Magazine Serie TV

True Detective

Creato il 10 ottobre 2014 da Xab @Xabaras89
True Detective
Meraviglia.
Inaudita meraviglia.
La serie tv che mi avrebbe convertito alle serie tv se qualche tempo prima non ci avesse pensato Breaking Bad, nonché una delle più belle rappresentazioni di Cinema (per il piccolo schermo, ok) a cui io abbia avuto la fortuna di assistere negli ultimi anni.
Rust
La serie tv che a conti fatti serie lo è per modo di dire, e sembra più che altro un film troppo lungo per essere gestito nelle solite due misere ore (discorso simile magari lo facciamo anche con Fargo appena si riesce)
True Detective mi ha conquistato subito perché con me vince facile, essendo:
  1. Un noir-psicotico ambientato in quell'umida e voodooistica landa del sud degli Stati Uniti che risponde al nome di Louisiana

  2. Focalizzato nel rapporto tra la classica coppia di sbirroni anni '90 Arma Letale docet, rivisitati però in una chiave originale quasi del tutto nuova - sopratutto nella figura di Rust

  3. Sfoggiante un sapiente utilizzo dei flashfoward /trascorrere del tempo in una piccola manciata d'episodi

Insomma, na cosa praticamente costruita attingendo dalla mia libido (un caso simile a quanto accadde in altri generi e settori con Red Dead Redemption), ma che per questo stesso motivo poteva rovinosamente cozzare nel blando, retorico e insipido serial giallistico visto e rivisto nei secoli e nei secoli amen
true-detective-woody-harrelson-michelle-monaghan
Ecco, no, manco per niente: e ci tengo a dire che questo non è solo per il personaggio di Rust (ruolo che ha contribuito a dare tutto un altro senso alla carriera di un fenomenale Matthew McConaughey), indubbia punta di diamante del lotto, ma anche per il suo comprimario Martin (Woody Harrelson), lui si classico poliziottone a stelle e strisce con tutti i pro e i contro del caso, ma interpretato e sopratutto raccontato sotto luci e sfaccettature forse mai viste prima.
Martin e Rust
E poi c'è quella regia così bella da mozzare il fiato: condita dalle sue riprese dall'alto, le scene in automobile, una sceneggiatura farcita di dialoghi/monologhi bellissimi e la fotografia che tanto mi sarebbe piaciuto vedere nel prossimo Silent Hill... (inteso come gioco eh, e di quello a breve si deve discutere)

Ovviamente tutto questo è riferito alla prima serie (autoconclusiva), nel futuro il "brand" fa ancora in tempo a sputtanarsi in allegria, ma non c'è ragione di essere negativi prima del tempo (checché ne dica Rust)  

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog