Magazine Società

Un reporter sta in mezzo.

Creato il 20 agosto 2014 da Gianlucaweast @gianlucaweast

Un reporter sta in mezzo.

© 2014 weast productions


Un tweet al giorno, dal novembre 2012, da quando era sparito: “Free James Foley”. Liberatelo. E con il passare del tempo una nota: “missing since”, con il numero dei giorni trascorsi dal suo rapimento. Era partita una campagna globale, alla quale avevano aderito anche Faccia da reporter e SpazioReale. Nessuno sapeva se James fosse vivo o morto. Ora tutto il mondo sa che è stato assassinato. Decapitato davanti a una piccola telecamera (forse un cellulare, che ha filmato tutto) da un uomo mascherato e dall'accento londinese, che si rivolge al Presidente USA come potrebbe farlo la Merkel: dandogli del tu. E, come la Merkel probabilmente gli ha chiesto di non più spiare la Germania, l'uomo mascherato ha chiesto a Obama di sospendere i bombardamenti contro lo Stato Islamico, movimento che ha rivendicato l'assassinio di James Foley. E non soltanto. La storia, recente, è cronaca ed è nota a tutti: attacchi senza pietà sferrati contro i cristiani e altre minoranze religiose in Iraq, esecuzioni sommarie, scatenamento del libero arbitrio, un controllo sempre più brutale e radicato sul terreno della guerra in Siria. E non soltanto.
James era un free-lance: uno che va in giro per il mondo a cercare le storie in cui crede. In quella parte di mondo dove aveva viaggiato e lavorato, le storie in cui credere sono quelle che hanno come protagonisti gli innocenti, quelli che non imbracciano un fucile, quelli che non combattono, quelli che non ammazzano. Vengono, invece, ammazzati. Vale per tutte le altre zone del mondo dove si fa la guerra. Non so se ci avete prestato attenzione: c'è un'industria che non sta più nella pelle, ultimamente, anche in Europa. È l'industria degli armamenti. È in corso un ritorno di fiamma: c'è una gran voglia di fornire armi (qualcuno le dovrà comprare, anche se non saranno necessariamente i destinatari) per risolvere i problemi, dall'Ucraina (e stati confinanti) al Medio Oriente, in particolare Nord Iraq. Ci raccontano, come sempre, che è per difendere i civili. Ciascuno è libero di crederci, non mi addentro nelle questioni energetiche. Quando sento la parola “civili” uscire dalla bocca di quelli che hanno (e usano) le bombe, penso al lavoro che faceva James Foley: lui con i civili ci stava per davvero. In Siria, aveva visto la piega che il Medio Oriente sta prendendo, che ha ormai preso. È stato assassinato da un gruppo di criminali sponsorizzato, assecondato e armato (anche) da Stati che vantano perfette relazioni diplomatiche con le cancellerie occidentali; le quali, di fronte alla morte di James, si dicono “sconvolte”. James non è stato ucciso da una compagnia di sbandati: da una proiezione allucinata, invece, di correnti e di strategie espresse da Paesi con un seggio alle Nazioni Unite, le quali pochi giorni fa hanno annunciato ai quattro venti la volontà di colpire i finanziatori dei gruppi radicali islamici. Davvero? E a partire da quando, e da chi, se non è chiedere troppo? Potremmo fare i nomi, ma lascia andare per questa volta. Qualcosa sul terreno abbiamo visto.
Il sacrifico di James ci apre gli occhi e ne ricorda altri, quello del giornalista Daniel Pearl del WSJ, e ancora... Il suo sacrificio ci chiede di riflettere sulla sparizione del concetto di “civile”, di ciò che un “civile” è e rappresenta, dell'idea di “civile”. Le versioni ufficiali del mondo (ce ne sono un paio in circolazione, al massimo) non li prevedono più, i civili. Sono quelli che pagano, nelle guerre aperte o striscianti in corso. Sono loro i veri obiettivi. È una novità sulla quale vale la pena riflettere. Non puoi stare “in mezzo”, altrimenti detto “fra i piedi”: devi stare da una parte o dall'altra, devi schierarti, aderire a un programma, a una narrazione della realtà. Chi sta in mezzo, paga. Con la vita. Ci sono sempre un boia o un macellaio pronti a fornire la giustificazione per la tua morte. Un reporter sta in mezzo: tiene gli occhi spalancati. Oggi non va bene, uguale dove. 

Faccia da reporter rende omaggio alla sua memoria e fa il suo nome: James Foley.         

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Calipari, un eroe italiano

    Calipari, eroe italiano

    Non so quanti, oggi, si ricorderanno di lui. Magari pochi, speriamo non pochissimi. Ma coloro che lo faranno, coloro che oggi dedicheranno anche un solo minuto... Leggere il seguito

    Da  Giulianoguzzo
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Creare un passato.

    Creare passato.

    Solo ultimamente, quando la scrittura è diventata parte integrante del mio quotidiano, ho voluto dare ai “miei personaggi” un passato cui fare riferimento. Leggere il seguito

    Da  Rvassallo
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ
  • Storia di un italiano

    Storia italiano

    Mussolini a spasso col suo autista e la piccola leonessaIl cucciolo di leonessa ha l’aria annoiata. Si chiama “Italia” e sta in grembo al suo padrone. Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • un impegno

    http://news.leonardo.it/giornata-mondiale-poesia-2014-dialogo-e-comprensione-interculturale-fondamenta-per-unera-di-pace/ Un’ idea di... Leggere il seguito

    Da  Gianrelli
    SOCIETÀ
  • Un vagone di quattrini

    vagone quattrini

    Mauro Moretti, amministratore delegato delle ferrovie dello stato, in una nota a margine di un convegno a cui ha partecipato ha attaccato la spending review... Leggere il seguito

    Da  Symbel
    POLITICA, SOCIETÀ, DA CLASSIFICARE
  • Un lapsus di Mentana

    lapsus Mentana

    Si è vociferato di un passaggio di Mentana alla conduzione di Servizio pubblico al posto di Santoro (il Giornale, 23.3.2014),ma Mentana ha smentito seccamente... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Un cicinin di orgoglio

    Noi, piccola regione spesso insignificante, siamo sotto ai riflettori nazionali. Riprese di un film? Macché! Siamo decisivi per la lista Tsipras! Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine