Magazine Fotografia

Se non è Vintage non è bello

Da Kelidon @kelidonphoto
Guardatevi intorno e fateci caso: è tutto un fiorire di automobili (Fiat 500, Volkswagen Maggiolone, Mini Minor) e motociclette (Norton, BSA, Triumph, Guzzi, Benelli) dal look “datato”, per non parlare dei frigoriferi che sembrano usciti direttamente da una puntata di “Happy Days”, delle radio a transistor che sembrano invece a valvole, del vestiario che passa con disinvoltura da precisi richiami anni '60 alle “zampe d'elefante” anni '70 fino ai Moncler e agli scarponcini da paninaro anni '80! Insomma, pare che nel campo dello stile, il vintage tiri, eccome. E in campo fotografico? Pure. 
Se non è Vintage non è bello
Basti pensare al ritorno -sebbene sotto forma digitale- della mitica Olympus Pen, o al look delle nuove Fuji serie X o al rilancio della pellicola (col ritorno della mitica Ferrania), e addirittura della Polaroid, grazie all'Impossible Project. Ma nel nostro settore le cose sono un po' più complesse, io credo. Il fatto è che il ritorno all'utilizzo della pellicola e delle tecniche tradizionali non è semplicemente una reazione allo strapotere della tecnologia e dei bit. Io sono anzi convinto del contrario. Una volta, ai tempi della pellicola-e-basta, chi voleva avere un certo controllo sulle proprie immagini non aveva molte scelte: doveva utilizzare il bianco e nero e attrezzarsi con una bella camera oscura dove trascorrere lunghissime ore respirando la puzza immonda dei bagni chimici allo scopo di elaborare il proprio prezioso negativo correggendone difetti ed esaltandone i pregi. Un lavoro che, come posso testimoniare direttamente, non sempre dava i frutti sperati, e di certo comportava grandi perdite di tempo, inquinamento ambientale e un notevole spreco di materiali e risorse. Non è un caso che la stampa in proprio delle fotografie venisse considerato un campo un po' esoterico, da adepti, che segnava la demarcazione tra un vero fotoamatore e uno scattino della domenica! 
Se non è Vintage non è bello
Oggi invece, una volta che abbiamo in mano il nostro bel negativo (o la diapositiva) non dobbiamo far altro che scansirlo (o rifotografarlo con una fotocamera digitale) per accedere ad una gamma di controlli ed elaborazioni assolutamente infinita! In altre parole possiamo tenere la gamba in due staffe, sfruttare il look analogico senza rinunciare al controllo digitale, esattamente come un centauro dei nostri giorni può cavalcare una fiammante Norton stile anni '60 senza dover subire le conseguenze di un motore che procede a strappi, sputa olio e inquina! O guidare una Fiat 500 senza l'improbabile manovra a cui l'originale anni '60 costringeva per il cambio marcia (la cosiddetta "doppietta")! Inoltre, grazie a Internet, il fotografo può oggi condividere sui social networks o sui siti specializzati i propri risultati e ricevere critiche e consigli potenzialmente da migliaia di persone, invece di dover inviare la propria foto unica e irripetibile al redattore di una rivista che magari la cestina non trovandola degna di pubblicazione, cosa che avveniva assai spesso a coloro che abbandonavano il sentiero ben tracciato della normale fotografia amatoriale per navigare nei mari agitati e sconosciuti della fotografia creativa! Ecco, io attribuisco il ritorno della pellicola, e il successo della Lomografia, delle Toy Cameras, del foro stenopeico, non tanto e non solo alla ribellione al digitale e alla tecnologia (che pure c'è, visto che stiamo raggiungendo la saturazione, tra smartphones e gadgets vari), quanto alla soddisfazione di poter utilizzare strumenti “inadeguati” in un'epoca in cui la tecnologia ci consente comunque di gestire i risultati, traendone l'immagine che avevamo in mente.
Se non è Vintage non è bello
Per fortuna l'aspetto delle fotografie fatte con la Holga o le fotocamere anni '50 è difficilmente imitabile con Photoshop: quest'ultimo, e tutti gli altri programmi di elaborazione, però, ci permettono di ricavare dalle Toy Cameras e dalla fotocamere vintage immagini corrette e degne di essere guardate, cosa non sempre garantita venti o trenta anni fa, quando certe fotocamere venivano normalmente usate non a scopi creativi, ma solo perché costituivano lo standard dell'epoca, soprattutto per coloro che non avevano i fondi -o la voglia- di acquistare una reflex o una Leica...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Primavera Vintage

    Primavera Vintage

    Per gli amanti del tema, sta per cominciare una sfrenata kermesse di manifestazioni a tema vintage che non lasceranno spazio a nient’altro: nuove scoperte di... Leggere il seguito

    Da  Annaulaola
    HOBBY, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Vintage

    Vintage

    18 Marzo 2013. Piove e c'è freddo. Torino e Milano ricoperte da fiocchi di neve. Io. Non. Ci. Credo! Ma che tempo assurdo! Io ho voglia di liberarmi dalle calze... Leggere il seguito

    Da  Eleglam
    LIFESTYLE
  • Love Vintage...

    Love Vintage...

    Con questa massima che ho fatto mia per quanto riguarda l'arredo e non solo vi auguro una buona giornata!!! Io sono euforica domani sarò a fare lo shooting di... Leggere il seguito

    Da  Thinkshabby
    LIFESTYLE
  • What’s next? Vintage!

    What’s next? Vintage!

    Atmosfera antica, oggetti d’altri tempi, shopping esclusivo; questo week-end non potete perdere il consueto appuntamento tutto dedicato al passato. Leggere il seguito

    Da  Annaulaola
    HOBBY, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Next vintage

    Next vintage

    Dal 20 al 25 aprile 2013, nella splendida cornice del Castello di Belgioioso a Pavia, avrete la possibilità di tornare indietro nel tempo. Leggere il seguito

    Da  Harimag
    ARCHITETTURA E DESIGN, LIFESTYLE
  • Nuovi Articoli Vintage

    Nuovi Articoli Vintage

    Oggi vi presento in anteprima i nuovi articoli vintage del prossimo campionario. Pompa di benzina, metallo, 62x22x15 cm, effetto anticato blu/bianco Tutti quest... Leggere il seguito

    Da  Creationvetrina
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Reclaimed Vintage

    Reclaimed Vintage

    - La tartaruga non è solo sugli addominali, è molto più semplice metterla su con gli occhiali. Questi sono molto carini, e stanno a bene anche ai nasi,... Leggere il seguito

    Da  Thewishlistdiary
    LIFESTYLE, MODA E TREND

Dossier Paperblog

Magazines