Magazine Cinema

The Believer (di Henry Bean, 2001)

Creato il 08 marzo 2012 da Iltondi @iltondi

Ispirato alle vicende di un vero ebreo antisemita, The Believer è la storia di Daniel Balint (Ryan Gosling), giovane naziskin che odia a morte gli ebrei e quindi anche se stesso. Cresciuto con una classica educazione ebraica, sin dalla scuola mostra un acume impressionante e una capacità di ragionamento invidiabile, ma anche le proprie controverse idee. Prima a capo di una piccola banda e poi inserito in un’organizzazione più vasta, che vede in lui un talento in grado di agitare le masse e attirare nuovi adepti, prova a farsi strada come leader antisemita. Ma il suo vissuto contraddittorio non glielo consente con facilità. The Believer (di Henry Bean, 2001)

Il tema è già forte di per sé. Mettiamoci anche un inizio così rabbioso e violento (camera a spalla, le immagini sono quelle di Balint che importuna un giovane seminarista ebreo sul bus, poi lo segue in strada e lo massacra di botte), brucianti teorie sul potere ebraico, obblighi imposti dalla religione, inevitabili discussioni sull’Olocausto e divagazioni su perversioni sessuali: prima ancora di capire se c’è piaciuto o meno, ci ritroviamo necessariamente a riflettere. La forza del film sta soprattutto nei dialoghi; oltre alle dissertazioni del Balint adulto, i flashback della scuola ci mostrano un giovane studente, brillante e provocatorio, che definisce Dio un maniaco megalomane e un despota arrogante, pur crendendo nella sua esistenza. E ancora ci ritroviamo a riflettere. La pellicola ha ben figurato ai Festival, in particolare al Sundance. Rimane la migliore cosa mai realizzata dal regista Henry Bean, anche sceneggiatore. Nei panni di Lina Moebius l’affascinante Theresa Russell in versione austera (ve la ricordate nel film La vedova nera di Bob Rafelson, insieme a Debra Winger?)



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Henry pioggia di sangue

    Henry pioggia sangue

    Henry Lee Lucas è probabilmente il killer più sanguinario e "prolifico" della storia moderna. Malgrado gli siano stati attribuiti ufficialmente "solo" 11... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Henry

    Henry

    Dopo essersi aggiudicato il Premio del Pubblico al Festival di Torino 2010, "Henry", opera terza di Alessandro Piva, approda nelle sale, muovendo, forse, qualch... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Henry – come fossimo in America

    Henry come fossimo America

    Parte bene Alessandro Piva ed Henry sembra viaggiare sulla buona strada del thrillerone, dei bassifondi, della droga. Poi però ci si perde un po’ troppo deviand... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Henry

    Henry

    regia di Alessandro Piva (Ita 2010) Il commissario Silvestri (Claudio Gioé) coadiuvato dal collega Bellucci (Paolo Sassanelli) è impegnato nelle indagini per... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Incontro con Alessandro Piva, regista di “Henry”

    Incontro Alessandro Piva, regista “Henry”

    Sabato 17 Marzo, all’Auditorium Stensen di Firenze, c’è stata la proiezione di Henry, alla presenza del regista Alessandro Piva e di Alfonso Santagata, grande... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il mestiere di scrivere, Henry James mon amour

    mestiere scrivere, Henry James amour

    L'aspirante scrittore non si faccia trarre in inganno dal titolo di questo volume: Il mestiere di scrivere non è un saggio sullo stile, la forma o i meccanismi... Leggere il seguito

    Da  Spaceoddity
    CINEMA, CULTURA
  • "Ulisse" di Henry Moonlock

    "Ulisse" Henry Moonlock

    Io non sono mai partito da Itaca né ad Itaca sono mai tornato.Non ho visto Priamo piangere sul corpo del figlio, né odoratoil profumo del legno con cui erano... Leggere il seguito

    Da  Lucabilli
    CULTURA

Magazines