Magazine Cultura

The Leftovers. Il destino che bussa alla porta

Creato il 08 ottobre 2014 da Ilcirro

leftovers
E’ ormai universalmente acclarato che le serie televisive di recente prodotte dai networks statunitensi siano ormai la vera frontiera della creatività autoriale, risultando decisamente più interessanti ed attrattive dei prodotti cinematografici, ormai adagiati su stanchi cliché di generi ormai prosciugati.

Tra i lavori più sorprendenti, ecco The Leftovers, serie creata per HBO da Damon Lindelof (già autore di Lost !!) e Tom Perrotta ed interpretata da Justin Theroux, Liv Tyler, Amy Brenneman: un dramma filosofico, che assume a tratti i colori del thriller e dell’horror.

Il tema centrale della serie è l’improvvisa sparizione del 2% della popolazione mondiale, il 14 ottobre di un anno imprecisato. Le vicende si svolgono nella piccola contea di Mapleton (New Jersey) a partire dal terzo anno successivo alla scomparsa e raccontano come i sopravvissuti (leftovers) vivano nel ricordo di quel tragico evento, di cui non esiste ancora una spiegazione (un evento biblico, tipo giorno del giudizio?? l’intervento di forze sovrannaturali??). Chi è rimasto vive in una specie di limbo, in attesa di risposte che forse non arriveranno, o a fare i conti con il suo passato, con gli errori e con tutte le mancanze di cui si sente responsabile. Questa condizione sembra portare in breve tempo alla dissoluzione conflittuale della piccola comunità.

The leftovers è una serie che richiede un’intensa partecipazione intellettuale, in quanto non offre alcun appiglio narrativo, ma sembra quasi ritornare ciclicamente su sé stessa, aggiungendo ogni volta nuovi temi e nuove speculazioni sui personaggi che, ad ogni episodio, appaiono sempre sotto luci diverse.

Non c’è dubbio che molti spettatori possano essersi sentiti scoraggiati, o spaesati, di fronte a una storia che non sembra portare da nessuna parte, se non aggiungere nuova incertezza ed inquietudine ad ogni minuto che passa.

Tuttavia, il senso di smarrimento di fronte alle cose che capitano all’improvviso senza rimedio (11 settembre?), all’incombenza del destino ed al grande mistero della vita oltre la vita, sono qui amplificate a dismisura; diventa quasi impossibile trattenere l’emozione di fronte a questioni che non possono non toccare chiunque: tutti abbiamo perso qualcosa, o vorremmo rivedere qualcuno, o vorremmo non aver fatto qualcosa che ci rimorde la coscienza…

Il tema della sospensione e dell’inquietudine domina ormai la cultura moderna in ogni sua espressione artistica, testimoniando senza dubbio un’epoca umana dominata dalla paura, dall’angoscia e dal ritorno ad una sorta di individualismo “difensivo”.

Se questa è la nuova era della TV, ben venga.

Quanto al cinema, beh, continui ad occuparsi di vampiri e/o supereroi metà umani e metà (o del tutto) di plastica…


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il marchio

    marchio

    In uno dei miei primi ricordi importanti, quelli che, quando cresci, ti tornano in mente come un punto di svolta, sono seduta al banco di scuola, terza, quarta... Leggere il seguito

    Da  Ninapennacchi
    CULTURA, LIBRI
  • Il dono

    dono

    Chi dona si rispecchia nel regalo che porge, con esso vuole comunicare il proprio io e creare relazioni positive. Un dono autentico costruisce valori,... Leggere il seguito

    Da  Aljo
    ARTE, CULTURA
  • Il condominio

    condominio

    Quando svolgevo  il mandato di  consigliere comunale,  tanti anni or sono, a volte finivo le riunioni del Consiglio oltre la mezzanotte; eppure consideravo tutt... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Il singspiel

    singspiel

    La prima volta che ho sentito questo termine è stato quando, al terzo anno di canto, il mio maestro mi propose un ruolo in un singspiel: Bastiano e Bastiana,... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il codice

    codice

    Titolo: Il codice Autore: Douglas Preston Editore: Sonzogno Pagine: 411 e book: disponibile “Saluti dal morto”: così si congeda l’eccentrico Maxwell Broadbent... Leggere il seguito

    Da  Destinazione Libri
    CULTURA, LIBRI
  • Il maialibro

    maialibro

    Anthony Browne,Ed. Kalandraka, 2013IllustratoEt di lettura: scuola d'infanzia (dai 5 anni), scuola primariaQuando per 4 anni ho vissuto con il mio compagno in... Leggere il seguito

    Da  Milena Z
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il Conformista

    Conformista

    Spesso si sceglie di descrivere il regime fascista come un'ombra che ha avvolto e sottomesso l'Italia per decenni, limitandosi a racchiudere in questa metafora... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA