Magazine Bambini

Un piccolo aneddoto sullo svezzamento

Da Infanziadelbambino

Vorrei raccontarvi un aneddoto: nel mio iter lavorativo, per un certo periodo di tempo ho fatto la baby sitter e tra i bambini di cui mi prendevo cura c’era una piccolina di pochi mesi. La sua mamma mi preparava i biberon di latte che scaldavo al micro onde e tutto era tranquillo.

Quando è arrivato il momento di svezzarla, la mamma mi ha spiegato cosa fare e per un paio di volte ho osservato cosa faceva lei e come si comportava con la piccola per farla mangiare.

Il giorno che sono rimasta sola con la bimba mi sentivo tranquilla e così giunta l’ora della pappa l’ho fatta sedere nel seggiolone e ho iniziato ad imboccarla con dei piccoli cucchiaini di pappa… Risultato:la pappa è finita quasi tutta sui miei vestiti, sui suoi e sul seggiolone!
Perché?

Mi sentivo tranquilla ma il mio modo di fare esprimeva la mia ansia e la mia preoccupazione. Non trattandosi della mia bambina, ero comunque un po’ agitata e volevo fare bella figura con la mamma. La piccola ha percepito il mio reale stato d’animo e non ha voluto mangiare. Al rientro della mamma ero mortificata.

Lei è stata molto tranquilla e mi ha detto: “Domani riprova, ma non ti preoccupare, se proprio non ce la fai le dai il biberon e la pappa la preparo per cena”.
Ci ho pensato per un bel po’ dopo che sono tornata a casa e il giorno dopo sono tornata al lavoro armata di ottime intenzioni.

Dopo la mattinata passata in tranquillità, ci siamo avviate in cucina per la pappa, ho fatto sedere la piccolina nel seggiolone e dopo aver fatto un bel respiro ho preparato la pappa. Prima di portare il piatto a tavola mi sono detta: “Pronta? Ok, si parte!” e un cucchiaino alla volta la bimba ha svuotato il piatto senza resistenze, sputi o pianti ingiustificati. Mi sono sentita così bene… Ero felice! Per me è stata un’esperienza indimenticabile!

Questo episodio mi ha insegnato ad essere serena e tranquilla nei momenti del pranzo e mi è servito anche negli anni di lavoro al nido dove ho visto passare tanti bambini con bisogni ed esigenze diverse.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :