Magazine Cultura

un Penn originale e un po' gigione...

Creato il 27 febbraio 2014 da Omar
un Penn originale e un po' gigione...Un proprietario terriero ingaggia un celebre cacciatore di taglie, Lee Clayton, per sgominare una banda di razziatori di cavalli. Questi uccide tutti i banditi, eccetto il loro capo, Tom Logan, che ha anche una relazione con la figlia del proprietario. Nello scontro finale è il cacciatore di taglie ad avere la peggio, il proprietario terriero muore e sua figlia e Tom vanno ognuno per la propria strada. Magnifico western atipico - con poca azione, zero duelli ma variegate atrocità diffuse -, Missouri di Arthur Penn porta lo spirito ribelle e modernista a tutti i costi tipico del '68 all'interno dei rigidi canoni della Hollywood di quegli anni, permettendosi di chiudere con una raffigurazione bucolica (splendidamente fotografata) dei ranch e delle praterie in cui si sono consumate le mattane tra killer e ladri di bestiame protagonisti della storia.
un Penn originale e un po' gigione...Con un manifesto intento dissacratorio, il regista inzuppa la narrazione di dialoghi filosofeggianti e personaggi atipici - come ad es. quello dello spietatissimo (più efferato degli stessi criminali che fa fuori a pagamento) «regolatore» impersonato da Marlon Brando, che uccide uno dei componenti della banda del Logan interpretato da Jack Nicholson vestito grottescamente da vecchietta, con tanto di grembiulino e cuffietta in testa (lo omaggerà Iggy Pop nel film Dead Man di Jarmush); così come spregiudicato per la sua epoca risultò l'atteggiamento della figlia del boss degli allevatori che chiede d'improvviso a Nicholson, nel bel mezzo di una cavalcata, di cominciare a spogliarsi perchè vuole fare l'amore con lui, mettendolo in un primo momento in vistoso imbarazzo e poi ricevendone un rifiuto (capovolgendo de facto i cliché delle bellezze western, pronte a sbruffare appena le si toccava!).
Minimalista e anticonvenzionale, il film venne parecchio criticato dai puristi, oggi è guardato come una sorta di ufo che regala però interpretazioni di indubbio livello: o si ama o si odia!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines