Magazine Cinema

Un film culinario che non mette appetito

Creato il 07 giugno 2013 da Persogiadisuo
LA CUOCA DEL PRESIDENTE (LES SAVEURS DU PALAIS) di Christian Vincent, con Catherine Frot, Jean d'Ormesson, Hippolyte Girardot, Arthur Dupont Un film culinario che non mette appetito Se ti piace guarda anche: Julie & Julia, Chocolat, Sapori e dissapori TRAMA Francia, fine anni '80. Hortense, una cuoca che vive in uno sperduto villaggio del Perigord, famoso per foie gras e tartufi, viene scelta per diventare cuoca privata del Presidente. Turbata dall'evento, che a quanto pare non può discutere, si fa ben presto odiare dallo staff interamente al maschile della cucina centrale del'Eliseo ma si fa apprezzare dal Presidente in persona col quale avrà il piacere di parlare più volte.   RECENSIONE Pubblicizzata come commedia culinaria che ha stregato il pubblico francese, questo film il cui titolo letterale sarebbe "I sapori del palazzo" è tutt'altro che saporoso. Difficile definirlo una commedia visto che non si sorride nemmeno, ma non è neppure un dramma. Anche dal lato gastronomico il film attrae poco: le ricette sono troppo elaborate, costose e particolari per far venire l'acquolina in bocca: farciture a base di sangue di pollo, interiora di vitello e soprattutto tanto, ma tanto tartufo e foie gras.
 Un film culinario che non mette appetito Non è esattamente la cucina di Benedetta Parodi, alla portata di tutti, e presto all'Eliseo se ne rendono conto a invitano la cuoca a tagliare i fondi: questo e lo stress accumulato la portano a lasciare il prestigioso incarico e a fuggire in un'isola antartica come cuoca di una mensa. Le scene antartiche sono così continuamente alternate con quelle parigine, per mostrare i contrasti tra i due incarichi, peccato però che il film si limiti solo ad accennare gli intrighi e la stressante e incomprensibile etichetta ch egoverna l'Eliseo e quindi la scelta della cuoca Hortense viene sbrigata frettolosamente e il suo personaggio resta abbastanza impenetrabile. Peccato anche per Catherine Frot (La voltapagineLezioni di felicità) , bravissima attrice francese qui imprigionata in un ruolo paradossalmente insipido. L'interesse si concentra tutto nel conoscere e indignarsi per l'esorbitante e inutile numero di personale che lavora per l'Eliseo, con gerarchie e etichette da rispettare scrupolosamente. Passati i primi venti minuti, il film quindi perde d'interesse Toute a poco serve la consueta finesse del cinema francese. VOTO: 5,5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un Mondo Perfetto

    Mondo Perfetto

    Titolo completamente antitetico rispetto al tema raccontato dal film, perché il protagonista della storia scritta da John Lee Hancock è un criminale fuggitivo... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA
  • Un Cane Andaluso (Un Chien Andalou) – Luis Buñuel (1929)

    Cane Andaluso Chien Andalou) Luis Buñuel (1929)

    Dopo una breve carriera da attore e da sceneggiatore (in “La chute de la maison Usher” del 1928 di Jean Epstein), Luis Buñuel è finalmente pronto a metters... Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Se bastasse un fagiolo...

    bastasse fagiolo...

    IL CACCIATORE DI GIGANTI (JACK THE GIANT SLAYER) di Bryan Singer, USA, 2013 con Nicholas Hoult, Eleanore Tomlinson, Ewan McGregor, Stanley Tucci, Bill Nighy Se... Leggere il seguito

    Da  Persogiadisuo
    CINEMA, CULTURA
  • Aiutare un amico

    Aiutare amico

    Fra poco sarà il compleanno dell’amico blogger Alessandro Girola. Che dire, per fargli gli auguri credo aspetterò il momento giusto, ma c’è tempo per... Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Un concorso nell’aria

    concorso nell’aria

    Ve lo avevo accennato. Qualcuno, grazie ai social network, ha già avuto un breve e veloce assaggio. Ora ufficializziamo la cosa, vi va? Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • Un ricordo di Jimmy Fontana

    ricordo Jimmy Fontana

    Jimmy Fontana (da Repubblica.it)Ci lascia Jimmy Fontana (Enrico Sbriccoli all’anagrafe, Camerino, 1934), morto ieri, mercoledì 11 settembre, a Roma. Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA
  • Come un tuono

    di Derek Cianfrance con Ryan Gosling, Bradley Cooper, Eva Mendes Usa 2012 genere, drammatico durata, 140 Ci sono molte cose che vengono in mente guardando il... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA

A proposito dell'autore


Persogiadisuo 1113 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazines