Magazine Cinema

The Artist

Creato il 17 dicembre 2011 da Robydick
The Artist2011, Michel Hazanavicius.
George Valentin (Jean Dujardin) è una star del cinema muto che nel 1929, quando il Sonoro farà la sua comparsa, diffidente sulla nuova tecnologia ed orgoglioso del suo stile, non vorrà farne parte firmando così il suo declino, al quale concorrerà la "Grande depressione" per il crack di Wall Street, portandolo alla rovina. Destino opposto invece per la giovane Peppy Miller (Bérénice Béjo), sua scoperta e attrice alla quale arriderà ogni successo possibile ad Hollywood. Tra loro c'è anche amore, che però non può avere sbocchi senza che si esprima anche nella professione...
The ArtistIl bello è che a raccontarci questa storia (della quale ho detto quasi nulla, godetevelo...) è proprio un film in bianco e nero, e muto con le didascalie! Tranne brevissimi momenti, dove l'improvvisa comparsa di rumori e parole ha il solo scopo di realizzare contrasto. Interamente accompagnato, pur se girato con le possibilità attuali di ripresa e con una fotografia eccelsa, da musiche a tema con le scene rappresentate. Emblematico l'incipit, in una sala teatro dove un film con Valentin è proiettato mentre un'intera orchestra l'accompagna dal vivo e alla fine della proiezione lo stesso attore comparirà al pubblico concedendosi ai fan. Non è pura invenzione, una volta queste cose accadevano.
The Artist
Drammatico e commedia, con momenti veramente esilaranti ed altri romantici e commoventi (la scena in cui Peppy abbraccia il frac sul manichino è da sciogliersi sulla poltrona), ci riporta ad apprezzare l'essenza del Cinema in un periodo nel quale ci stiamo tutti chiedendo, quelli che amano la Settima Arte, dove il 3D o il futuro 4D ci porteranno. La sensazione che ci sia uno svuotamento dei contenuti a favore quasi esclusivo di spettacolarizzazioni un po' fini a sé stesse ci rende ritrosi. Anche allora sarà successa la stessa cosa e quell'anno, quel momento di passaggio che fu rivoluzione, ci aiuta a ricordare (ovvio ma è bello vederlo) che al solito non è la tecnologia che porta in sé progresso o regresso (artistico, in questo contesto) ma l'uso che se ne fa. "The Artist" premia il cinema muto come quello sonoro, e lo fa calandosi nel primo rispettandone stile e modalità, con le recitazioni fortemente espressive su tutte. Persino il simpaticissimo cane di Valentin (credo un jack russell), d'una bravura sconcertante e tra i personaggi che più si ricorderanno al termine della visione, pare rispettare questo canone.
The ArtistSe qualcuno ha ancora dubbi fra cosa distingue Arte e Tecnologia, perlomeno quando la seconda non sfocia nella prima manifestazione umana citata, questo film aiuta a risolverli. L'Arte ha una bellezza eterna, anche quando legata alla tecnologia, restando sempre attuale e non semplicemente per curiosità sulla sua evoluzione. La tecnologia, il più delle volte, una volta superata è destinata alla discarica. Il Cinema la può usare a suo piacimento, concentrandosi su come voler emozionare il pubblico ed ecco che un film muto colpisce oggi come cent'anni fa e per certi aspetti anche di più. Questo film meraviglioso non è il solo esempio recente di "uso di vecchie tecnologie in addizione alle attuali". Per chi non lo conoscesse consiglio vivamente "La Antena", altro gioiello imperdibile dell'argentino Esteban Sapir, di soli 4 anni fa.
Nessuno oggi credo, se ha un po' di buon senso, rifiuta le nuove tecniche di ripresa e proiezione citate. Nessuno vuole finire, come capiterà in uno dei momenti più significativi a Valentin, con l'essere il solo "muto" in un mondo pieno di suoni. Da parte vostra, cineasti e cineproduttori, ricordate sempre che il Cinema è sì un'arte popolare ma non per questo stupida, anzi è vero il contrario, e raggiunge le sue vette quando non dimentica che deve raccontare delle storie belle, interessanti, con grandi recitazioni. Docu-fiction a parte, gli attori in carne ed ossa sono ancora la spina dorsale di ogni opera, nei quali noi spettatori ci vogliamo immedesimare, identificare.
The Artist
Grande accoglienza a Cannes, mentre scrivo è il film con più candidature ai Golden Globes. Moderne pur nella "anticatura" le recitazioni dei due protagonisti. Jean Dujardin e Bérénice Béjo sono notevoli in tutto, anche nel danzare. Ci sono poi altre partecipazioni di pregio come quella di John GoodmanJames Cromwell, un cameo di Malcom McDowell, ed altri.
E' con grande piacere che metto nell'Olimpo un film del 2011.
The Artist
Nelle sale in questi giorni, è uscito a Milano in soli 4 cinema ed in sala, giovedì scorso, eravamo meno di 30 persone. Forse il pubblico si spaventa a pensare ad un film muto, forse lo ritiene un esercizio "intellettuale" o di stile, per "cinefili". Niente di più sbagliato, è un film bellissimo e per tutti.
Correre a vederlo! Col grande schermo ha una resa grandiosa e ci si sente più vicini agli spettatori di una volta. Ci vorrebbe qualcuno a riprendere il pubblico di adesso, anche se son pochi. Le facce son quelle, tendono a emulare quelle degli attori, ridono, ci scappa un rossore, forse anche una lacrimuccia. Personalmente non disprezzerò mai Il Mezzo, solo che terrò il fuoco sempre su Il Fine. Inventatevi anche il 10D olografico-sensorial-polipercettivo-positronico, nessun problema, ma in fondo noi spettatori siamo e resteremo gli stessi, "banali", esseri umani di sempre, o no?
Robydick
p.s.: i frame sono tutti "rapinati" nel web.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Artist – Michel Hazanavicius (2011)

    Artist Michel Hazanavicius (2011)

    Per fare un film muto nel 2011 ci vuole una certa dose di coraggio, ma questa volta il risultato è stato davvero strabiliate. Michel Hazanavicius ha dimostrato... Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Missing "The artist"

    Missing "The artist"

    Che film vorrei vedere questa settimana al cinema? Senza dubbio "The artist", la curiosità è tanta. E' un film in totale controtendenza tecnologica. Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • The artist

    artist

    Nel voler dare resoconto obiettivo di un film come “The Artist” lo scriba si trova di fronte diversi problemi. In primo luogo quello di dover parlare di un oper... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Nominations Golden Globes: The artist e Clooney fanno il pieno

    Nominations Golden Globes: artist Clooney fanno pieno

    Puntualmente, con precisione svizzera, le nominations ai Golden Globes aprono ufficialmente la corsa ai premi cinematografici 2011. Giunti alla 69. edizione, i... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • Visto nel weekend: the artist

    Visto weekend: artist

    In un momento in cui il mercato sembra tendere a una tridimensionalità posticcia o, nella migliore delle ipotesi, alla suggestione realistica del cinema... Leggere il seguito

    Da  Superpop
    CINEMA, CULTURA
  • The artist

    artist

    Ha ragione la mia amica G. che all'apparire dei titoli di coda ha esclamato: "Questo film ti riconcilia con la vita e con il mondo!". Leggere il seguito

    Da  Lo Sciame Inquieto
    CINEMA, CULTURA
  • The Artist per Torino Style

    Artist Torino Style

    Il Natale, si sa, va trascorso in famiglia. La recensione di The Artist è il piccolo regalo che The Talking Mule fa al suo blog "madre", Torino Style. Leggere il seguito

    Da  Thetalkingmule
    CINEMA, CULTURA

Magazines