Magazine Società

Un muro che unisce

Creato il 30 maggio 2010 da Lanternarossa

Un muro che unisceUna stazione di Berlino - Nic
La storia della nostra vecchia Europa è un muro. Un muro che ha diviso persone, ideologie, coscienze e vite. Quel muro venne abbattuto fisicamente quando era già caduto nelle idee degli uomini. Oggi nascono nuovi muri che innalziamo per difenderci dal diverso, per rinchiuderlo, per nasconderci dal mondo. Sono stato a Berlino per vedere il segno del muro, il ricordo che aleggia nell'aria senza farsi vedere. Ho sentito il peso di una storia fatta di enormi tragedie e divisioni imposti e, oggi, stasera, penso che i veri muri non siano quelli che la storia cerca di imporci ma quelli, che ogni giorno, ogni singola persona alza contro gli altri. L'Europa è unita solo se si parla di moneta, banche e finanziarie, ma è terribilmente divisa quando i popoli sono il soggetto. La nostra piccola penisola infelice è pronta a chiedere il conto a chi ha già pagato per alzare e fortificare nuovi muori, nuovi centri di permanenza temporanea. Alziamo muri perché è tradizione alzarli quando le cose vanno male e ci parlano di sacrifici quando pongono i lori interessi, sempre e comunque, prima di quelli di tutti. Vedo muri che dividono ma che non vengono imposti: li costruiamo da soli. Vogliamo alzare barriere e mettiamo telecamere ai confini della nostra mente per paura che essa possa aprirsi. Non sarebbe bello riscoprire la primavera di coloro che volevano eliminare ogni muro per poter riunire un popolo? E' così assurdo pretendere che i popoli possano unirsi? Sarò idealista ma sogno solo muri che sostengono stazioni che ci uniscono; alla faccia di chi vorrebbe sempre approfittare di un'ennesima guerra tra poveri. Vorrei che si festeggiasse un giorno la creazione di un muro che unisce.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un po’? No, un pò!

    Si dice che la grammatica sia l’errore codificato. In poche parole, quando un errore lo fanno tutti, ma proprio tutti, viene accolto nella grammatica ufficiale ... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    SOCIETÀ
  • Esattamente un anno fa

    scrivevo questo post. Ricordo che stavo guardando il film “Bambole russe”, il sequel de “L’appartamento spagnolo” di Cédric Klapisch. Leggere il seguito

    Da  Olineg
    SOCIETÀ
  • Un messia diverso

    Il gruppo biblico "Vangelo e yoga" si incontra attorno al capitolo 17 di Matteo e alla vita di ciascuno.Quando si legge il vangelo, è difficile accettare di... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ
  • Un vergognoso emilio fede

    Pensieromadyur: Una vergogna unica che fa solo accapponare la pelle. Emilio Fede, ora sempre più una sagoma berlusconiana , ha usato dire a Saviano con la stori... Leggere il seguito

    Da  Madyur
    SOCIETÀ
  • Un milione… forse due

    milione… forse

    Un milione di persone in piazza… booom…   Ma si può? Ma chi glieli scrive i testi?  e soprattutto: ma chi glieli scrive gli striscioni? Leggere il seguito

    Da  Maxbunker
    SOCIETÀ
  • Un colossale errore

    «“Intendi scrivere un pezzo su Israele o no?” “No. Voglio scordare Israele. Voglio scordare gli ebrei. Avrei dovuto lasciarli perdere da un pezzo. Esibisci il... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Un Partito tutta polpa

    Partito tutta polpa

    Questo è il Partito Democratico che mi piace. Il Partito che ieri sera è riuscito a tirar fuori moltissima gente dall’abbraccio avvolgente di un  Venerdì sera d... Leggere il seguito

    Da  Renatocappon
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine