Magazine Società

The imitation game (l'uomo e la macchina che sa ingannare l'uomo)

Creato il 10 maggio 2015 da Funicelli
"Può una macchina pensare come un essere umano? Molti dicono di no.
Il problema è che è una domanda stupida. È ovvio che le macchine non possono pensare come le persone. Una macchina è diversa da una persona e pensa in modo diverso.
La domanda interessante è poiché qualcosa pensa diversamente da noi vuol forse dire che non sta pensando? Noi ammettiamo che gli esseri umani abbiano divergenze gli uni dagli altri. Lei ama le fragole, io odio pattinare, lei piange ai film tristi, io invece sono allergico al polline. Qual è il punto di avere gusti diversi, diverse preferenze se non mostrare che i cervelli lavorano diversamente e che pensiamo diversamente.
E se diciamo questo delle persone non possiamo dire lo stesso di cervelli fatti di rame e acciaio e cavi?"

E' il punto centrale del film con Benedict Cumberbatch Ma che non salvò Turing dalla persecuzione delle leggi inglesi: fu condannato per la sua omosessualità, costretto ad assumere farmaci che ""The imitation game": Alan Turing spiega ad un ispettore di polizia che lo sta interrogando la sua teoria sulle macchine "che pensano", alla base del famoso "test di Turing".
La macchina, pensata e realizzata da Turing assieme ad altri matematici, per decifrare il codice Enigma, usato dai nazisti per le loro comunicazioni segrete. curassero" la malattia. Morì (o meglio si suicidò per la vergogna della sua condizione) a 41 anni nel 1954.
Una scoperta che salvò milioni di vite umane, che permise agli alleati di vincere la guerra con due anni di anticipo (sono stime riportare alla fine del film).
Il segreto di Ultra fu mantenuto dal governo inglese per quasi 50 anni. " A volte sono le persone che nessuno immaginava che potessero fare certe cose, quelle che fanno cose che nessuno può immaginare. "


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine