Magazine Informazione regionale

Te la do io la Sicilia

Creato il 02 aprile 2014 da Giorgiocaccamo
Non era un pesce d'aprile. Non scherzava, nonostante la sua professione, in origine, dovrebbe essere quella di far ridere. Insomma era tutto vero: ieri Beppe Grillo ha iniziato il suo tour teatrale a Catania. Al teatro Metropolitan (dove io vidi un concerto di Elio e le Storie Tese, a proposito di analisti seri della realtà italiana...; ma in origine lo spettacolo era previsto nel più capiente PalaCatania, dove invece vidi per la prima volta Francesco Guccini), con biglietti da 20 euro in su. Tutto esaurito.
Te la do io la SiciliaDa quando l'ex-di-nuovo-comico aveva annunciato questa sua nuova tournée, casualmente chiamata "Te la do io l'Europa", mi aveva incuriosito che avesse scelto proprio la Sicilia per la prima data. Diciamo che ha un particolare rapporto con la mia terra, non solo per averla raggiunta a nuoto. Non ricordo, nella pur roboante antologia grillesca da campagna elettorale, toni così sarcastici e cattivi come quelli utilizzati spesso dal leader del Movimento 5 Stelle nei confronti della Sicilia e dei siciliani. Quando fece campagna per le Regionali del 2012 la sua battuta fu «Trovare 80 incensurati da candidare da queste parti è stato molto difficile». Bah. Ieri durante lo spettacolo anti-euro, anti-Renzi, anti-banche, anti-tutto, ha detto pure che avrebbe meritato una platea di 35mila persone, non solo un teatro pieno, per tutto quello che ha fatto per la Sicilia. Bah. E poi, tanto per restare al tema della serata e della tournée primaverile, «Cos'è l'Europa? Voi siete in Sicilia, avete già i vostri problemi». Grazie per l'informazione, direi.
In Sicilia Beppe Grillo ha un grandissimo seguito, e parlo soprattutto del versante politico. Già nel 2008, quando il MoVimento era di là a venire, l'agglomerato di liste civiche riunite sotto l'insegna Amici di Beppe Grillo candidava Sonia Alfano alla presidenza della Regione: prese il 2,44%. Ora invece in Sicilia è davvero il primo partito. Beppe, o Peppe che dir si voglia, avrà pure avuto difficoltà a trovare gli incensurati da mettere in lista, però nel 2012 il M5S riuscì a farne eleggere 15 all'Ars, il parlamentino regionale siciliano. Uno se ne è andato, o meglio è stato espulso (per questione di soldi): Antonio Venturino, vicepresidente dell'Assemblea e oggi esponente del Psi di Riccardo Nencini.

Te la do io la Sicilia

Peppe è la nostra bandiera (Dagospia)

In Parlamento, sono 13 i deputati grillini (compreso il presidente del gruppo Riccardo Nuti, quello che si candidò a sindaco di Palermo aggiungendo al suo nome "detto Grillo"...) e 4 i senatori, dopo aver cacciato i "dissidenti" Fabrizio Bocchino e Francesco Campanella: alla Camera il M5S è il primo partito siciliano (34,5% nel collegio 1, quello occidentale, e 32,7% nel 2, cioè la Sicilia orientale), a Palazzo Madama, con il 29,5%, arriva solo dopo l'allora corazzata berlusconiana. Ma tra dissidenti, critici e gente che ogni tanto scuote il capo e smentisce il capo, la Sicilia ha dato anche dispiaceri a Grillo, a cominciare da quei senatori che onestamente non ne volevano sapere di bloccare l'elezione di Pietro Grasso alla presidenza di Palazzo Madama: Renato Schifani proprio non l'avrebbero potuto digerire... (né giustificarlo ai loro elettori). Ecco perché pure in Sicilia ci vogliono i fedelissimi: la capolista alle Europee, la ricercatrice Paola Sobbrio, infatti vanta persino l'endorsement ufficiale – e contestato – di Nuti. E poi ci sono tanti consiglieri comunali in giro per la Trinacria, più Federico Piccitto, primo cittadino di Ragusa, secondo sindaco a 5 Stelle di un capoluogo di provincia dopo l'altro Federico, Pizzarotti a Parma. Certo, per completezza va registrato qualche fallimento, perché anche sotto il cielo pentastellato qualche astro ogni tanto si appanna. Vedi Messina, per esempio.
Ecco, Messina. Che per Grillo vuol dire soprattutto Ponte sullo Stretto. «Ma se per millenni Sicilia e Calabria sono state divise ci sarà stato un motivo?», diceva nella primavera del 2005. Questa sì che era una battuta.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dedicato a Te

    Dedicato

    Questo amorevole post è rivolto a Te, intendo proprio Tu che, con lo sguardo fisso nel monitor, dedichi un minuto del tuo prezioso tempo alla lettura digitale. Leggere il seguito

    Da  Webmonster
    ATTUALITÀ, INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • La Sicilia punta sull’eco innovazione

    Sicilia punta sull’eco innovazione

    La buona notizia di oggi in campo ambientale arriva proprio dalla terra in cui batte sempre il sole: la Sicilia. Un nuovo progetto si sta materializzando, il su... Leggere il seguito

    Da  Makinsud
    ECOLOGIA E AMBIENTE, INFORMAZIONE REGIONALE, SCIENZE, SOCIETÀ, SUD ITALIA & ISOLE
  • Sanità sicilia? Servizi migliori

    Sanità sicilia? Servizi migliori

    Sanità e Sud Italia, un binomio che purtroppo non sempre suggerisce l’idea di un’associazione positiva, ma questa volta, per quanto riguarda la sanità nel... Leggere il seguito

    Da  Makinsud
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ, SUD ITALIA & ISOLE
  • Mi ricordo di te

    ricordo

    Franco, mi manchi.Un anno fa se ne è andato Franco Balan. Un uomo, un artista che ha lasciato un segno nella nostra piccola comunità. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Ho bisogno di te

    per cantareLe fantastiche danze e ballareHo bisogno di te per sognare,per amareHo bisogno di te per coprireLe fantastiche tele a coloreHo bisogno di te per... Leggere il seguito

    Da  Dino Licci
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Crocetta: in sicilia 26mila licenziamenti

    Crocetta: sicilia 26mila licenziamenti

    "E' un disastro senza precedenti". Così il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, che ha istituito una task-force per gestire l'emergenza... Leggere il seguito

    Da  Antonella Di Pietro
    SOCIETÀ