati, Luca Capponcelli, Tiziana Carpi, Gianluca Coci, Emanuela Costa, Gala Maria Follaco, Chiara Ghidini, Matilde Mastrangelo, Andrea Maurizi, Maria Teresa Orsi, Antonietta Pastore, Tommaso Pincio, Sagiyama Ikuko, Paola Scrolavezza, Laura Testaverde.Il volume è acquistabile anche online sul sito dell'editore.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog