Magazine Società

Se la povertà è vittima dei nostri stereotipi /"Poor Economics" prova a smentirli

Creato il 19 marzo 2011 da Marianna06

Coloro che guadagnano meno di un dollaro al giorno statisticamente costituiscono sull'intero pianeta il 13%.

Come viene speso questo  modestissimo reddito dai loro possessori?

E ancora, visto che si parla di "povertà", come fare per alleviarla?

Una guida in tale  direzione ci viene da un libro di due motivatissimi ricercatori  in materia di Sviluppo del mitico MIT ossia il Massachusetts Institute of Tecnology.

Titolo del lavoro è "Poor Economics".

Esso è già in vendita negli Usa e, a breve, verrà  proposto tradotto in Gran Bretagna e, probabilmente, anche in Italia.

Il metodo di lavoro di Banerjee e Duflo, i ricercatori, esula completamente da qualsiasi generalizzazione sullo sviluppo realizzato o mancato dei poveri ,così come risulta essere molto scettico sulle cifre" gonfiate" e quindi poco attendibili dei  noti Rapporti ufficiali, che spesso  il comune cittadino si ritrova a leggere.

Essi, per il loro studio, hanno fatto interviste sul campo.

 Cioè hanno parlato con i diretti interessati: i poveri.

E cosa è emerso?

E' venuto fuori che il fallimento delle politiche governative, un po' dovunque, nei diversi continenti, scaturisce proprio dalla  nostra"non conoscenza" effettiva dei poveri.

O meglio da quella che i Governi non hanno.

Un assunto, direi, fortemente provocatorio e perciò accattivante.

Prendendo il campione dei poveri che vivono con uno scarso dollaro al giorno, ad esempio, è emerso che quel dollaro non viene speso interamente in cibo.

In 18 Paesi il cibo rappresenta tra il 36% e il 79% del consumo dei poveri, che vivono contesti rurali, mentre piuttosto  è  il 53% e  il 74% per quelli cittadini.

E per ogni aumento dell' 1% del reddito essi, i poveri, e consumano in cibo solo lo  0,67%.

E non si tratta, quasi sempre, di un aumento del numero di calorie quanto sopratutto della piacevolezza dei sapori.

Vedi il caso dello zucchero.

I poveri spendono il 7% del loro badget totale in zucchero che, come fonte di calorie, è più caro dei cereali e ha scarso valore nutrizionale.

A proposito di questo mi viene in mente(io bambina) l'Italia povera dell'immediato dopoguerra, anni'50, quando, se si voleva fare un regalo gradito ad una famiglia di parenti o conoscenti ,si regalava appunto dello zucchero.

"Poor Economics" ci pone un sacco d'interrogativi, che scopriremo nel corso della lettura, ma ci dice anche che ogni anno muoiono 9 milioni di bambini, figli di questi poveri, e muoiono febbricitanti, per cause banali come una diarrea, per mancanza assoluta di reidratazione.

Reidrazione che potrebbe avvenire utilizzando appunto acqua arricchita con zucchero e comunissimo sale.

Il libro sostanzialmente vuole far riflettere la società cosiddetta opulenta(ma di opulenza in giro di questi tempi ce n 'è poca!!!) sull' efficacia vera di un aiuto ai poveri.

Essa  efficacia dipende ,secondo i due ricercatori del MIT, principalmente dall'informazione , che hanno i poveri su come fare fronte ai propri problemi. Solitamente invece  l'informazione è  insufficiente o sbagliata.

E poi dalla razionalizzazione , adeguata o meno, di ogni problema da affrontare e risolvere.

Interessante è comunque questo dato estrapolato e che riguarda, a proposito di ricchi e poveri, le disuguaglianze  nel mondo.

L'Italia attualmente risulta essere  addirittura al 52° posto della graduatoria Gini (peggio dell'Egitto) e gli USA al 74°, preceduti da Turchia e Tunisia.

Insomma, a lettura ultimata, sicuramente dovremmo tutti rivedere i nostri parametri di valutazione a proposito di sviluppo, di ricchezza e di povertà.

E non sarà affatto un male. Anzi.

 

   A cura di  Marianna Micheluzzi (Ukundimana)

Poor%20Economics%20Cover
 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Se telefonando

    telefonando

    Al ######6101, risponde Michele Santoro. Il premier invece è raggiungibile al ######0431. Allo 02.6749871 risponde l'istituto "Carlo De Martino" per la... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Io, se fossi Saviano

    fossi Saviano

    , avrei lasciato Mondadori da un pezzo. L’avrei fatto per dare segno e forza ulteriori alla battaglia delle idee e dell’integrità etica di cui lo scrittore... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    SOCIETÀ
  • Se non parlo

    della Shoah, non è per indifferenza. Anzi.È un evento che mi tocca molto nel profondo, ma non mi sento in diritto di parlarne. Io non sono ebrea, non sono... Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    SOCIETÀ
  • Se non ora quando?

    quando?

    APPELLO ALLA MOBILITAZIONE DELLE DONNE ITALIANE DOMENICA 13 FEBBRAIO 2011In Italia la maggioranza delle donne lavora fuori o dentro casa, crea ricchezza, cerca... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ
  • Se non ora quando?

    quando?

    http://senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com/APPELLO ALLA MOBILITAZIONE DELLE DONNE ITALIANE DOMENICA 13 FEBBRAIO 2011Oggi hanno aderito Forum Terzo Settor... Leggere il seguito

    Da  Anna
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Perché se ne vanno?

    ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”, CLICCANDO IN FONDO A QUESTA PAGINA! “Stipendi bassi, lavoro precari, zero prospettive per il futuro“: è tanto preciso... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Se non ora quando?

    quando?

    " Quest' Italia non è un Paese per donne.Solo che L'Italia è costituita per metà da donne, ragazze e bambine il cui sguardo sul mondo e sulla vita è il... Leggere il seguito

    Da  Sandra
    PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ