Magazine Cinema

Sole a catinelle: Checco Zalone è l’Italia che funziona

Creato il 21 novembre 2013 da Cosavederealcinema

Dopo “Cado dalle nubi” e “Che bella giornata”, il meteorologo Checco Zalone torna con l’ennesimo film di enorme successo “Sole a catinelle”.

Fin da subito la formula magica che solo Zalone conosce non ha deluso le aspettative. L’1 novembre, infatti, il film ha registrato il più alto incasso giornaliero della storia italiana con 5.238.878 euro, superando il record precedente detenuto da “Che bella giornata”.

Sole a catinelle è un film godibile, che parte lento, ma che si rivela brillante, sottile ed ironico.

E nonostante Checco Zalone in primis non ammetta quanto questo film comico, che tutti andiamo a vedere per ridere un po’, nasconda in realtà un messaggio molto intelligente… è evidente che se i suoi lungometraggi continuino ad avere grande successo è soprattutto perché ci raccontano qualcosa, al di là degli sketch divertenti.

E allora, dopo aver presentato a modo suo omofobia e xenofobia, Checco oggi ci racconta la crisi, e la necessità di affrontarla, di smetterla di parlarne senza trovare soluzioni, di abbandonare l’inutile pessimismo e lo sconforto e comincia a superarla grazie a un atteggiamento propositivo, semplice e concreto.

Dopotutto diceva Giacomo Leopardi (che evidentemente non ne era capace) “Chi ha il coraggio di sorridere, è padrone del mondo”.

“Sole a catinelle” è un film divertente, che proclama Checco Zalone il vero comico del momento, capace di soddisfare le altissime aspettative di tutti. Solitamente, operazione impossibile.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazines