Magazine Cinema

Straziami ma di baci saziami – Dino Risi, 1968

Creato il 28 aprile 2014 da Paolo_ottomano @cinemastino

locandina-straziami-ma-di-baci-saziamiUn altro film a prima vista più lontano dal genere della commedia all’italiana è Straziami ma di baci saziami (Dino Risi, autore anche del soggetto, 1968): è la storia d’amore un po’ surreale tra il garzone di un barbiere, Marino, e la figlia di uno scultore di lapidi, Marisa. Amore contrastato dalla famiglia della ragazza e da mille circostanze avverse, piene di spunti comici.

L’elemento che prima di tutti salta all’occhio, anzi all’orecchio, è il linguag­gio: è modellato sulla parlata marchigiana e sulla subcultura della canzone po­polare, dei fotoromanzi; la sua comicità è più rarefatta, meno immediata e meno atta a suscitare la risata grassa, anche per la relativa assenza di elementi slapstick. Sono soprattutto gli attori a monopolizzare l’attenzione, e il film sembra scritto per loro piuttosto che al servizio di una storia complessa. Que­sta è la principale differenza tra il film e tanti altri sceneggiati da Age e Scar­pelli, o diretti dallo stesso Risi. Anche la satira di costume si scioglie in un’atmosfera mélo, sempre presente ma mai disturbante. Non mancano poi, come sempre nei film sceneggiati da Age e Scarpelli, le pratiche vignettistiche, qualche battuta sagace e l’inserimento di alcuni personaggi in situazioni im­probabili: basti pensare al personaggio interpretato da Ugo Tognazzi, sarto muto che ordina il caffè fischiettando canzoni militari. Proprio al suo perso­naggio, però, è legato un difetto di sceneggiatura che rende il finale posticcio. Quando infatti Marisa e Marino decidono di ucciderlo, scoprono che l’esplosione della stufa gli provoca solo un grande shock che gli fa recuperare l’udito, e che lo costringe a esaudire il desiderio della madre che lo voleva frate cappuccino. Quest’espediente rende possibile il matrimonio tra i protagonisti, ma rivelarlo solo alla fine rende la conclusione frettolosa. Seminare degli indizi poco alla volta, e poi raccoglierne i frutti – come lo stesso Age spiega con la tecnica della rimonta – avrebbe dato più armonia alla struttura narrativa, e forse reso più giustizia agli sceneggiatori.

Paolo Ottomano


Archiviato in:Cinema Italiano, Commedie, Recensioni Film Tagged: blog cinema, cineblog, cinemastino, commedia all'italiana, commedia nera, critica cinematografica, Dino Risi, film 1968, Nino Manfredi, recensione film, recensioni cinema, recensioni film, Straziami ma di baci saziami, Ugo Tognazzi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines