Magazine Cinema

Skellig, di David Almond

Creato il 06 febbraio 2013 da Rivista Fralerighe @RivFralerighe

Se le porte della percezione venissero sgombrate, tutto apparirebbe all’uomo come in effetti è, infinito. William Blake

Skellig, di David AlmondSkellig è la storia di Michael, un ragazzino alle prese con un momento difficile della sua vita: la sorellina nata prematura è ammalata e la famiglia si è appena trasferita in una casa più grande, tutta da ripulire e ristrutturare.
In questo stato di temporanea indigenza, nel garage pericolante, incontra Skellig, strano essere alato sofferente di una grave forma di artrite, abituato a cibarsi di insetti e piccoli animali, ma amante della cucina cinese e della birra scura. Con l’aiuto della coetanea, stravagante amica Mina, Michael si avvicina alla misteriosa creatura. Nasce tra loro un rapporto di magica complicità.

Chi o cosa è Skellig? Finiremo per comprendere che non importa. Skellig è lo stupore innocente con cui i bambini si accostano alla diversità. La semplicità con cui affrontano il dolore. La naturalezza con cui sanno dare amore senza mai pronunciarne il nome. Skellig è la possibilità di credere nei miracoli. È ammalato e scorbutico, affamato e debole, ma se solo apriamo occhi nuovi al mondo, diamo a Skellig il vigore necessario per tornare a volare. Perché Skellig è l’energia di una neonata in lotta per la vita. La forza di liberare l’Angelo fossilizzato dentro ognuno di noi.

Skellig, di David Almond

Tim Roth interpreta Skelling nel film di Annabel Jankel tratto dal romanzo.

Con il suo stile innovativo e poetico, lontano dai classici schemi del romanzo per ragazzi, David Almond delinea i tratti di un personaggio indimenticabile in una storia delicata, fatta di sofferenza, amore e meraviglia.

Premiato con il Whitbread Children’s Award e la Carnegie Medal e già presentato in una riduzione teatrale, e come film per la TV, Skellig, opera di rara bellezza dedicata ai ragazzi, coinvolge e affascina anche il pubblico adulto.

David Almond, nato a Newcastle nel ’51, è uno dei migliori autori inglesi per ragazzi. In Italia, dopo Skellig, uscito prima con Mondadori e in seguito con Salani, ha pubblicato molti altri romanzi; sicuramente da citare: L’uomo che mangiava il fuoco e Il grande gioco entrambi editi da Mondadori. Nel 2009 è uscito Il Selvaggio (Ed. BD), una graphic novel con le affascinanti illustrazioni di Dave McKean, mentre nel 2011, l’ultimo romanzo, La storia di Mina (Salani), strutturato come se si trattasse del diario personale di Mina, uno dei personaggi di Skellig.

Anna Giraldo



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pitch Black – David Twohy, 2000

    Pitch Black David Twohy, 2000

    Pelato! Non ricordavo di che anno fosse Pitch Black, ma il titolo mi ronzava in testa da un po’ di tempo. L’ho scaricato (…) e l’ho visto solo un giorno dopo,... Leggere il seguito

    Da  Paolo_ottomano
    CINEMA, CULTURA
  • David Lynch: una classifica

    David Lynch: classifica

    Da oggi parte una serie di classificando speciale. Per speciale intendo dedicata a film di un singolo regista e per regista intendo alcuni di quelli che potete... Leggere il seguito

    Da  Frank_romantico
    CINEMA, CULTURA
  • David Slade

    Do Geese See God? (corto) (2004) Hard Candy (2005) - 2,5/5 30 giorni di buio (30 Days of Night) (2007) The Twilight Saga: Eclipse (2010) Slade (1969), inglese,... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
  • Not Fade Away - David Chase

    Fade Away David Chase

    Not Fade Away segna il debutto sul grande schermo di uno che si può facilmente considerare come un mito della Tv americana, ovvero quel David Chase che... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Phil Spector - David Mamet

    Phil Spector David Mamet

    Phil Spector è stato uno dei più importanti produttori della storia della musica, ha creato un numero incalcolabile di Hit... cioè tanto per capirci, i sound... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • End of Watch - David Ayer

    Watch David Ayer

    Lo stile documentario o di "auto-ripresa" dopo aver spadroneggiato nell'horror, comincia piano piano ad espandersi anche in altri generi. Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Brian Koppelman & David Levien

    Compagnie pericolose (Knockaround Guys) (2001) Solitary Man (2009) - 3/5 Koppelman e Levien sono due sceneggiatori e produttori americani, ch in un paio di... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
Da Bianca Bersani
Inviato il 19 febbraio a 20:09

pappapapappapapappapapapappapapapappapapapappapa

Da Bianca Bersani
Inviato il 19 febbraio a 20:09

fico fico fico fico fico fico fioficoficoficoficoficfocifocificofifcoficoficoficoficofi