Magazine Cinema

The Bridge - Il ponte dei suicidi

Creato il 30 maggio 2010 da Eraserhead
The Bridge - Il ponte dei suicidiDisordinata cronistoria – dopotutto – devo dire indolore, dell’anno di disgrazia 2004 a San Francisco, Golden Gate Bridge per la precisione, teatro grandguignolesco di ventiquattro, dicesi ventiquattro, suicidi nell’arco di 12 mesi. Praticamente due al mese.
Piazzate tot telecamere che hanno ripreso notte e dì i movimenti sul ponte nei pressi della zona, il regista Eric Steel ne ha cucito le immagini con testimonianze dei parenti o amici stretti delle persone suicidatesi.
Macabro, penserete. E lo penso anche io che con la mia “esperienza” definirei The Bridge un mondo movie dei giorni nostri, certo più curato nella tecnica e meno ostentato nel contenuto, ma voyeuristico nonché speculativo nel maneggiare storie di gente che si toglie la vita. Molto intrusivo, davvero, forse l’aspetto più fastidioso è quello di voler entrare in sfere personalissime che da nome sarebbero perlopiù appartenenti ai legittimi proprietari e non ad un curioso obiettivo di un inutile telecamera. Ma in America l’elaborazione del lutto dev’essere più compartecipativa della nostra visti i funerali-rinfresco che fanno, e quindi riprendere un tizio che si getta giù da un ponte non dovrà sembrare troppo irrispettoso per gli yankee.
Tenendo a mente una tale condivisione della soglia del dolore, si può dire che il documentario abbia una valenza minima nel suo campo date le telegiornalistiche informazioni che dà. Se di denuncia si voleva trattare farci un film sopra è un’esagerazione, che di notizie così se ne sentono e se ne leggono ogni ora, e sebbene siano pur sempre brutte storie, l’opinione pubblica si è costruita addosso una bella corazza che un poveraccio stanco di vivere non potrà di certo scalfire.
Il gusto è cattivo, almeno sempre per me vecchio europeo, anche e soprattutto quando i conoscenti parlano dei loro cari deceduti, nel rivelare e nello svelare i vuoti esistenziali che li tormentavano. Oltre a mancare di riconoscenza al morto, le varie testimonianze si susseguono dentro ovvietà sconcertanti come se non si potesse intuire che un essere umano desideroso di lasciare ‘sto mondo abbia giganteschi problemi irrisolti.
E poi meschina la strumentalizzazione del capellone suicida che viene proposto nelle immagini sul ponte più degli altri per venir alla fine utilizzato come (inconsapevole) protagonista principale con il suo salto mortale all’indietro.
Evitate.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lercio

    lercio

    La cupidigia è un fattore ereditario. Roberto Rossi, nato in una famiglia di avari senza cuore, vive fin da piccolo la sua esistenza con l’unico interesse di... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il Museo Nazionale del Cinema rende omaggio al regista turco Fatih Akin con la...

    Museo Nazionale Cinema rende omaggio regista turco Fatih Akin rassegna ‘Crossing Bridge. film Akin’

    Il Museo Nazionale del Cinema rende omaggio all’opera del grande regista di origine turca Fatih Akin con una retrospettiva completa a lui dedicata dal titolo... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA, EVENTI
  • The Bridge: Skipp & Spector tornano all'assalto!

    Bridge: Skipp Spector tornano all'assalto!

    Portare l'inferno nel paradiso non è certo impresa alla portata di chiunque, ma per il duo John Skipp e Craig Spector diventa ordinaria amministrazione in The... Leggere il seguito

    Da  Splatterpostino
    CULTURA, HORROR
  • Il concerto

    concerto

    Descrivere un concerto usando solo il tatto e l’olfatto. L’odore del legno mi avvolge, i miei piedi nudi avanzano incerti lasciando sagome umide sul parquet... Leggere il seguito

    Da  Scrid
    CULTURA
  • The bridge a tribute to Neil Young

    bridge tribute Neil Young

    Conobbi questo disco una sera d’estate a casa di un mio amico, grande appassionato di Neil Young. Ricordo che tra una chiacchera e l’altra Diego mi disse: “Tu... Leggere il seguito

    Da  Sullamaca
    CULTURA, MUSICA
  • Il Cronovisore

    Tutti sappiamo che la Fondazione Giorgio Cini possiede un' importante biblioteca, ma pochi sanno che è anche sede dell’unico istituto esistente al mondo di... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    CULTURA, ITALIA, VIAGGI
  • Il tableau

    tableau

    Ieri sera durante le prove di regia dell’opera Tosca, una bambina del coro delle voci bianche mi ha chiesto cosa significava fare “tableau“. Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA

Dossier Paperblog

Magazines