Magazine Società

Sicurezza al cimitero. Servono misure serie

Creato il 28 dicembre 2011 da Laperonza

 

montegranaro, cimitero, campo, santo, maresciallo
Torno brevemente sulla profanazione della tomba del Maresciallo Puggioni perché, leggendo i giornali, apprendo della soluzione proposta di porre una sorta di cancello nell’area dov’è sepolto il compianto ex comandante dei Carabinieri di Montegranaro. Francamente non capisco: se questa è una soluzione che possa essere valida per il caso specifico (e probabilmente lo è) non mi pare che invece risolva alcunché in termini generali.

 

Credo che il caso del Maresciallo segnali un deficit di sicurezza che va preso molto sul serio. Giustamente Marisa Colibazzi sul Resto del Carlino di oggi evidenzia come, qualora vi fosse anche stato un casuale testimone dell’ultimo misfatto sulla tomba di Puggioni, questi avrebbe corso seri rischi in quanto il cimitero non è minimamente vigilato. Eppure questa non è l’unica profanazione registrata a Montegranaro mentre esistono diversi casi di piccoli furti nei confronti di tombe e di visitatori.

 

Evidentemente serve molto di più che un cancello. E se è vero che per avere delle telecamere di sorveglianza che funzionino serve tempo, è anche vero che di tempo, dalla prima denuncia, ce n’è stato in abbondanza. Speriamo che ora non ci sia più da aspettare, sia per la famiglia (a me cara) di Francesco Puggioni sia per tutta Montegranaro.

 

Infine una piccola nota a margine: non credo sia possibile che quanto accaduto il 26 dicembre scorso, in pieno giorno, non sia stato notato da nessuno. Sono piuttosto sicuro che qualcuno debba aver almeno notato qualcosa. Questo silenzio suona molto male a Montegranaro, terra storicamente civile e coraggiosa. L’omertà non ci porterà da nessuna parte.

 

Luca Craia

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :