Magazine Cinema

Una delusione in 3D, mi aspettavo di più da Oceani 3D

Da Sabrina2007

Una delusione in 3D, mi aspettavo di più da Oceani 3D
Sono appena tornata dal cinema, ho visto Oceani 3D, il documentario che attendevo con ansia da quando avevo visto i trailer.
L'ambiente è Il mondo sottomarino visto seguendo il viaggio di una tartaruga marina che attraversa gli oceani per andare a deporre le uova.
Oceani 3D, è un documentario prodotta da Jean-Michel Cousteau (figlio del celebre oceanografo Jacques) e diretta da Jean-Jacques e François Mantello.
E' stato realizzato in 7 anni (1500 ore di riprese subacquee)
Nel viaggio si incontrano tante specie di abitanti del mondo marino ma non ci si sofferma su nessuno di essi, il documentario cerca di dare un abito comico ad un'avventura che non lo è affatto. Il viaggio di una tartaruga verso la spiaggia sulla quale scaverà la buca dentro la quale deporrà le uova non è sicuramente un viaggio divertente, E' un viaggio per la sopravvivenza della specie, un viaggio per la vita. Raccontare un'avventura così drammatica affidando il racconto ad Aldo, Giovanni e Giacomo che impersonano tre uova (Cosa buffa, Ciccio palla, Testa tonda) in viaggio su un'astronave chiamata Tartaruga mi sembra molto riduttivo.
Mi aspettavo di vedere scene impressionanti ma non è stato così. I grandi predatori marini non sono mai visti in una prospettiva che riesca a metterli nella giusta luce. Rimangono quasi sempre come parte dello sfondo.
Secondo me il film cerca con eccessiva insistenza di accattivarsi il favore del pubblico, ciò è logico e comprensibile, però in questo caso va a scapito della storia, ciò che dovrebbe servire per far conoscere il mondo sottomarino, la sua magia, la lotta naturale per la sopravvivenza, diventa una storia comica, con una comicità che non strappa neppure un sorriso..
Confesso di esserne rimasta delusa. Forse dipende dal fatto che speravo di ritrovare dentro la sala cinematografica le stesse emozioni che provo quando vado in vacanza a Sharm el Sheikh e, semplicemente con maschera boccaglio e pinne, entro nel meraviglioso "acquario di Allah" . Purtroppo questo film non mi ha regalato nessuna emozione, addirittura ho fatto fatica a rimanere sveglia.
Quello che mi ha colpito sono stati i cartelli che precedono i titoli di coda, nei quali vengono indicati i nomi delle varie specie con accanto il rischio di estinzione, che per molte di queste specie è altissimo

Marta

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una traduzione poetica 2

    Giulio Mozzi mi ha fatto l'onore, con un suo commento, di proporre anch'egli una versione poetica (molto più efficace della mia) del sonetto di Pierre de... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA
  • 8 Giugno, Giornata mondiale degli oceani

    Giugno, Giornata mondiale degli oceani

    Da diciotto anni a questa parte, la prima volta fu nel 1992, l'8 giugno si celebra la Giornata mondiale degli oceani.Quest'anno cade a 50 giorni... Leggere il seguito

    Da  Tanks
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE
  • Una mente libera - Saramago

    mente libera Saramago

    Saramago è morto, il suo corpo ancora caldo.Uno scrittore, una mente libera, un uomo che ha combattuto nel suo paese la dittatura fascista, e poi sempre ha... Leggere il seguito

    Da  31canzoni
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Una lettera

    lettera

    Piccolo e superfluo omaggio ad un racconto di poche pagine che contiene verità infinite.Ti scrivo questa lettera strana; la ricamo su un foglio che viene dopo... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CULTURA
  • Una storia credibile

    storia credibile

    Ultimo Collegio Docenti dell'anno scolastico 2009-2010. Ore 9.00. La fila dove sono seduto è vuota. La Dirigente Scolastica non è ancora arrivata. Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • E' nata una star?

    nata star?

    In quel momento, non avendo visto il video, potevo ancora credere che mio figlio non ci facesse granché, in quel film. Potevo pensare che se ne stava dietro... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, LIBRI
  • Una bistecca

    bistecca

    Vi avevo già parlato dei racconti di Jack London, aventi per tema principale il pugilato.Proprio ieri sono capitato in libreria e l'occhio mi è caduto su... Leggere il seguito

    Da  Fidel
    CULTURA, LIBRI