Magazine Cinema

The bay

Creato il 06 giugno 2013 da Veripaccheri
The Bay di Barry Levinson con Kristen Connolly, Kimberly Campbell Usa 2012 genere, horror, fantascienza durata, 84
THE BAYPìù dell'esegesi potrebbe tornare utile la lettura delle note di produzione. In quel caso si scoprirebbe che dietro "The Bay", horror low budget diretto da Barry Levinson si nasconde un sodalizio di teste pensanti ed abili esecutori capaci in pochi anni di piazzarsi nei piani alti della finanza cinematografica mettendo a punto un format ad alto tasso di rendimento, con investimenti limitati e ricavi altisonanti. Stiamo parlando di Jason Blum e della sua Bloomhouse, casa di produzione artefice di successi come la serie "Paranormal Activity", "Insidious" (2010) e recentemente di "Sinister" (2012) interpretato da Ethan Hawke, e poi tra gli altri di Ori Peli, regista di riferimento dei film prodotti da Blum. La crescita costante è confermata in questo caso dal coinvolgimento di un regista di serie A come Barry Levinson, già vincitore di un Oscar, ed autore di opere importanti come , "Rain Man" (1988) e "Jimmy Hollywood" (1994), ma anche, è il caso di ricordarlo, di "Sfera" (1998), incursione nella fantascienza di un autore che si pensava eclettico, ma non fino al punto di accettare la direzione di un b movie come "The Bay".

Ed invece, togliendosi galloni ed età anagrafica, Levinson si butta a capofitto nell'impresa con voglia e stile da ragazzino per raccontare la storia di una cittadina di mare, la cui esistenza viene sconvolta da un misterioso virus che inizia a decimarne gli abitanti. A raccontare l'apocalisse una giornalista al primo giorno di lavoro, ed i filmati delle vittime, tutte quante, nessuna esclusa, puntuali nel testimoniare con ogni mezzo lo sbigottimento e l'orrore di quell'esperienza.

Disaster movie con venature ecologiste, "The Bay" è soprattutto un horror che, alla pari di altri che l'hanno preceduto si presta ad una duplice lettura. Da una parte c'è la trasfigurazione di una civiltà in declino, condannata all'estinzione nel giorno della sua celebrazione (l'azione è infatti concentrata nell'arco delle 24 ore a cavallo dell'Indipendence day) a causa dell'inquinamento ambientale da lei stesso provocato. Dall'altra emerge in maniera prepotente la riflessione sul mezzo cinematografico e sull'influenza che esso ha subito sul piano delle immagini per il moltiplicarsi dei formati e delle fonti. Due aspetti che "The Bay" riesce ad integrare con l'escamotage del found footage,  - quello che vediamo è il documentario assemblato dalla giornalista - capace di realizzare una discesa negli inferi verosimile e disturbante, utilizzando fonti visive eterogenee  - dagli sms ad internet, dalla riprese via Hi Phone alle telecamere a circuito chiuso - che acuiscono la sensazione di no way out attraverso la materializzazione di un terzo "occhio", ubiquo ma impassibile nella registrazione dello sconvolgentente avvenimento; inno alle possibilità della tecnica cinematografica e contemporaneamente de profundis su un' arte ridotta ad un reality omnicomprensivo. Se la scelta di interpreti semi sconosciuti è funzionale al tono pseudo amatoriale delle riprese - in realtà controllate e studiate nel minimo dettaglio - e la svolta in chiave horror che fa del batterio carnivoro annidato nelle acque della baia un killer all'altezza della situazione, "The Bay" paga dazio per una imprevedibilità, anche formale, che gli aficionados della Bloomhouse hanno imparato a conoscere. Così alla fine si resta più ammirati dal talento artigianale dell'operazione che dalla sua capacità di sorprendere.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines