Magazine Cultura

Speciale Halloween #2: Libri consigliati, prima parte.

Creato il 23 ottobre 2013 da Marta @RosaMDeserto
Ciao lettori!
Continuo con il mio speciale di Halloween, ma questa volta parlerò di libri! Non sono un'esperta del genere horror, però penso che i libri che vi consiglierò possano essere adatti a una festa simile. Vi parlerò di streghe, fantasmi, vampiri, mostri, storie di paura che ho tutta l'intenzione di leggere (ed ho già iniziato), uomini al confine tra pazzia e normalità. Vi va di iniziare a conoscerli? Oggi ve ne proporrò alcuni, domani altri, e a seguire vi citerò anche libri di autori emergenti che meritano di essere letti, a mio modesto parere!
Immagine
Oggi vorrei iniziare con dei classici che andrebbero sicuramente letti. Io ho iniziato proprio questa mattina "La casa stregata" di Howard P. Lovecraft, anche se ho letto davvero poco per poterne parlare. Ma è sicuramente tra i grandi nomi per chi ha voglia di buttarsi in racconti horror. Altro nome conosciuto e di cui leggerò presto i racconti del terrore, è Edgar Allan Poe. Eppure, come dimenticare "Lo strano caso del Dr. Jekyll & Mr Hyde" di Robert L. Stevenson e "Il Fantasma dell'opera" di Gaston Leroux? Sono tutti romanzi che ho in lista, da leggere, e presto - mi auguro - sprofonderò nelle pagine per scoprire mondi che conosco solo superficialmente. Intanto, vi propongo le trame.
Immagine La casa stregata, di Howard P. Lovecraft
Editore: Newton Compton Editori (Collana Live)
Pagine: 128
Prezzo: 0,99 cent
Trama:
La casa stregata, forse l’opera più celebre del maestro dell’horror, fu ispirata a Lovecraft da una casa realmente esistente, «maledetta o nutrita di cadaveri», a Providence.
Antichi orrori che si risvegliano, aure demoniache, il soprannaturale che opprime la vita quotidiana: sono questi i temi che Lovecraft padroneggia come nessun altro. E sono i temi anche del celebre L’orrore a Red Hook: la precisione con cui riporta alcune formule usate durante rituali esoterici ha convinto molti che lo scrittore fosse un affiliato di una setta occulta. Verità o ennesima leggenda fiorita intorno al mito del genio di Providence? Quello che è certo è che queste due gemme oscure della letteratura dell’incubo risplendono nelle tenebre, sposano la narrativa all’angoscia, sussurrano all’animo umano le sue paure più oscure.
Howard P. Lovecraft nacque il 20 agosto del 1890 a Providence, nel Rhode Island. Dopo un’infanzia trascorsa in totale solitudine, si guadagnò da vivere con il mestiere ingrato di revisore dei testi narrativi di aspiranti scrittori. Grazie ai suoi romanzi e racconti è l’unico scrittore americano a poter rivaleggiare con Edgar Allan Poe. Morì nella sua Providence, alla quale era legato in maniera viscerale, il 5 marzo del 1937. Moriva l’uomo, nasceva il mito. Di Lovecraft la Newton Compton ha pubblicato La casa stregata, Le Montagne della Follia; I racconti del Necronomicon; La tomba e altri racconti dell’incubo e il volume unico Tutti i romanzi e i racconti.

Immagine Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde, di Robert L. Stevenson
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 224
Prezzo: 6 euro cartaceo; 1,99 euro ebook
Trama:
Entrato ormai a far parte dell’iconografia popolare, Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde, oltre a essere una esplicita metafora della eterna lotta tra il bene e il male, è soprattutto un attacco che Stevenson ha voluto sferrare contro la repressiva e puritana letteratura inglese del periodo vittoriano. Ma ben più profonda è la volontà di indagine psicologica dell’autore, che ha concepito l’onesto e “positivo” Jekyll come un uomo fragile, incerto, drammaticamente lacerato tra impulsi contrastanti, costretto a celare quegli istinti che il crudele e vizioso Hyde soddisfa senza freni né dubbi. Il famoso romanzo di Stevenson è seguito da Il ladro di cadaveri, Janet la storta, I Merry Men, Olalla: l’arte straordinaria dell’autore rende anche questi racconti dei piccoli capolavori.
«La droga non aveva effetto discriminante; non era né diabolica né divina, soltanto apriva le porte della prigione della mia natura; e come i prigionieri di Filippi, quel che era chiuso dentro fuggì fuori. A quel tempo la mia virtù vacillava; la mia crudeltà, tenuta desta dall’ambizione, era all’erta e pronta a cogliere l’occasione; quel che ne nacque fu Edward Hyde.»
Robert Louis Stevenson nato a Edimburgo nel 1850 e morto a Samoa nel 1894, è uno dei maggiori scrittori di lingua inglese. Tra le sue opere la Newton Compton ha pubblicato Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. HydeL’isola del tesoro.

Immagine Il fantasma dell'Opera, di Gaston Leroux
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 256
Prezzo:  6 euro cartaceo; 1,99 euro ebook
Trama:
Sono molte, a tutt’oggi, le riduzioni cinematografiche – la più bella e la più fedele quella del 1925 con Lon Chaney, la più recente quella diretta da Joel Schumacher, trasposizione del musical di Andrew Lloyd Webber – che hanno consacrato la popolarità di questa originalissima opera scritta da Leroux nel 1911. La storia dell’amore di Erik – costretto a nascondere le sue orrende fattezze dietro una maschera – per Christine, la giovane soprano tanto graziosa quanto inesperta, si svolge tutta nell’ambiente del teatro dell’Opera, che diviene alter ego del Fantasma, luogo che crea l’azione. Campione di tutti gli eccessi, “mostro” al pari di Frankenstein e del Conte Dracula, la educherà, s’impossesserà di lei, riuscirà a far sgorgare dal petto della sua schiava d’amore una voce sublime… Una macchina narrativa sapientissima consente a Leroux di tenere in perfetto equilibrio commedia, avventura, poliziesco e grandguignol; così che alla fine della lettura ci accorgiamo di essere stati catturati da una storia tanto carica di suggestioni quanto lineare ed emblematica.
Gaston Leroux (1868-1927), nato a Parigi, lasciò la professione di avvocato per divenire giornalista giudiziario e poi corrispondente di guerra del «Matin». Conosciuto soprattutto per i brillanti romanzi polizieschi – tra cui Il mistero della camera gialla (1908) e Il castello nero (1916) – è autore anche di racconti a sfondo psicologico e di opere teatrali.

Immagine Racconti del terrore, di Edgar Allan Poe
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 100
Prezzo: 1000 lire (lo potete trovare anche nella nuova edizione della collana LIVE a 0,99 cent!)
Trama:
Una lenta, inesorabile discesa verso spaventosi deliri dell'incubo e allucinanti ossessioni oniriche, un viaggio denso di inquietanti emozioni nel regno oscuro della paura, dell'arcano, del macabro, della follia: è questa l'avventura tra i racconti terrificanti di Poe.
Il gatto nero, La caduta della Casa Usher, Il pozzo e il pendolo, Il cuore rivelatore, Una discesa nel Maelström, Il manoscritto trovato in una bottiglia, La sepoltura prematura, sono i titoli proposti nella presente raccolta per trascinare il lettore nel vortice agghiacciante della fantasia nera di Poe. L'universo gotico e stregato dello scrittore statunitense è una sorta di grande metafora degli angoli oscuri della psiche umana, delle contraddizioni, delle ambiguità della condizione esistenziale; è l'emergere di un inconscio che si insinua a poco a poco nel reale, fino a fagocitarlo completamente. L'irrefrenabile immaginazione visionaria di Poe non procede tuttavia senza controllo: la sostiene un sapiente dominio d'insieme, una lucidità combinatoria eccezionale che si avvale di una ineccepibile abilità stilistica e metrica e di una fluidità ritmica che ci guidano anche nel buio della notte più scura.
Edgar Allan Poe considerato il maggior rappresentante di un nuovo genere letterario, quello cosiddetto “del terrore”, nacque a Boston, nel 1809. Rimasto orfano a due anni fu allevato dalla famiglia dello zio, di cui volle assumere il cognome, Allan. Tra il 1815 e il 1820 soggiornò in Inghilterra, poi, di nuovo negli Stati Uniti, si iscrisse all’Accademia militare di West Point, ma venne espulso per la sua condotta dissoluta. Dopo un’esistenza difficile e sofferta, morì a Baltimora nel 1849. Di Edgar Allan Poe la Newton Compton ha pubblicato Il corvo e tutte le poesie, Le avventure di Gordon Pym, Tutti i racconti del mistero, dell’incubo e del terrore e il volume unico Tutti i racconti, le poesie e “Gordon Pym”.


Come potete vedere sono tutti libri della stessa casa editrice. Non li ho scelti per caso, ma perché sono quelli che possiedo. Per quanto riguarda i romanzi di Stevenson e Leroux li ho in formato ebook, mentre gli altri due in cartaceo. Mi scuso per la qualità dell'ultima immagine, ma non ho trovato in giro per il web qualcosa di meglio.
Mi direte: come puoi consigliarli, se non li hai ancora letti? Semplicemente, perché dalle trame e dalle mie poche conoscenze a riguardo, credo che siano adatti a una tale festa. Poe e Lovecraft sono i maestri del terrore. Mentre per quanto riguarda gli altri due, troviamo una sorta di mostri-uomini, che però hanno tante emozioni da offrire. Ho una voglia matta di leggerli tutti, ma non posso iniziare mille cose contemporaneamente, tuttavia saranno tra le prossime letture!
Mi auguro di riuscire a leggere almeno Lovecraft e Poe entro Halloween al fine di regalarvi i miei pensieri a riguardo, ma purtroppo non posso promettere nulla di certo.
Immagine
E ora a voi, miei cari lettori (so che sembro una pazza a rivolgermi sempre a una sorta di pubblico che non commenta mai o quasi mai, ma mi auguro che prima o poi io riceva più commenti, o che almeno leggiate i miei post con interesse...). Che cosa ne pensate di questi libri? Li avete letti? Ne avete altri da proporre?
Vi ricordo che è solo una prima parte dei titoli che ho voglia di condividere con voi per questa festa, quindi da domani in poi ne troverete altri!
A presto, e buone letture!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog