Magazine Cultura

“Sentieri di notte” – Giovanni Agnoloni

Creato il 19 novembre 2012 da Temperamente

“Sentieri di notte” – Giovanni AgnoloniTraduttore, saggista elegante e originale, persona piacevolissima e di grande cultura, Giovanni Agnoloni esordisce in campo narrativo con una storia che mescola fantascienza, giallo, romanzo psicologico e narrativa mainstream, dando forma a un esemplare perfetto di poetica connettivista. Questo movimento letterario, a cui l’Autore appartiene, ha tra le sue linee guida proprio la fusione tra i generi, la connessione (sulla scia del cyberpunk) tra scienza e speculazione sociale in una sintesi che mette in campo le sperimentazioni tipiche dell’avanguardia.

Sentieri di notte è un viaggio iniziatico, una ricerca spirituale, un’alternanza di luci e ombre tra Cracovia e Berlino (città che Agnoloni mostra di conoscere molto bene e che hanno lasciato in lui un segno profondo), tra atmosfere mitteleuropee, fantasmi del passato e incertezze sul futuro.

Agganciata alla realtà nonostante le sfumature mutuate da diversi generi letterari, la trama intreccia i destini di più personaggi, dando vita a un romanzo corale che affronta la storia da più angolazioni. In un’Europa prigioniera della multinazionale informatica Macros, camminano misteriose intelligenze artificiali, mentre una misteriosa e inquietante nube bianca sta inghiottendo la città di Cracovia. L’androide Luther e il programmatore cieco Krueger (le cui vicende sono narrate in terza persona) e uno studioso di teologia (che invece racconta in prima persona la sua storia) si muovono alla ricerca di ciò che può salvare l’umanità da un sistema che vuole renderla schiava tramite il controllo dell’energia e della comunicazione. Al centro della nebbia (il Bianco, omaggio alla Cecità di Saramago) si troveranno tutte le risposte.

Agnoloni gestisce abilmente i diversi punti di vista e ci regala un romanzo stilisticamente scorrevole, in cui si incontrano descrizioni geografiche, analisi scientifiche, riferimenti storici e filosofici e da cui si intuiscono (senza che la narrazione ne venga mai appesantita) una profonda cultura e una lunga ricerca spirituale.

La conclusione può riassumersi in quello che è stato lo slogan del primo festival connettivista svoltosi a Roma alla fine di ottobre: “Dove stiamo volando?”. Agnoloni alza il sipario e ci lascia gettare uno sguardo su come potrebbe essere la post-umanità. Un mondo in cui gli androidi non “sognano pecore elettriche”, ma compiono un percorso di evoluzione spirituale: non l’uomo che diventa macchina, dunque, ma la macchina che si umanizza.

Un romanzo che mostra come la tesi del connettivismo possa attuarsi senza traumi, attraversando generi letterari al di fuori di restrittive catalogazioni.

Monica Serra

Giovanni Agnoloni, Sentieri di Notte, Galaad Edizioni, 2012


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Giovanni Episcopo di Gabriele D’Annunzio

    Giovanni Episcopo Gabriele D’Annunzio

    Gabriele D’AnnunzioGabriele D’Annunzio nasce a Pescara nel 1863 da una famiglia della borghesia terriera. Dopo aver conseguito la licenza liceale, pubblica,... Leggere il seguito

    Da  Nasreen
    CULTURA, LIBRI
  • In memoria di Giovanni Falcone

    memoria Giovanni Falcone

    Il 23 maggio 1992 le vite di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e di tre uomini della sua scorta (Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro e Vito... Leggere il seguito

    Da  Apregesta7
    CULTURA
  • L’uomo che manca – Giovanni Dozzini

    L’uomo manca Giovanni Dozzini

    Recensione di Eleonora Rossi Dramma al cantiere. Incidente sul lavoro a Nocera: operaio in fin di vita L’operaio è precipitato dal secondo piano mentre stava... Leggere il seguito

    Da  Viadeiserpenti
    CULTURA, LIBRI
  • Malacrianza – Giovanni Greco

    Malacrianza Giovanni Greco

    Proseguiamo con Malacrianza di Giovanni Greco le recensioni dei libri editi da case editrici romane che sono rientrati nella rosa dei 12 candidati al Premio... Leggere il seguito

    Da  Viadeiserpenti
    CULTURA, LIBRI
  • Giovanni firmato D’Alemagna.

    Giovanni firmato D’Alemagna.

    La Venezia del XV secolo Venezia si è un polo d’attrazione per l’arte e la bellezza in tutte le sue forme. La città di San Marco è un vortice di opportunità,... Leggere il seguito

    Da  Aljo
    ARTE, CULTURA, PITTURA
  • Giovanni Tolu

    , famoso bandito di Florinas, piccolo villaggio del Sassarese, è stato un uomo la cui rocambolesca esistenza descrive in profondità il tempo e i diversi... Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    CULTURA
  • 8-Giovanni Galbaio

    8-Giovanni Galbaio

    L’8° Doge 787-803 Da co-reggente del padre a Doge senza il crisma di un’elezione, si barcamenò tra i Franchi ostili di Carlomagno e l’imperatrice Irene di... Leggere il seguito

    Da  Aljo
    ARTE, CULTURA
Da Maria Antonietta Pinna
Inviato il 27 novembre a 13:56

Figurati, Giovanni, è la verità e il tuo libro merita

Da Maria Antonietta Pinna
Inviato il 27 novembre a 13:52

bella recensione per un libro suggestivo, scritta molto bene

Magazine