Magazine Serie TV

“The Bridge”: il creatore della serie anticipa il quadro generale della 2° stagione

Creato il 09 luglio 2014 da Linda93

Il dramma al confine, “The Bridge” ha subito un riavvio di sorta con la seconda stagione.

A comin

“The Bridge”: il creatore della serie anticipa il quadro generale della 2° stagione
ciare da una tematica più ampia rispetto allo scorso anno spostando l’attenzione verso la corruzione politica e aziendale su entrambi i lati del confine tra gli USA e il Messico tra questioni come il traffico di droga, l’immigrazione e la tratta di esseri umani. Ma non pensato, in realtà è più sanguinoso e contorto che mai.

“È uno spettacolo radicalmente diverso e intendo in senso positivo” dice il creatore Elwood Reid. “Cerchiamo di raccontare una storia più grande, ma il modo in cui stiamo cercando di raccontarla non è consueto al pubblico. Narreremo il tutto partendo dai personaggi, attraverso cose che riguardano la vita delle persone”.

“[I drama procedurali sulla polizia] possono essere talvolta privi di sostanza, io voglio servire alcuni antispasti e poi anche un ricco pasto con quattro portate di stranezza e vediamo come va, invece di fare una zucchero corsa alla ricerca del serial killer ogni settimana”.

A partire da questa sera oltreoceano, Sonya e Marco saranno riuniti per indagare sull’omicidio di un membro del cartello il cui cadavere si trova a El Paso. La loro indagine lì condurrà a un’assassina, descritta come una delle cattive più terribile del piccolo schermo. E i giornalisti Daniel Frye e Adriana Mandez conducono un po’ di lavoro da detective per conto loro. Inoltre un uomo di Marco gli spara durante un raid, il che fa insospettire il poliziotto della presenza di corrotti nella squadra, dato che tutti sul momento indossavano maschere antigas. Sonya apprende invece che l’assassino della sorella, Jim Dobbs è sul punto di morte in ospedale.

Tutti i fili di queste diverse storia non inizieranno a tessersi assieme fino al quarto o quinto episodio, ma ecco tutti i dettagli:

1. Un nuovo cattivo
Fausto Galvan è il nuovo leader del cartello, ma il suo braccio destro, Eleanor Nacht è forse la minaccia più forte e spaventosa, ella mette in atto la violenza con una calma assoluta mentre si funge come la ragioniera del suo capo, dire che ha un temperamento rapido è un eufemismo. La donna lascerà una scia di sangue, prima staccando un orecchio solo perché le viene versato del tè addosso e poi lasciando un cadavere alle sue spalle. E queste solo le vittime umane. “Lei ha un modo molto sicuro di sé per fare le cose. Non ha paura di morire e non gliene frega nulla dei soldi… il che la rende piuttosto pericolosa” dice la sua interprete Franka Potente.

2. Marco cattivo
Dopo la morte del figlio Gus e la fine del suo matrimonio, Marco ha toccato il fondo. Ma nel bel mezzo del suo dolore è ancora deciso a vendicarsi, “una pistola carica” lo definisce Demian Bichir. “Quando tuo figlio muore, tutto cambia per sempre. Finisci in un posto davvero buoi, come l’inferno. Ecco dove si troverà Marco all’inizio della seconda stagione. Vedremo cosa accadrà quando non gli resta altro da perdere. Questo aspetto lo renderà estremamente pericoloso per i cattivi”.

3. Un “romanticismo” per Sonya
Dopo che la poliziotta incontra Jack Dobbs, il fratello dall’assassino di sua sorella, i due iniziano un’improbabile e viziosa relazione. “È la versione di FX di una storia d’amore, se questo dice niente, diciamo che su ABC non verrebbe mai trasmessa” dice Reid. Inoltre non si sposa bene con Hank, la figura paterna e professionale della vita di Sonya. Diane Kruger si dice entusiasta di questo lato. “Quando qualcosa del genere accade a voi ed alla vostra famiglia, è difficile per una persona esterna capire l’impatto che ciò può avere sulla vita di quella persona. Loro condividono questo strano legame in qualche modo, abbastanza strano. Ovviamente non è un qualcosa di sano per una relazione. Ma Sonya ha un sacco di idee anche contrastanti circa le cosa che la appagano come donna. È un bellissimo rapporto, solo che al contempo è veramente sbagliato”.

4. La tensione tra Marco e Sonya
Hank non sarà l’unico a scontrarsi con Sonya questa estate. Mentre lei e Marco scavano a fondo nella corruzione all’interno delle forze di polizia, Sonya comincia a chiedersi se può davvero fidarsi del suo partner. Tante cose accadranno da farle venire il dubbio che l’integrità di Marco sia ormai compromessa. Per lei, sarà un altro colpo duro con cui venire a patti nella stagione spiega Kruger. Bichir resta invece cauto sulle intenzioni del suo personaggio. “[Marco] è ancora un uomo indeciso, il tipo di poliziotto che può rappresentare la differenza di un sistema corrotto, sta cercando di fare la cosa giusta, ma se necessario, farà anche quella sbagliata”.

5. Rivalità fraterna
Il vero fratello dell’attore, Bruno Bichir si unirà alla serie come Sebastian Cerisola, un uomo d’affari messicano benestante che ha legami loschi con il cartello e le forze di polizia. “Sono personaggi diversi ed hanno opposti stili di recitazione” spiega Reid dei due fratelli. “Ma quando [Marco e Sebastian] si incontreranno in The Bridge, sarà davvero elettrico. Abbiamo caricato cosa Sebastian rappresenta per Fausto, per il sistema e per Marco. Quando si incontrano è davvero fantastico”.

6. La lotta per il potere
Con il governo e degli interessi su entrambi i lati del confine iniziano ad “intaccare la sua autorità”, Fausto si trova in una disperata lotta per cercare di tenere in piedi il suo impero e Marco si ritroverà nel mezzo invece. “Lui e Marco hanno questo rapporto molto curioso che proseguirà per tutta la stagione” anticipa Reid. “Fausto, quando si rende conto di essere sotto attacco o comunque in pericolo, a chi si rivolge per chiedere aiuto? Sarà come un punto di svolta quest’anno. Come si fa a mandar via un cattivo ragazzo come Fausto e pretendere che non cambi davvero nulla in Messico, è davvero la domanda che ci stiamo chiedendo”.   [TV Guide]


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog