Magazine Cultura

Trucchi d'autore 1: Stefano Piani

Creato il 05 settembre 2010 da Stepianii
Trucchi d'autore 1: Stefano Piani
... E com'è ovvio, il primo a rispondere alle mie stesse domande, sono io.
Quando lavori di preferenza?Tutti i giorni compreso il sabato. Vado in ufficio alle 9 ed esco elle 18, con un'ora di pausa per il pranzo. La disciplina è importante. Poi magari posso passare il pomeriggio a leggere o a guardare telefilm sul computer, però devo stare lì, nel mio studio, cascasse il mondo.Descrivi il tuo studio...E' piuttosto grande e pieno di pupazzi - personaggi di film horror soprattutto - gadget e giochi - il guanto di Kruger, un subbuteo originale degli anni '70 - e di libri: a migliaia (circa 12.000 in realtà). Sulla parete davanti alla scrivania, ho la stampa di un quadro di Magritte: "L'impero delle luci". E' molto bello e lo guardo spesso. Non so se l'avete presente: c'è una casa in mezzo a una specie di bosco. E c'è un lampione acceso che illumina la porta d'ingresso riflettendosi in uno specchio d'acqua. Sembra che sia notte, fino a quando non alziamo lo sguardo su un cielo completamente azzurro.... E il tavolo su cui lavori. In base a che cosa l'hai scelto?E' di vetro ed è una copia di un famoso tavolo disegnato da Le Corbusier. L'ho scelto, oltre che perché è bellissimo, perché è molto grande - più di tre metri - e mi permette di gestire meglio l'enorme quantità di cose che tengo sempre sulla scrivania.Quando hai iniziato a fare questo lavoro usavi la macchina da scrivere? E se sì, com'è stato il passaggio al computer?Uso il computer - sempre e solo Mac - fin dai primi anni '90 quindi, almeno professionalmente, sono scampato la macchina da scrivere.Mentre scrivi fai delle pausa?Molte. Ma qualunque cosa io faccia quando sono in studio, va sempre considerata lavoro.Ascolti musica o tieni la TV accesa?In studio non ho la televisione, mentre ascolto sempre la musica, soprattutto classica o jazz. Qualche volta Dylan o Springsteen. Quasi mai musica italiana. Malgrado abbia un'enorme capacità di astrarmi mentalmente dal luogo in cui mi trovo, la tentazione di seguire il testo riaffiorerebbe di tanto in tanto, disturbando la mia concentrazione.Che cosa tieni sempre a portata di mano sulla scrivania?La scatola dei sigari e "The Hollywood standard", libro di cui ho parlato in un precedente post.Hai un'abbigliamento particolare per scrivere?No. L'importante è che sia comodo.Usi carta per prendere appunti?Blocchi legal con i fogli gialli. Come gli avvocati americani. Li uso per scrivere idee improvvise o per fare schizzi. POi quelli che meritano li infilo in un raccoglitore ad anelli.Che tipo di penne usi?Stilografiche soprattutto. E più pesanti sono e meglio è. Hai degli sfizi particolari collegati alla scrittura?Un sigaro" toscano originale" fumato alla maremmana, alle due del pomeriggio, dopo il caffé. Il momento più piacevole della giornata.Disciplina o ispirazione?Moltissima disciplina e un po' di ispirazione ogni tanto.Si può scrivere usando solo la tecnica?Sì. E possono venire fuori anche delle cose egregie. Ma non di quelle che si ricordano.Da dove nascono le idee migliori?E chi lo sa. Io penso che a volte sia questione di fortuna. Leggi una frase, vedi una cosa in un preciso momento e questa ti porta altrove: se l'avessi letta anche solo qualche minuto dopo o prima, forse non avrebbe prodotto lo stesso risultato.Sei mai stato "bloccato" dalla pagina bianca?No. Io sono una macchina: quando mi siedo alla scrivania inizio a scrivere, senza se e senza ma. Quando è ora di smettere lo decido io, non succede mai che smetta perché ho esaurito le idee o perché sono stanco. Smetto perché è arrivata l'ora di andare a casa.Libri o film per ispirarti?Sempre. E adesso che ho scoperto lo streaming è davvero una pacchia: in pochi istanti hai il film che ti interessa e la scena che volevi sul tuo computer.Descrivi il tuo metodo di sceneggiatura.Scrivo sempre a piccoli blocchi di pagine (4 o 5, raramente di più), cercando di finire la scena prima di inviare la pagine al disegnatore. Di solito so più o meno che cosa deve succedere, ma poi quando inizio a scrivere tutto cambia e, spesso, la scena finita è completamente diversa da quella che avevo in mente: ma visto che di solito scrivo senza avere un soggetto questo non è un problema.Quante pagine di sceneggiatura a fumetti scrivi in un giorno?Se mi dedico solo a quello, anche una quindicina. Le tue pagine sono molto dettagliate o tendi a lasciare libertà al disegnatore?Dipende dal disegnatore. Quelli di cui mi fido possono anche ritrovarsi con descrizioni di mezza riga. Però in genere tendo a lasciar decidere la scelta dei campi e dei piani da usare al disegnatore.Ti va di inviarmi una foto del tuo studio - fatta rigorosamente con il cellulare - da mettere in apertura di questa intervista?Certo. Visto che la cosa l'ho proposta io sarebbe assurdo se mi tirassi indietro.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Stepianii 56 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazine