Magazine Politica

Terremoto in Emilia: tra le vittime un operaio di Pozzuoli

Creato il 30 maggio 2012 da Ilazzaro @Ilazzaro

Terremoto in Emilia: tra le vittime un operaio di Pozzuoli

Sa di beffa del destino, la morte di Vincenzo Iacono di 36 anni. Operaio puteolano morto ieri in uno dei capannoni "costruiti secondo norme antisismiche". Sa di beffa perchè per chi come scrive è nato e cresciuto nei campi flegrei, come Vincenzo, i movimenti della terra costituiscono una ferale necessità che solo alla terra in cui si nasce appartiene. Sa di beffa perchè ci si allontana dalla terra dei vulcani per trovare lavoro e si perde la vita in una terra dove i capannoni erano costruiti secondo norme antisismiche. Una terra dal basso rischio sismico. Sa di beffa perchè, secondo l'opinione pubblica, si lascia una terra dove se tutto va bene lavori a nero, senza garanzie, in strutture prive di norme di sicurezza. Già, quelle stesse norme in base alle quali tutti i tecnici (ed il titolari delle aziende) avevano invitato gli operai a ritornare a lavorare, nell'azienda AIRES di Mirandola.

Rosario fa il paio con un altro napoletano, perito nel sisma del 20 maggio sempre mentre era al lavoro. Operaio come i due marocchini e il ragazzo siciliano che hanno perso la vita anch'essi, insieme con i colleghi emiliani. Emigranti e terroni , morti lontano da casa, sul lavoro, come tributo alla terra che li ospita.

 «A nome dell’intera cittadinanza
di Pozzuoli esprimiamo cordoglio e ci stringiamo attorno alla famiglia Iacono,
in particolare alla giovane vedova, per questa morte assurda quanto atroce –
sottolinea il sindaco di Pozzuoli – Enzo Iacono era un figlio di questa terra.
Un lavoratore con un forte senso del dovere, che non si è tirato indietro quando
gli hanno chiesto di ritornare in Emilia nonostante le continue scosse di
assestamento. E’ un dramma nel dramma, per un giovane del sud Italia che è stato
costretto ad emigrare per lavorare ed è morto sul proprio posto di lavoro.
Pozzuoli è vicina a tutte le popolazioni coinvolte dal sisma e domani andrò a
trovare la sua famiglia per espimere il cordoglio della città»
Così il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia.

Vincenzo Iacono, lascia due figli di 3 e 6 anni.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog