Magazine Diario personale

Tusk (recensione)

Da Bangorn @MarcoBangoSiena

Non sono per le recensioni negative, per niente. C’è già tanta gente là fuori che ama fare solo quelle, cercare i difetti nelle produzioni, attaccare autori, registi e artisti in generale, che non varrebbe la pena perdere tempo a parlare di ciò che non ci è piaciuto. Ma credo invece che Kevin Smith se la meriti una tirata d’orecchi, soprattutto perché ha speso un sacco di tempo lui stesso a sfottere gli altri.

La locandina mi piace

La locandina mi piace

Kevin Smith ha fatto un gran film: Clerks. Poi ha speso la sua intera carriera nel cercare di stupire tutti, dandomi l’impressione che grazie a quel suo primo capolavoro potesse lanciare invettive contro gli altri. Mall Rats è pessimo, Chasing Amy è penoso, Jay e Silent Bob N/P, Dogma è caruccio e Clerks 2 mi ha rovinato il ricordo del primo.

Dodgeball? No, Tusk.

Dodgeball? No, Tusk.

Poi, Smith decide di darsi all’horror e fa Red State. Non è brutto, ma non mi ha dato nessuno spunto per scrivere una recensione. Ha delle buonissime idee, è girato bene, ma zoppica in più punti e si perde nell’autocompiacimento.
E Smith ci riprova con Tusk. Esperimento ardito, verrebbe da dire. Ma dove sbaglia? Nella scelta del protagonista, in primis, con Justin Long che continuo a vedere nella parte del tizio del film sulla palla avvelenata, e poi riutilizzando Michael Parks facendogli interpretare un ruolo quasi identico a quello che ha fatto per Red State. Dico, l’ho trovato praticamente identico, sia come aspetto che come interpretazione.

Red State? No,Tusk.

Red State? No,Tusk.

Ma il problema maggiore di Tusk è che non funziona in nulla. Troppo a cavallo tra il grottesco e il drammatico, con ironia fuori posto che non riesce ad amalgamarsi col resto. Smith, a mio parere, dovrebbe scendere un attimo dal trono, guardarsi indietro e chiedersi cosa funzionò in Clerks e cosa ha clamorosamente sbagliato dopo. Solo allora, potrà tornare a sfottere gli altri.

mmmmh

mmmmh


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Della merda (2): Strips! La Web Sit-Com di Luca Baggio

    Della merda (2): Strips! Sit-Com Luca Baggio

    Un gestore di una fumetteria scalcagnata e il suo sfaticato assistente decidono che il loro buco è favoloso, e perciò meritevole di partecipare ad un prestigios... Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • Clerks: 1 vs 2

    Clerks:

    Clerks uscì nell’anno giusto per diventare immediatamente una delle mie pietre miliari del cinema, uno di quei film in cui riconoscevo la mia generazione, almen... Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, RACCONTI, SOCIETÀ, TALENTI
  • Cinemando - 15

    Cinemando

    - dal 30 novembre al 6 dicembre - I trailer di cartoni animati e action movie dominano la settimana, ma scorrete anche nella zona Anteprime e guardate i... Leggere il seguito

    Da  Dalailaps
    TALENTI
  • Quando Leo Ortolani era Leo Ortolani...e Rat-Man era Rat-Man!

    Quando Ortolani Ortolani...e Rat-Man Rat-Man!

    Appeso alla parete di camera mia, preservato all’interno di una cornice, c’è un disegno datato 2000. Il disegno raffigura Rat-Maul, ed è autografò (con l’accent... Leggere il seguito

    Da  Sommobuta
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • Irving Stettner - Hurrah!

    Irving Stettner Hurrah!

    - Ed. Il foglio clandestino, 2012 - traduzione di Erio Sughi, cura di Davide Argnani. Un bel libro, non avrei altro da aggiungere. Leggere il seguito

    Da  Ellisse
    POESIE, TALENTI
  • G.b.h

    G.b.h

    I Charged G.B.H fanno parte della seconda ondata di punk britannico dei primi anni Ottanta insieme con Exploited, Discharge, Vice Squad, Varukers, English Dogs ... Leggere il seguito

    Da  Ant
    ARTE, CULTURA, LIBRI, MUSICA, TALENTI