Magazine Sport

Tennis: Sara Errani e la giornata piemontese

Creato il 15 aprile 2013 da Sportduepuntozero

Sara ErraniBagno di folla per Sara Errani nella sua prima parte di giornata “piemontese”, organizzata quale testimonia 2013 del Trofeo Tennis Kinfer + Sport, che Ë andata in scena al Palazzetto dello Sport di Bra, struttura adiacente al Match Ball Bra che per due stagioni ha ospitato anche le finali del massimo campionato a squadre italiano, sia al maschile che al femminile. Oltre 400 ragazzi e ragazze delle scuole elementari e medie della ridente citt‡ in provincia di Cuneo hanno accolto la numero 1 d’Italia che si Ë divertita scambiando con loro sui campi di minitennis allestiti per l’occasione. Prima di scendere sul terreno di gioco Sara ha firmato autografi e si Ë concessa con grande trasporto alla curiosit‡ dei presenti. Molte le domande a lei rivolte, spesso impertinenti e pungenti come sono soliti fare i ragazzi…”quanto guadagni?”, per esempio, quesito che spesso anche noi addetti ai lavori vorremmo proporle ma altrettanto spesso non osiamo farlo: “Non mi posso lamentare – ha risposto la campionessa – soprattutto se considero che amo profondamente fare ciÚ che faccio”.

Alle 12 si Ë conclusa la sua “sessione di prove sul campo” e la parola Ë passata ai giornalisti in sala stampa. Sempre molto cortese la romagnola ha risposto a tutte le domande che le sono state rivolte. Come ti sei trovata in questo bagno di giovane folla?: <<Bene, mi piacciono i giovani, cosÏ la loro esuberanza. Un peccato non vivere queste emozioni pi˘ sovente ma gli impegni sono tanti e considerate che era da quasi quattro mesi che non tornavo in Italia per una settima di attivo relax”. Immaginati tra 20 anni Ministro dello Sport. Come lo introdurresti nelle scuole e cosa faresti per il tennis?: <<Non so come ma si dovrebbe fare di tutto per rendere lo sport pi˘ fruibile agli studenti. Chiaramente con un occhio di riguardo al tennis, quello che considero lo sport pi˘ bello del mondo>>. Parliamo di Fed Cup: <<Ci penserÚ da domani. Certo Ë che il successo di ieri di Roberta sulla Kvitova, anche se le condizioni di gioco saranno differenti, apre maggiori spiragli al nostro incontro. La numero 2 della Repubblica Ceca dovrebbe essere la Safarova>>.

Uno sgaurdo al Roland Garros 2013. Come lo vedi in chiave personale?: <<DovrÚ giocarlo partita dopo partita senza pensare a ciÚ che Ë stato. Il 2012 deve essere solo un bel ricordo. Questa Ë sempre stata la mia filosofia. Giocare ogni match, a qualsiasi livello, con la stessa intensit‡. Quindici dopo quindici, per dare ed ottenere il massimo>>. Lo scorso anno non ti sentivi top ten, quando sei entrata nel gotha del tennis mondiale. Ora?: <<Mantengo i piedi per terra anche se i risultati ottenuti dopo il Roland Garros hanno testimoniato del mio mutato valore. L’inizio del 2013 Ë stato un’ulteriore conferma. Mi sono avvicinata alle big del mondo>>. Con la Sharapova ormai Ë “guerra aperta”?: <<Una sfida motivante. Peccato per le ultime uscite, ho avuto diversi set point e non li ho realizzati. Ho perÚ capito di esserle sempre pi˘ vicina>>. Nel pomeriggio, per Sara, altro bagno di popolarit‡ allo Stampa Sporting di Torino dove sono in corso i match della tappa del Kinder + Sport con circa 400 iscritti nei 14 tabelloni. Prima visita al Museo dello Sport, poi intrattenimento con i protagonisti emergenti e premiazioni dei giocatori che hanno vinto i titoli del Kinder al Tc Monviso di Grugliasco ed i primi ad averlo fatto alla Stampa. Per tutti una giornat da ricordare.

Guarda dove praticare Tennis a Torino


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog