Magazine Media e Comunicazione

"Un Matrimonio" dal 29 Dicembre su Rai 1. Avati: "In controtendenza racconto famiglia felice" (Italpress)

Creato il 20 dicembre 2013 da Nicoladki @NicolaRaiano
Cinquant’anni di matrimonio e di vita. Sono quelli raccontati da Pupi Avati in ‘Un matrimonio’, un lungo film in sei puntate (“definirlo fiction mi pare rinunciatario”) che Raiuno propone in prima serata da domenica 29 dicembre.
Tutto è partito, ricorda il regista, dal quarantesimo anniversario del suo matrimonio (festeggiato il 27 giugno 2004): “Al termine della festa, guardando mia moglie, mi sono chiesto come fosse stato possibile che quella ragazzina della quale mi ero innamorato a prima vista si fosse tradotta nella donna che mi sarebbe stata accanto in un percorso così lungo”. Una donna che, aggiunge sorridendo, “avevo sposato senza conoscere tanto, solo perché era molto carina e immaginando che sarebbe rimasta sempre molto carina”. Con il tempo, invece, “è diventata meno carina ma più importante, abbiamo condiviso una vita, i miei occhi sulla vita sono diventati quattro con i suoi. E’ meraviglioso essere con lei che mi ha visto al meglio e al peggio in tutte le età della mia vita”. Partendo da questi presupposti non stupisce che ‘Un matrimonio’ racconti un’unione lunga e felice: “Non è una storia di rose e fiori in cui tutti i giorni ci sono solo baci, carezze e sorrisi. Include tutto ciò che succede nei matrimoni”.
Ma si parla di una famiglia felice e, ancora prima, di una coppia felice, in cui, come sottolinea Micaela Ramazzotti (che ne è la protagonista insieme a Flavio Parenti), “ci sono le tre parole che, come ha detto Papa Francesco, servono a far durare i matrimoni: grazie, scusa e permesso”.
Dunque 'Un matrimonio' è una lunga storia familiare, in cui Avati ‘ritrova’ i nonni, gli zii, i cugini. E, soprattutto, “ripensa il matrimonio con grande centralità. Grande rispetto per chi ha sposato la persona sbagliata ma a volte, forse, c’è troppa fretta nel separarsi e nel non voler riconsiderare la persona che si ha accanto come, invece, ho fatto io. Da lì è partito quasi un secondo matrimonio che è molte più forte del primo perché le persone sono molto più consapevoli”.
La storia di ‘Un matrimonio’ è raccontata, come in un lunghissimo flashback, da una delle figlie della coppia protagonista, Anna Paola. Si parte dal primo incontro tra i suoi genitori, Carlo e Francesca, sulle rive del fiume Reno a Sasso Marconi. E’ il 1948 ed entrambi sono fidanzati con altre persone. Ma al primo sguardo, Francesca capisce che quello è l’uomo della sua vita: “Lo vede e dice: è mio, me lo prendo. E se l’è preso” commenta la Ramazzotti che, rivolta ad Avati, dice: “Per sei mesi, durante le riprese, sono entrata nel tuo matrimonio, partendo da una giovane ingenuotta e un po’ imbranata che, però, ha dentro un sogno e una grande vitalità. E diventa la padrona di una famiglia, forte e determinata, con grazia e garbo. Una donna che è sana in un matrimonio sano”.
A questo proposito, il regista osserva che “oggi le storie televisive e cinematografiche che riguardano la famiglia ne privilegiano le dissonanze. La storia di mezzo secolo del nostro Paese narrata attraverso un matrimonio che ‘regge’ è quanto di più in controtendenza si possa proporre”.
Il vicedirettore di Rai Fiction Luca Milano conferma: “Con i nostri prodotti parliamo spesso di sentimenti ma ‘Un matrimonio’ ha un’ottica diversa e dimostra che anche quelle delle famiglie felici sono storie ricche e degne di essere raccontate”.
‘Un matrimonio’ è realizzato da Antonio Avati (per Duea Film) per Rai Fiction. Nel cast, oltre ai due protagonisti, ci sono tra gli altri: Valeria Fabrizi, Andrea Roncato, Antonella Ferrari, Giorgio Borghetti, Katia Ricciarelli, Roberto Ciufoli, Gisella Sofio, Mariella Valentini, Ettore Bassi e Corrado Tedeschi. C’è anche la partecipazione di Christian De Sica.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog