Magazine Società

Si fa presto a dire riforme

Creato il 02 gennaio 2013 da Funicelli

Non c'è più sinistra o destra, ma chi vuole riformare il paese e chi no. Questo il succo dell'intervista del neocandidato Monti a Radio Anch'io: in risposta a Bersani che chiedeva chiarimenti sulla sua posizione e a voler ribadire che non avremo altra agenda all'infuori della sua.
Agenda piena di riforme: sul lavoro, sullo stato, sulla giustizia.
Chi non è d'accordo, dunque, nel fare riforme che creino posti di lavoro? Certo, stiamo aspettando gli effetti delle riforme già fatte. Ma la luce in fondo al tunnel..
Riforme, e anche le solite promesse elettorali: toglieremo un punto di tasse sul lavoro. Chissà perché lo dice adesso e non l'ha fatto prima.
Si fa presto a dire riforme. Lo dice Monti e lo dice Berlusconi. Tutti, in Italia, vogliono riformare tutto. Scuola, università, giustizia, mercati, professioni.
Il problema non è dirle, o annunciarle. È in quello che ci si mette dentro, le riforme.
Nel suo discorso di fine anno, la Merkel: “siamo contenti di aver aumentato gli stanziamenti per la ricerca e la scuola dato che, se noi sappiamo fare ciò che gli altri non sanno fare, crescerà il lavoro e e il benessere”.
Quanti soldi si stanziano in Italia nella ricerca, nella scuola pubblica, nell'università pubblica?
Mentre in Italia si tagliano posti letto, il Senato di Schifani ha deciso di rafforzare il presidio del suo ambulatorio. Il bando ha aperto una selezione per cinque specialisti in cardiologia e anestesia. La struttura ci costa 700000 euro l'anno.
Il presidente della Repubblica ha chiesto, nel discorso di fine anno, ai partiti e al prossimo governo, attenzione alle tematiche sociali. In special modo per il sud, per la Sardegna. Ma anche per i terremotati dell'Emilia e della Lombardia. Cosa rispondiamo?
Molti dipenderà dagli eletti: che dovranno essere al di sopra di ogni sospetto, lontani da sospetti di vicinanza con la mafia, da conflitti di interesse.

Aspettiamo la luce in fondo al tunnel



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Clandestino non si nasce, si diventa

    Clandestino nasce, diventa

    - Di Mara Formaggia Il termine clandestino indica semplicemente la condizione di un cittadino presente in un Paese sprovvisto di regolare permesso per... Leggere il seguito

    Da  Giornalismo2012
    POLITICA INTERNAZIONALE, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Previsioni che si avverano

    Previsioni avverano

    Ecco i passaggi salienti di una lettera che George C. Andrews ha ricevuto da parte di una persona che afferma di essere stata rapita da entità extraterrestri,... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Assolutamente SI’

    Riceviamo dal Movimento cinque stelle valdostano e volentieri pubblichiamo.Il Movimento Cinque Stelle della Valle d’Aosta, riunitosi in data 16 luglio 2012, ha... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Siria: si combatte ovunque

    Siria: combatte ovunque

    di Redazione Contropiano La situazione si aggrava di ora in ora. Gran parte della Siria è fiamme, scontri e bombardamenti si segnalano ovunque, i più duri ad... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Lei si incazza!

    Molto tempo fa venne consegnata una petizione di undicimila firme che chiedeva alla Regione un confronto sulle due modalità di smaltimento dei rifiuti, quella... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • >>Oggi si vendono mitologie

    >>Oggi vendono mitologie

    La “società dell’immagine” si esprime attraverso i media: la televisione, i giornali, internet etc. Essa “diffonde il suo messaggio” in tanti settori: lo... Leggere il seguito

    Da  Felice Monda
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Certo che SI’!

    Riceviamo da Valle virtuosa e volentieri pubblichiamo. Inoltre facciamo nostro l’appello per il sostegno al Comitato del sì a cui senza indugio aderiamo. Valle... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ