Magazine Cucina

Un soufflé per un'operazione necessaria...

Da Sarettam
Che cosa? Operazione svuota frigo(da Unieuro fanno il fuori tutto e io non posso fare lo svuota frigo?!?)
Quando?  Domenica scorsa(proprio di domenica lo svuota frigo?!?Eh già. Una volta alla settimana vado a pranzo dai miei e solitamente la domenica. La scorsa settimana però ho sparato la mia unica cartuccia il giovedì visto che era il giorno dell’Epifania e quindi domenica la parola d’ordine è stata: ARRANGIARSI!  Permettetemi di aprire una piccola parentesi, non che i miei non mi vogliano a casa loro più di una volta alla settimana, anzi…E’ solo che sono dell’idea che se si prendono delle decisioni poi ci si debba comportare di conseguenza, quindi inutile andare a vivere da soli, se poi alla prima difficoltà si corre da mammina e papino -chiusa parentesi e giusto per chiarire-).

Perché hai deciso di fare questa operazione? Apro il frigo e trattengo le lacrime a stento. Una(e dico UNA) salsiccia nel primo ripiano, davanti a del succo d’acero e alla bottiglietta della salsa di soia. Secondo ripiano con un incarto della Coop con dentro una(e dico UNA) fettina sottile di lardo di colonnata accanto a 20 gr di parmigiano grattugiato e ad un sacchetto di strutto(scroccato al forno vicino casa). Terzo ripiano: frutta e una confezione aperta due giorni prima di besciamella e “dulcis in fundo” all'ultimo ripiano un mini-cavolfiore da 300 gr. e una confezione di carote non più sode come al momento dell’acquisto ;-)(avvenuto forse un mese fa)…Urgeva liberarsi di tali miserie!!!

Sei riuscita ad utilizzare tutte le rimanenze? Ovviamente no. Vi immaginate la salsiccia cotta con un po’ di succo d’acero?!? Credo un abbinamento del genere farebbe passare la fame anche a Giuliano Ferrara. Però diciamo che qualcosa di abbinabile c’era ed ho quindi estratto la salsiccia, il mini-cavolfiore e la besciamella!!!Cosa hai preparato? Ho pensato che dei soufflé potessero essere le soluzione migliore(fuori dal frigo c’erano anche 4 uova). Con quei pochi ingredienti quanti soufflé hai ottenuto? Due, quindi come antipasto o secondo per due persone andavano più che bene. Ovviamente per la sottoscritta hanno rappresentato il pranzo(non avevo nient’altro) quindi me li sono fatti fuori tutti e due da sola ;-).Sei rimasta soddisfatta? Altroché…Erano sofficissimi, si scioglievano in bocca ed erano delicati ma saporiti allo stesso tempo grazie alle briciole di salsiccia. Una vera leccornia. Non avrei mai creduto che con quattro ingredienti residui sarei riuscita a fare una tale bontà. Dopo il primo boccone del primo soufflé ho deciso pure di fare le foto e ho pensato che fosse appropriato postarlo. Ovviamente nel frattempo si sono un pò sgonfiati(erano a cupolina) e se li fate serviteli all'istante, però dalla foto del boccone si vede chiaramente l'interno molto simile a quello di una mousse effetto dovuto all'aria inglobata dalle chiare montate a neve. La ricetta ce la lasci? Certo e voi provatela e fatemi sapere...Un soufflé per un'operazione necessaria...

SOUFFLE' DI CALVOLFIOREPer 4 sformatini
  • 2 uova
  • 2 salsicce di suino da 50 gr ciascuna
  • 290 gr di cime di cavolfiore bianco
  • 140 gr di besciamella (io Chef)
  • Sale grosso
  • Burro per ungere le ramequin   
Procedimento Portare a ebollizione una pentola con acqua e al bollore salare e versare il cavolfiore lavato del quale avremo tagliato le cime, scartando i gambi.Far cuocere per circa 10 minuti o finché infilando una forchetta, le cime saranno morbide. Scolare e far intiepidire. Togliere la pelle alle salsicce e sbriciolarle in una padella antiaderente già calda. Far tostare le salsicce senza aggiunta di grassi, finché non saranno croccanti. Con una forchetta ridurre in purea le cime di cavolfiore. Unirle nella padella con la salsiccia e farle insaporire a fuoco medio per qualche minuto mescolando spesso.Allontanare dalla fiamma e unirvi la besciamella. Mescolare bene per far amalgamare e unire i tuorli. A parte in una ciotola pulitissima(senza alcuna traccia di grasso), montare con le fruste elettriche gli albumi a neve ben ferma. Unirli al composto con il cavolfiore un cucchiaio per volta, mescolando delicatamente dal basso verso per non farli smontare. Accendere il forno a 170°. Ungere molto bene con il burro quattro ramequin in ceramica. Versarvi il composto riempiendole per poco più di metà.Mettere in forno caldo e far cuocere senza aprire mai lo sportello del forno per 30 minuti o almeno finché in superficie non siano dorati. Sfornare e servire subito. Un soufflé per un'operazione necessaria...Un soufflé per un'operazione necessaria...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines