Magazine Cinema

Storie di paese. 16

Creato il 05 dicembre 2012 da Salvatore Ruggiero @sally57

Pietro: "nomen est omen".
E mai come in questo caso è proprio vero che il nome è un presagio: perchè Pietro, l'ultimo scalpellino corenese, forse il più bravo, ha associato la sua vita alla pietra che ha lavorato per una vita.
Buona parte della sua esistenza, nei fatti, l'ha passata seduto per terra, a scalpellare i blocchetti di pietra per farne macère, i caratteristici muri a secco, costruiti solo con cubetti di pietra locale, smussati a colpi di mazzuola e scalpello, e messi uno sull'altro senza malta o altri collanti artificiali.
Lui, che non era certo un omaccione, tutt'altro - era corto, smilzo e nervoso - con l'esperienza aveva sviluppato una tecnica sopraffina: riusciva a individuare ad occhio il punto esatto dove abbattere il colpo di mazzuola per togliere l'eccesso di calcare e squadrare perfettamente il blocchetto che reggeva tra le ginocchia ossute.
Dalla piattezza, dalla geometria e dall'angolo della pietra dipendevano, non solo l'estetica, ma anche la saldezza e la robustezza della macèra
Se erano state fatte a regola d'arte, e quelle di Zi Petrucciu lo erano, le macère sarebbero state così resistenti da stare in piedi per i secoli e i millenni a venire.
Storie di paese. 16
La leggenda narra che, quando il dio Saturno fu spodestato dal figlio Giove, scappò dall'Olimpo e fu costretto all'esilio in Ausonia (l'antica Italia), si nascose nel Lazio (dal latino: latere, appunto, nascondere)
Accolto amichevolmente dal dio Giano, solidale con lui, avrebbe fondato le città mitologiche saturnie. 
Insegnò l'agricoltura alle genti del luogo.
Generò il primo re del Lazio: Pico. 
Altro nome molto noto in Ciociaria: è il nome di un paese, il paese natale del grande scrittore Tommaso Landolfi. 
E, per fare un affronto al figlio, usurpatore di troni divini, avrebbe anche svelato agli antichi abitanti della Ciociaria Felix il segreto della costruzione delle mura ciclopiche o pelasgiche che sorgono solo in Ciociaria e nell'Alta Terra di Lavoro.
"Le vedo ancora le sue macere di pietra a segnare i confini delle proprietà - fuori del centro abitato e anche dentro. Appena spaccate, le pietre sono di un bianco abbagliante, quasi lunare; poi, col tempo, diventano grigie - per accompagnarsi meglio alla tristezza del paesaggio circostante." (dal libro di SMR: "Le stagioni della lattaia", presentazione dell'autore) 
Ora che anche gli ultimissimi scalpellini - colleghi di Zì Petrucciu - che lavoravano per hobby e non per soldi, se ne sono andati, c'è un altro modo per fare i muri a secco: è stato brevettato da una società, che tra i suoi innovativi prodotti annovera trionfalmente i cd QUBA STONES (detti anche ...gabbioni): pietre informi raccolte ed infilate in una gabbia di rete metallica sigillata maglia per maglia. 
Storie di paese. 16
 Ma i Quba Stones sono tutta un'altra cosa, rispetto alle macère di Zì Petrucciu.
La pietra è la stessa, e anche la funzione.
Ma manca il suono ritmato della mazzuola che si abbatte sul masso, manca la fatica umana, manca la polvere da respirare e, soprattutto, manca la ...poesia.

Non so se Zi Petrucciu abbia appreso la sua arte dal dio Saturno: quello che è certo è che se l'è portata dietro, con se, nell'Olimpo degli scalpellioni. 
...Se esiste davvero.
smr

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dalla Exodus alla Estelle: storie di sbarchi mancati

    Dalla Exodus alla Estelle: storie sbarchi mancati

    L’11 luglio 1947 la nave Exodus (il cui nome completo pare che fosse Exodus 1947) salpò dal porto di Sète, vicino a Montpellier dirigendosi verso la... Leggere il seguito

    Da  Sirinon
    CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ
  • Serial killer - Storie di ossessione omicida

    Serial killer Storie ossessione omicida

    Autore: Carlo Lucarelli, Massimo PicozziOrigine: ItaliaAnno: 2004Editore: MondadoriLa trama (con parole mie): una panoramica a metà strada tra racconto ed... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Storie di paese.

    Storie paese.

    Il facondo meccanico Giuseppe mi racconta i suoi anedotti mentre gonfia le gomme della mia macchina. "Tuo padre venne una volta da me quando avevo l'officina... Leggere il seguito

    Da  Salvatore Ruggiero
    CINEMA
  • Storie di paese.

    Storie paese.

    L'altro giorno arrivo sul mio posto di lavoro in macchina. Trovo miracolosamente parcheggio davanti alla casa di Andrea, all'ombra di un vecchio platano.... Leggere il seguito

    Da  Salvatore Ruggiero
    CINEMA
  • Storie di paese.

    Storie paese.

    Un cugino di nonna Peppa, o un nipote, non ho capito bene, porta da Castelforte dei fagioli molti buoni e quasi miracolosi.Li produce in piccole quantità un... Leggere il seguito

    Da  Salvatore Ruggiero
    CINEMA
  • Storie di paese.

    Storie paese.

    Al mio paese, praticamente, ci sono solo due strade importanti, abbastanza grandi e lunghe.Partono entrambe dalla Piazza centrale e vanno una verso sud ovest,... Leggere il seguito

    Da  Salvatore Ruggiero
    CINEMA