Magazine Scienze

Stringbike, la bicicletta senza catena

Creato il 23 settembre 2010 da Zonwu
bicicletta
Negli ultimi anni abbiamo assistito all'evoluzione della tradizionale bicicletta, sotto forma di nuove forme, colori e funzionalità che l'ideatore della bicicletta non si sarebbe nemmeno lontanamente immaginato.
Una di queste imprevedibili evoluzioni è Stringbike. Se pensavate che la catena sia un elemento fondamentale per il funzionamento della vostra bicicletta, Stringbike mostra che, invece, la catena può essere eliminata a favore di una serie di stringhe propulsive collegate ai pedali.
Stringbike è una bicicletta innovativa creata dall'ungherese Schwinn Csepel Zrt, che l'ha recentemente presentata a Padova definendola come più efficiente e più confortevole da cavalcare, oltre che possedere una meneggevolezza superiore ad una bicicletta tradizionale.
La nuova bicicletta si sbarazza completamente della catena, e fa affidamento su dischi eccentrici, pulegge e corde su ogni lato. La rotazione dei pedali forza i dischi a muoversi avanti e indietro. Quando si muovono in avanti, tirano un cavo legato attorno al mozzo della ruota posteriore, facendola girare.

Una bicicletta Stringbike è in grado di fornire 19 rapporti diversi, e il rapporto di trasmissione è modificabile in ogni momento attraverso una manopola sull'impugnatura destra.
La ruota posteriore può essere rimossa in pochi secondi, senza intervenire sulla catena (e sporcarsi di grasso o olio) e senza compromettere il sistema di propulsione. Le stringhe di trazione sono realizzate in polietilene ad alta densità, resistente a fango, acqua, sporco, sabbia e umidità.

Un vantaggio di questo approccio simmetrico (contrariamente a quello asimmetrico di una bicicletta tradizionale) è il fatto che le corde di trazione possono essere attaccate in modo diverso da un lato all'altro del mezzo, in modo tale da compensare la debolezza di una gamba rispetto all'altra.

Secondo il designer inoltre, la vita dei componenti di questa bicicletta sarà più lunga delle biciclette tradizionai, dato che le catene sono più suscettibili ad abrasioni e logoramento, e comportano la presenza di più parti mobili.
Introducing Stringbike: the bike with no chain (w/ Video)
StringBike

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines