Magazine Cultura

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

Creato il 01 aprile 2012 da Stezizzi

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al CinemaSono una fan delle citazioni cinematografiche, anche se “quando si parla di un film francese, muto e in bianco e nero, la gente ha paura e pensa: <mi annoierò>“, dice Michel Hazanavicius, regista del film The Artist.

The Artist è un bellissimo film muto sull’avvento del sonoro, un eccellente omaggio al cinema degli Anni ’20 che fa riflettere anche sull’importanza della comunicazione in assenza di parole. Nel film sono la musica, le emozioni, le immagini e la bravura degli attori a fare da filo conduttore alla storia. Ed anche gli abiti.

Mark Bridges, costume designer del film, ha vinto l’Oscar per i migliori costumi durante l’84esima edizione degli Academy Awards. Pur in bianco e nero, il fim riesce ad avere i suoi propri colori ponendo l’accento sulla texture degli abiti. Gli attori, per Bridges, dovevano spiccare sul bianco e nero del film. La storia si poteva raccontare con la texture di abiti che risaltassero dallo sfondo. Ad esempio, quando inizia la decadenza della carriera di George (Jean Dujardin), gli abiti sono leggermente più larghi perché riflettono in qualche modo la decadenza del suo successo. George è diventato un uomo meno importante di quello che era.

Lamé, paillettes e perline per Hollywood, lana a trama larga per comunicare “down-on-your-heels”, l’eleganza dei risvolti in satin per la sera o la lucentezza di una camicia da notte diventano anche protagonisti del film. Sono i tessuti e le loro trame che raccontano la storia. I costumi sono ispirati ad una moltitudine di film degli anni ’20 caratterizzati da guardaroba “emozionali”. La più grande ispirazione è stata Show People, film del 1928 con Marion Davies e William Haines. Il look di George Valentin negli studi cinematografici in The Artist è ispirato a quello dell’attore John Gilbert, che è anche un cameo in Show People.

Per Peppy Miller (Bérénice Bejo) Mark Bridges si è ispirato alle immagini dell’attrice Joan Crawford nel film del 1928 Our Dancing Daughters, ma anche ai film Sunrise (1926) e City Girl (1930). Alcuni vestiti indossati da Bérénice Bejo saranno in mostra fino al 28 Aprile 2012 al FIDM Museum Art of Motion Picture Costume Design di Los Angeles. Ci sono l’abito che Peppy Miller indossa quando strizza l’occhio a George Valentin, l’impermeabile e l’ombrello a fiori che usa quando va a trovarlo a casa durante una tempesta.

I cappelli Homburg (detti anche “alla diplomatica”), i guanti e l’abito tre pezzi indossati da Jean Dujardin rappresentano quello che Bridges definisce il “vestire con precisione“. “Spero che il film influenzi la moda in un modo di vestire molto preciso, in cui ci si prenda cura di ciò che si indossa. Per vestirsi con precisione intendo quando la tua camicia ti va a pennello o se i vestiti sono fatti su misura anziché essere presi da uno scaffale. Tengo molto allo stato del personaggio rispetto a quello che indossa. Per esempio, se non sta bene forse indossa qualcosa di comodo o che non gli sta troppo bene. Provo costantemente a leggere nella mente dei personaggi e a capire che momento stanno vivendo”.

Gli anni ’20 quest’anno hanno invaso le passerelle come quelle di Gucci, Ralph Lauren, Etro, Marni, Alberta Ferretti, Marchesa o Marc Jacobs per la Primavera/Estate 2012. Ma anche al cinema si rileva la nostalgia delle atmosfere tipiche di quest’epoca in film come Midnight in Paris di Woody Allen e Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann. Tra moda e film, nel mondo dei graphic novel fa capolino SuperZelda, la biografia a fumetti scritta e illustrata da Tiziana Lo Porto e Daniele Marotta che racconta le vicende “spericolate” di Zelda Sayre, moglie e grande amore dello scrittore Scott Fitzgerald.

E se The Artist fosse l’esempio che l’evoluzione del nostro modo di comunicare ha raggiunto un livello tale da farci ricominciare lentamente a desiderare un ritorno a forme di espressione più semplici ma che trasmettono l’essenza delle emozioni umane? L’unica certezza è che l’arte del saper raccontare non morirà mai.

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

The Artist, una “silenziosa” lettera d’amore al Cinema

40.704241 17.334870

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Artist

    Artist

    Anno: 2011Distribuzione: BIM DistribuzioneDurata: 100’ (B/N)Genere: DrammaticoNazionalità: Francia Regia: Michel Hazanavicius Rendere parlante e sonoro un film... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • The Artist – Michel Hazanavicius (2011)

    Artist Michel Hazanavicius (2011)

    Per fare un film muto nel 2011 ci vuole una certa dose di coraggio, ma questa volta il risultato è stato davvero strabiliate. Michel Hazanavicius ha dimostrato... Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Missing "The artist"

    Missing "The artist"

    Che film vorrei vedere questa settimana al cinema? Senza dubbio "The artist", la curiosità è tanta. E' un film in totale controtendenza tecnologica. Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Agostino iacurci - artist of the day

    Agostino iacurci artist

    FROM THE OFFICIAL WEBSITE OF AGOSTINO IACURCI: Born in Foggia in 1986, he lives and works in Rome where he studied Illustration and Animation at Officina B5,... Leggere il seguito

    Da  Darioujetto
    ARTE, CULTURA
  • The artist

    artist

    Nel voler dare resoconto obiettivo di un film come “The Artist” lo scriba si trova di fronte diversi problemi. In primo luogo quello di dover parlare di un oper... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • The Artist

    Artist

    2011, Michel Hazanavicius.George Valentin (Jean Dujardin) è una star del cinema muto che nel 1929, quando il Sonoro farà la sua comparsa, diffidente sulla... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Visto nel weekend: the artist

    Visto weekend: artist

    In un momento in cui il mercato sembra tendere a una tridimensionalità posticcia o, nella migliore delle ipotesi, alla suggestione realistica del cinema... Leggere il seguito

    Da  Superpop
    CINEMA, CULTURA