Magazine Gadget

Star Conflict – Recensione

Da Videogiochi @ZGiochi
Recensione del 03/10/2014

Cover Star Conflict

PC Pegi 12 TESTATO SU
PC

Genere: ,

Sviluppatore: Star Gem Inc.

Produttore: Gaijin Entertainment

Distributore: Digitale

Lingua: Inglese

Giocatori: 24

Data di uscita: 04/09/2014

VISITA LA SCHEDA DI Star Conflict

Pro-1Grafica e sonoro di altissimo spessore... Contro-1... Forse troppo, per alcune macchine

Pro-2Un vero free to play

Pro-3Gameplay solido

Ultimamente ci stiamo trovando spesso a recensire dei free to play, sembra proprio che il mondo non ne abbia mai abbastanza e le menti che partoriscono le idee alle spalle di tali prodotti sono sempre all’opera. Nel caso di Star Conflict, sembra proprio che i ragazzi di Star Gem ci abbiano preso in pieno. Star Conflict è un free to play di non proprio ultima realizzazione, e come la maggior parte dei videogiochi che usa la politica del “gioca gratis” sembrava che dovesse finire presto nel dimenticatoio, invece gli ideatori di questo universo in continua evoluzione hanno cominciato fin dai primi momenti dell’uscita a sfornare pacchetti DLC come se non ci fosse un domani. Tutti ottimi add-on che fino all’ultimo, Star Conflict Invasion, hanno portato schiere, anzi intere flotte di videogamer dal grilletto facile e dalla manovra spericolata ad avvicinarsi a questo brulicante universo intriso di avventure e raggi laser. Da qualche tempo siamo entrati in possesso del gioco nella sua versione 1.0, completo di tutti i suoi contenuti esclusivi e ora possiamo dirvi la nostra in merito, quindi se state cercando un motivo per recuperare questo MMO di guerriglia spaziale vi invitiamo a proseguire con la lettura.

star-conflict-evidenza

SPAZIO, ULTIMA FRONTIERA

Solitamente non iniziamo a parlare di un gioco concentrandoci sull’impatto visivo che esso dà alla prima occhiata, ma questa volta faremo un’eccezione, visto che vi ricordiamo che qui si parla di un free to play e quindi non di un videogame dove sono stati spesi milioni in pubblicità, rientrati con gli interessi nelle tasche dei produttori così da poter lavorare con i migliori strumenti hardware e software di oggi, per rendere il pacchetto finale visivamente godibile sotto ogni punto di vista. Qui, ribadiamo, si parla di un free to play con piccole transazioni in-game, che presenta una qualità grafica pressoché unica, mai ci era capitato di giocare ad un multigiocatore di massa free che si presentasse così bene già dal primo avvio. Lo stile delle ambientazioni, il design delle navi, gli effetti particellari, le ombre, i pianeti, insomma tutto quello che concerne la grafica e i pixel è stato reso incredibilmente bene, donando un’esperienza visivamente accattivante e più unica che rara, considerato il preambolo. Sembra proprio che i ragazzi di Star Gem si siano dati un gran da fare per rendere tanto particolareggiata ogni singola nave, che si tratti di un incrociatore da guerra, un cargo merci, una nave terra-formante o un semplice caccia. Ogni pezzo di metallo e ogni chiglia di nave sembra uscita da un film di fantascienza, ogni arma ed ogni effetto luminoso è stato sviluppato in modo da garantire la massima resa in un ambiente buio, ma in costante movimento. Non da meno sono gli effetti audio e le colonne sonore, epiche quanto basta per rendere ogni azione di guerra un vero e proprio scontro da film hollywoodiano.

Detto questo, ora possiamo concentrarci sul motivo per cui siamo qui, il gameplay e i DLC. Subito dopo il momento dell’uscita, Star Conflict ha smosso gli animi dei meno informati, che supposero fin da subito che il gioco fosse una totale scopiazzatura di EVE Online, celebre videogame di cui non dobbiamo sicuramente elencarvi le qualità. Ebbene, mai quelle voci furono più errate, infatti mentre in EVE Online il fulcro dell’esperienza era il continuo crafting, l’evoluzione e i sistemi di gioco complessi e ricercati, in Star Conflict il gameplay è dominato da un’interfaccia semplice e da altrettanto semplici meccaniche di gioco, di fatto il fulcro su cui gravita l’esperienza è il combattimento, e la continua espansione del proprio clan. Qui la continua ricerca di compagni di squadra è fondamentale e una singola nave non potrà mai nulla contro un intero squadrone di incrociatori, magari comandato da più giocatori in grado di cooperare per dar vita alle più straordinarie e devastanti battaglie di sempre. Non sarà necessario colonizzare pianeti o recuperare risorse su asteroidi, bensì conquistare i propri bottini a colpi di laser. Come accumulare abbastanza crediti per procedere nell’avventura? In questo ci viene incontro il sistema di taglie e contratti: ogni contratto ci garantirà l’accesso ad un numero sempre differente di crediti, utilizzabili in due modi, l’ampliamento e la riparazione delle nostre navi o l’acquisizione di nuove abilità. Queste ultime ci apriranno un vero e proprio mondo, aiutandoci nelle più disparate situazioni che ci si presenteranno nella modalità Arcade o in quella delle taglie delle fazioni. Ogni situazione sarà bene o male differente, dando così libero spazio alla nostra immaginazione strategica. A patto che le nostre abilità ci consentano di poter scegliere tra più di una manovra d’attacco. Su questo vi invitiamo a riflettere, considerato che una volta iniziata una battaglia sarà difficile trovare un avversario che ci conceda l’onore di sopravvivere, quindi prima di gettarci a capofitto nel PvP sarà obbligatorio temprare le nostre navi a dovere, magari sfruttando al massimo il tutorial.

La modalità PvP non è da intendersi come un singolo giocatore che per caso incontra un avversario e lo sfida senza annunciare l’atto di guerra, o chiedendo semplicemente una sfida che poi lascerà entrambi i giocatori esanimi ma vivi. Qui si parla di una sfida all’ultimo colpo dove per accedere a tale opzione (linfa vitale dell’esperienza) sarà necessario entrare in una Corporation, o gilda. Un gruppo di abili guerriglieri interplanetari pronti a dar battaglia a qualsiasi altro essere vivente nel cosmo. Far parte di una Corporation vorrà dire avere accesso a una moltitudine di nuove attività, tra cui guerriglie tra fazioni, eventi pubblici e taglie esclusive che garantiranno un numero via via maggiore di entrate, essenziali per potenziarvi, come dicevamo poc’anzi. Se avete fatto attenzione sopra, abbiamo parlato di piccole transazioni in-game, ovvero la possibilità di comprare con soldi veri degli oggetti di gioco. Ebbene è così, ma ciò non priva i giocatori meno dispendiosi del divertimento necessario, anzi, li sprona in un certo senso. Infatti, nonostante sia possibile comprare anticipatamente, grazie ai soldi reali, oggetti o abilità per potenziare la vostra flotta, gli stessi prima o poi nell’evoluzione del giocatore e con il prosieguo della trama principale – che fa da collante all’esperienza e ai DLC – sono garantiti anche ad ogni giocatore che non ha alcuna intenzione di spendere moneta reale. In questo modo la linea che separa il free to play dal pay for win viene spezzata di netto, rendendo tutti i giocatori più o meno uguali, senza bisogno di reperire equipaggiamenti epici con il semplice dispendio di denaro reale. L’aggiunta dei contenuti scaricabili è stata una mano santa per quelli che pretendevano ancora di più da Star Conflict, un gioco che di per sé garantisce centinaia di ore di divertimento, senza contare tutte le sfide giornaliere che garantiscono bottini extra reperibili dopo ogni singola battaglia PvP. L’universo è andato via via aumentando di volume, dando spazio a nuovi scenari bellici e a nuove abilità, navi, armamenti e sfide che si sono rivelate sempre più entusiasmanti, dando al gioco la marcia in più che è servita per attirare chi ancora era incerto sul prodotto finale.

Star Conflict – Recensione IN CONCLUSIONE
Il gameplay semplice ed accattivante, la grafica eccezionale e la cura ai dettagli, fanno di Star Conflict un free to play di grandissimo valore. Qui si parla di una nuova frontiera degli MMO di guerriglia spaziale, che sarà difficile superare. Fino ad ora sono stati resi disponibili al pubblico un numero di DLC considerevoli, che hanno garantito al gioco la prima posizione tra i free to play del genere. Ciò ci ha lasciati a bocca aperta e non sappiamo davvero cosa aggiungere, considerato che il lavoro di fix dei bug è costante, che la community è solida e che la sfida è sempre dietro l'angolo. Tutto questo, fa di Star Conflict il free to play definitivo. ZVOTO 9

UNIVERSO, LE CRONACHE COSA SIGNIFICA PER NOI QUESTO VOTO? SCOPRILO LEGGENDO I NOSTRI CRITERI DI VALUTAZIONE!!!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La lampada X-Wing di Star Wars

    lampada X-Wing Star Wars

    Per un fan di Star Wars sarebbe difficile immaginarsi una lampada più bella di questo modello con le forme di un X-Wing; Peccato che sia un’opera costruita per... Leggere il seguito

    Da  Darkf3d3
    TECNOLOGIA
  • Harry Potter VS Star Wars

    Un noioso pomeriggio passato a giochicchiare ai videogames insieme agli amici difficilmente porta a qualcosa di buono, soprattutto se ad un certo punto scoppia... Leggere il seguito

    Da  Darkf3d3
    TECNOLOGIA
  • Scoiattoli VS Star Wars

    Scoiattoli Star Wars

    Se avete un giardino abitato da qualche piccolo scoiattolo e disponete di una vasta gamma di action figure di Star Wars potreste fare come l’artista Chris... Leggere il seguito

    Da  Darkf3d3
    TECNOLOGIA