Magazine Gadget

Surge Deluxe – Recensione

Da Videogiochi @ZGiochi
Recensione del 08/02/2014

Cover Surge Deluxe

PS Vita Pegi 3 TESTATO SU
PSVITA

Genere:

Sviluppatore:

Produttore: FuturLab

Distributore: PSN

Lingua: Inglese

Giocatori: 1

Data di uscita: 05/02/2014

VISITA LA SCHEDA DI Surge Deluxe

Pro-1Immediato ma arduo da padroneggiare appieno Contro-1Forse si poteva osare ancor di più

Pro-2Crea dipendenza... Contro-2... Crea dipendenza

Pro-3Ottima conversione

Con l’enorme diffusione di smartphone e di ogni altra diavoleria tecnologica portatile l’espressione “puzzle game” si è affrancata dal suo ambiente naturale, ossia i PC e le console domestiche (lasciamo giustamente il buon Tetris al di fuori dalle questioni mortali), diventando quasi un derivato del termine “app” o “applicazione”. Probabilmente non ci fate caso, o non volete ammetterlo, ma sicuramente nei vostri telefoni o nei vostri tablet ci sarà almeno un’applicazione che può essere fatta rientrare nel genere appena citato. Per quanto ci si ostini ad essere persone serie e per bene, risulta praticamente impossibile non possedere almeno un puzzle game scaccia noia, meglio se in versione gratuita, che ci permette di superare i molti tempi morti lungo l’arco della giornata. Alla fermata del treno, del bus, a scuola, al lavoro c’è sempre qualcuno con un telefono in mano che sta consumando le vite a disposizione in qualche gioco super colorato ed invitante. Sì, la dipendenza dalle stupidaggini è proprio una brutta cosa. Fortunatamente oggi non parliamo di semplici applicazioni, bensì di un videogioco con la V maiuscola, appena giunto sulla nostra (forse) mai troppo sfruttata PS Vita.

Surge Deluxe Evidenza

QUESTO È IL MIO RECORD!

Uscito in sordina ormai quasi due anni fa nella sezione Playstation Mobile, Surge  non ha mai goduto di grandissima visibilità per motivi chiaramente legati alla “limitata” diffusione dello store di riferimento. Ora FuturLab (già fautori di Velocity) irrompe sugli schermi delle nostre PS Vita con una versione riveduta e corretta della propria creatura da affiancare agli altri esponenti del genere come il buon ed immancabile Lumines. Insomma, un 2.0 “Deluxe Edition” studiato appositamente per esaltare al meglio le peculiarità inespresse della piccola di casa Sony e, a ben vedere, il risultato finale merita.

Surge Deluxe è uno di quei classici giochi facilissimi da imparare ma altrettanto difficili da padroneggiare appieno. La struttura di gioco è infatti praticamente immediata. Il vostro dito dovrà unicamente muoversi su una semplice schermata composta da due sezioni ben distinte di blocchi. Come potrete intuire questi sono di colori differenti (ben sei) e dovranno essere accoppiati unicamente utilizzando il nostro dito sul touch screen, per creare il maggior numero di combo possibili ed aumentare così il punteggio della sessione. Questo infatti è, riassunto in modo abbastanza elementare, l’obiettivo ultimo del gioco. Avanzare di livello in livello per far girare all’impazzata il moltiplicatore e battere i propri record, quelli di amici oppure lanciare la scalata alle classifiche globali. Le cose però non sono così semplici; un vecchio adagio ricorda che spesso e volentieri l’apparenza inganna. Surge ha confermato in pieno questa regola. Oltre ai normali blocchi infatti esiste una una pletora di blocchi speciali da tenere in considerazione per far girare il punteggio a vostro favore. Sono presenti infatti blocchi bomba che eliminano un determinato colore, quelli che moltiplicano esponenzialmente la combo (i classici X2 e X3); le stelle (in sostanza altri blocchi-boost); quelli infingardi che cambiano colore ogni secondo come i camaleonti e gli immancabili blocchi arcobaleno che, chiaramente, stanno bene con tutto.

Le strategie da adottare sono dunque molteplici, soprattutto considerando il fatto che le sorprese non si fermano certo qui. Oltre ad avere gli occhi puntati su una schermata che definire psichedelica è riduttivo, i vostri riflessi saranno duramente messi alla prova da due parametri fondamentali: la barra del tempo, posta nella parte bassa dello schermo, e due altri indicatori, a desta e a sinistra, le quali rappresentano la tensione che si accumulerà sempre più velocemente con il passare del tempo, fino a portarvi verso il canonico game over. Come fare per disperdere la tensione in eccesso prima di lasciarci le penne? Semplice. L’unica via percorribile è quella di aprirsi la strada a forza di combo il più velocemente possibile, per raggiungere gli interruttori posti ai due lati dello schermo. Una volta sfiorati, questi ultimi si attivano, permettendo la dispersione della tensione accumulata, ma non solo. Infatti se si attivano interruttori complementari (quindi quelli del medesimo colore, posti alla stessa altezza sia a destra che a sinistra) essi daranno una grossa mano in termini di punteggio. I blocchi associati a quel determinato colore inizieranno a vibrare per un certo periodo di tempo e distruggendoli mentre si trovano in quello stato si guadagneranno un bel po’ di punti extra, almeno sino a che dura l’effetto della scarica elettrica.

Questa, sostanzialmente, è la modalità che più giocherete, nonché quella più divertente. Per chi ama le sfide invece i ragazzi di FuturLab hanno inserito una sezione rompicapo, con ben quindici livelli impegnativi dove mettere alla prova le proprie abilità e i propri riflessi. La particolarità di questa sezione, al contrario di quella principale, consiste nella presenza di determinati obiettivi da raggiungere o handicap da rispettare, come ad esempio un dato punteggio da battere o un tempo assai limitato per completare il livello.

PSICHEDELIA PORTAMI VIA

Sotto il profilo grafico lo studio inglese ha fatto un lavoro egregio e, rispetto alla controparte “mobile”, le differenze si notano a colpo d’occhio. La schermata psichedelica (a noi ricorda una pista da ballo degli anni ’70, che volete farci) gode di effetti speciali più intensi come i colori e le esplosioni, che animano e risaltano su uno sfondo appositamente dai toni più scuri. Il feedback del touch screen (ossia tutto ciò che serve per giocare) è reattivo e funziona a meraviglia, mai un ritardo o uno scatto, segno di un lavoro di ottimizzazione ben fatto e senza una pecca. La colonna sonora, composta da Joris De Man già autore della soundtrack della serie Killzone, non poteva che contenere pezzi di musica elettronica mixati a dovere, che supportano la frenetica ed esplosiva azione di gioco sotto ai nostri occhi. Surge dunque, a dispetto della sua immediatezza e simpatia, non è un semplice passatempo “match 3″ da avviare solo nei momenti morti, ma un vero e proprio gioco che vi terrà impegnati a lungo nel tentativo di battere i record mondiali o, semplicemente, per stracciare i vostri amici PSN.

Surge Deluxe – Recensione

IN CONCLUSIONE
Surge Deluxe è un ottimo puzzle game, semplice ma al tempo stesso complesso ed assai accattivante, di quelli che escono solo ogni tanto e che riescono a lasciare veramente un segno nella pletora di produzioni videoludiche dello stesso genere. Dotato di un ritmo frenetico e di un comparto grafico che risente (positivamente) delle migliorie apportate, la creatura di FuturLab probabilmente rimarrà installato nelle vostre (e nelle nostre) memory card ancora a lungo. ZVOTO 8
Voto dei lettori8
Registrati per votare!
Dipendenza psichedelica! COSA SIGNIFICA PER NOI QUESTO VOTO? SCOPRILO LEGGENDO I NOSTRI CRITERI DI VALUTAZIONE!!!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :