Magazine Cultura

Television - Le chitarre della new wave

Creato il 18 dicembre 2011 da Lesto82

LO SPELEOLOGO

 

di NICOLAS ICARDI

musica,video,television,lo speleologo,video television

 

Padrini insieme al Patti Smith Group, ai Talking Heads e ai Ramones della new wave americana di metà anni ’70, i Television nascono a New York intorno al 1973. Il cantante e chitarrista Tom Verlaine si trasferisce dal New Jersey alla Grande Mela nel 1967 e nei primi anni '70 conosce Billy Ficca (batterista) e Richard Myers e con loro forma i Neon Boys. Quando Myers lascia per andare negli Heartbreakers il gruppo si ribbatezza Television, acquista il chitarrista Richard Lloyd e il bassista Fred Smith e incomincia a frequentare i locali newyorkesi, percorrendo gli stessi sentieri della cantante Patti Smith. I Television si esibiscono per 6 mesi al famoso CBGB's dove si esibiscono anche i Ramones e i Blondie oltre a Patti Smith, e qui Verleine e la Smith inizieranno una collaborazione che li porterà a scambiarsi reciproci favori artistici. Nel 1974 ai Television si interessa Brian Eno, in cerca di nuovi talenti da produrre: il gruppo lavora con Eno in studio per una serie di demo mai pubblicati ufficialmente. L'anno successivo il gruppo approda al primo singolo "Little Johnny jewel". Il disco e la buona reputazione guadagnata sui palcoscenici newyorchesi valgono un contratto discografico con la Elektra che porterà alla pubblicazione del loro primo album "Marquee Moon"(1977), senza alcuna ombra di dubbio uno dei capolavori della new wave americana e di tutta la storia del rock, sicuramente da annoverare tra i dischi più importanti ed influenti di tutti i tempi. Nonostante la band venga inserita nel nascente movimento punk, le influenze musicali si rifanno piuttosto alla psichedelia e all'acid rock dei '60. Verlaine si rivela grande solista della chitarra e le sue composizioni riscuotono successo di critica e pubblico. Un disco che è proiettato in avanti per idee compositive e stilistiche, tutt'altro che datato e pronto ad essere riscoperto dopo che parte dell'Indie-Rock moderno, con la complicità di alcuni gruppi della nuova generazione, hanno attinto a piene mani. Nel 1978, dopo un tour con Peter Gabriel, i Television pubblicano "Adventure"(1978), disco più morbido nel tentativo forse di conquistare una fetta di pubblico più ampia, ci sono però tutti gli ingredienti di "Marquee Moon": la voce di Verlaine fusa coi toni acidi della sua chitarra dai riff quasi arabeggianti, che smentiscono la classicità della seconda chitarra. E' un album sottovalutato, all'ombra del fratello maggiore, da riscoprire. Il successo non manca, la critica è entusiasta, ma i Television si separano alla fine del 1978. Il leader Tom Verlaine proseguirà come solista, e gli altri andranno a suonare con altri gruppi. I Television tornano nei '90 grazie a una inaspettata quanto riuscita reunion della formazione originale. Nel 1992 esce infatti "Television", che sembra riproporre inalterato il mito della band, fatto che viene ribadito anche dal seguente tour. L'episodio resta comunque isolato e presto i membri del gruppo torneranno alla loro singola attività, salvo riunirsi sporadicamente per occasionali tour nel 2001 e nel 2007. Nel 2011 dopo alcune esibizioni hanno anticipato che pubblicheranno un nuovo album, ad oggi però non ancora uscito.
Dalla loro discografia vi propongo 3 tracce:
"SEE NO EVIL" dall'album "Marquee Moon"(1977), la traccia che apre le danze è un turbolento garage su uno scintillante tappeto di accordi jingle-jangle, dalle palesi reminiscenze sixties.

 


"FOXHOLE" da "Adventure"(1978), traccia  a dir poco incazzata con le chitarre di Verline e Richard Lloyd che dialogano alla perfezione, in una rara e miracolosa miscela di vigore ed eleganza minimale.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le onde

    onde

    Ho strappato via tutto maggio e giugno e venti giorni di luglio. Li ho strappati e appallottolati in modo che non esistano più, se non come un peso nel mio... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Le parole

    parole

    non hanno occhi né gambe, non hanno bocca né braccia, non hanno visceri e spesso nemmeno cuore, o ne hanno assai poco. Non puoi chiedere alle parole di... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Le belve

    belve

    Autore: Don WinslowOrigine: UsaEditore: EinaudiAnno: 2010 (in Italia 2011) La trama (con parole mie): Ben e Chon sono due veri portenti. Indubbiamente. Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • le presidente

    presidente

    no, però scusate, ma chi potrebbe dare credito, nonostante il millantato "incredibile movimento in rete che sta cambiando il Paese", a una che dice "la... Leggere il seguito

    Da  Aa
    CULTURA, LIBRI
  • Le Havre

    Havre

    Mi basta un semplice dettaglio.Una sola frase, un solo volto, una sola inquadratura, e vi saprò riconoscere con assoluta certezza un film a caso del regista... Leggere il seguito

    Da  Zaziefromparis
    CINEMA, CULTURA
  • Le mani

    mani

    Prendersi per mano, un gesto semplice, innocente, protettivo, che non conosce codici culturali o cronologici, che da sempre denota attenzione, cura, affetto,... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Le duellanti

    duellanti

    Ho cominciato a sentir parlare di Meryl Streep quando ancora avevo tutti i capelli in testa (e ne è passato di tempo...): 'Lady Oscar' il suo soprannome... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA