Magazine Società

Un complottista in parlamento

Creato il 07 marzo 2013 da Lateatnight @LateAtTweet
Stanno facendo molto scalpore le dichiarazioni di Paolo Bernini, un deputato eletto tra le file del Movimento 5 Stelle, rilasciate in un'intervista per la trasmissione Ballarò.
In questa intervista Bernini racconta che la visione del film Zeitgeist ha cambiato il suo modo di vedere il modo ed allo stesso tempo si fa portavoce di una delle "teorie" presentate in questo film.
Non ci sarebbe niente di male se non fosse che Zeitgeist fa parte del filone dei film "complottisti" e che le presunte rivelazioni sono già state ampiamente "sbufalate".
Le critiche e gli sberleffi sono arrivati da tutta internet. Alla sconcertante dimostrazione di ingenuità si somma il fatto che un po' superbamente si atteggia a persona ben informata in quanto utente di internet. Come utente di Internet però gli sarebbe bastata una ricerca veloce per farsi venire almeno dei dubbi ed evitare di raccontare pubblicamente tali idee.
Sapere che seduto in parlamento c'è qualcuno le cui idee del mondo si sono formate attraverso un video complottista può preoccupare molti di noi, ma forse non si tratta di un fatto totalmente negativo. Cosa succede se una persona convinta dell'esistenza di enormi complotti da parte di poteri forti arriva così vicina a questi presunti poteri e scopre che non c'è niente di tutto ciò in cui credeva? Nel caso riuscisse a non diventare vittima di una profonda crisi di identità, potrebbe rappresentare la voce di un complottista ricreduto in quanto ha potuto verificare in prima persona ciò che succede in questo mondo che sembra così lontano dalla vita quotidiana. Un testimone di questo tipo darebbe forse una forte spallata a buona parte delle correnti complottiste, che perderebbero così credibilità.
Un complottista in parlamento Ma forse i veri complottisti inizierebbero a credere e a diffondere l'idea che contro poteri così forti non possono far niente nemmeno le persone con i migliori propositi. Probabilmente racconteranno di come i Men in Black del Nuovo Ordine Mondiale, con i loro chip sottocutanei, son riusciti a corrompere e portare dalla loro parte anche quelle che prima erano menti pure.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un aquilone vi salverà

    aquilone salverà

    L’italiana Kitegen pronta a produrre energia per gli impianti Alcoa Non è una boutade di qualche sparuto ambientalista ma una soluzione altamente innovativa... Leggere il seguito

    Da  Lucia Navone
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE, SOCIETÀ
  • Un preterista

    «Scritti di fronte al margine della minuta figurano due versi dei quali soltanto il primo è decifrabile. Dice:La sera è il momento di lodare il giornoSono... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un italiano in Vietnam

    italiano Vietnam

    Segnaliamo con piacere la recente uscita del romanzo autobiografico “Io amo me stesso. Ma è amore non corrisposto”, pubblicato da Paul Asia Valenti per l’editor... Leggere il seguito

    Da  Vietnamreport
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Un popolo odiato

    popolo odiato

    Editoriale di Ida Magli ItalianiLiberi Sembrerebbe incredibile che si possa odiare la propria terra, la propria patria, i propri concittadini, addirittura lo... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Un mondo più triste

    mondo triste

    Non importa quale sia il problema, la mia risposta è: nutella. Fotte sega che la Ferrero sfrutti il lavoro minorile, se posso evitare di affrontare i miei... Leggere il seguito

    Da  Marco4pres
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Traslocare un maestro

    Ieri ho scorto un “editoriale” di Ceronetti su La Stampa. In occasione del cambio di sede del giornale, Ceronetti parla della sua “carriera” di articolista ed... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un chip

    chip

    Pausa pranzo. Riprendo in mano il mio libro di Lansdale, sospiro perché sto per affrontare una parte che mi duole dirlo, mi scoccia (non lo avrei mai detto. Ne... Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, RACCONTI, SOCIETÀ, TALENTI

Magazine