Magazine Cultura

Siamo qui - Ortone e il mondo dei Chi

Creato il 25 dicembre 2010 da Spaceoddity
Siamo qui - Ortone e il mondo dei ChiImmagina che esista un mondo, un mondo piccolo piccolo che chiede aiuto e vede nella tua esistenza tanto un pericolo quanto la salvezza. Immagina di tenere in mano queste loro speranze e di doverle difendere contro un mondo incapace di andare oltre ciò che si vede, ciò che si sente, ciò che si sente.
Immagina di doverti difendere in un mondo che non sa guardare in cielo senza stupirsi dei colori che può assumere, dei nessi estemporanei e condivisi tra cause ed effetti. Immagina che tu sia un elefante e che oltre la sfera di un fiore qualsiasi e oltre la volta celeste vi sia vita che pulsa, vita in pericolo, vita inconsapevole, anime vive e anime incredule.
C'è un film di animazione, stupendo, in cui tutto ciò accade: è Ortone e il mondo dei Chi, un lungometraggio di quasi ottanta minuti di grazia visiva e invito alla fede che c'è qualcosa oltre ciò che non vediamo. Non l'eco lontana del piccolo principe, l'essenziale è invisibile agli occhi, ma qualcosa di più intimo e mistico insieme: l'essenziale è oltre ciò che gli occhi possono vedere, le orecchie sentire, le dita toccare.
O forse, forse, neanche questo è l'essenziale. Neanche la mancata corrispondenza tra ciò che sentiamo e ciò che vediamo o tocchiamo, neanche le conseguenze che una simile "arbitraria" sintesi in un concetto ostico - e talvolta ostile - come la fede può portare a un uomo nell'appartenenza a una società che non la condivide. Forse l'essenziale di questo incantevole film è l'accettazione della finitezza del mondo e delle sue cause, l'apertura ad altri mondi ed altre cause.
Siamo qui - Ortone e il mondo dei ChiVoglio dire: non è necessario arrivare a Dio, no, neanche oggi che è Natale e che chi scrive si unisce al coro dei Non-So-Chi nel gridare, pieni di speranza, Siamo qui. Basterebbe guardarsi un po' meglio, basterebbe guardarsi allo specchio e notare quanto siamo piccoli e grandi, quanto siamo uomini, basterebbe scoprire il proprio volume, la propria voce, come se fosse nuova, basterebbe scoprirsi in vita, in relazione con la vita, aperti alla sua germinazione infinita, al suo gioioso e talvolta incomprensibile proliferare, al suo caos improvviso, per apprezzare voci che vengono da lontano dicendoti che ci sono. Aprirsi al mondo e alla vita che supera anche le barriere della vista, del suono, dell'impalpabile.
Buon Natale, miei cari lettori.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Siamo tutti eroi

    Siamo tutti eroi

    30 settembre Mario Geremia, 55 anni morto investito dall'alta concentrazione di ossido, lavorava per la Vinigris 25 settembre Salvatore Balistreri, 42 anni mort... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Siamo tornati

    Siamo tornati

    E' passato un pò dall'ultimo aggiornamento, ci scusiamo ma stavamo aspettando una cosa riguardante il sito. Bando alle ciance passiamo ai fatti, le release di... Leggere il seguito

    Da  3ck
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Ci siamo...

    Oggi è il grande giorno: questa sera, alle ore 20.30, al Teatro "Silvio Pellico" di Trieste debuttiamo nella nuova commedia "NO XE BEL QUEL CHE XE BEL, MA XE BE... Leggere il seguito

    Da  Icocaits
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Chi siamo

    siamo

    Ecco chi fa parte dello staff di TuttosuilibriBLOG Irene Pecikar Ideatrice, curatrice e responsabile del blog Sono nata a Trieste nel 1972. Leggere il seguito

    Da  Tuttosuilibri
    CULTURA, LIBRI
  • Siamo circondati da satrapi

    Siamo circondati satrapi

    Lastsupper by Guerra De La Paz«Un Cesare è più simile a un sindaco di paese che a uno spirito sovranamente lucido ma privo di istinto di dominio. L'importante... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Siamo degli schifosi

    Siamo degli schifosi

    E' vero. C'è poco da dire. Ci assentiamo come delle suore a una gang bang (mmm, pensandoci bene forse potremmo trovarcele invece), come impiegati al comune (ecc... Leggere il seguito

    Da  Thebackinblack
    CULTURA
  • Siamo tutti italiani

    Siamo tutti italiani

    COME SIAMOCOME ERAVAMO 0.000000 0.000000 Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine