Magazine Lifestyle

Una pianta per negati

Creato il 02 maggio 2010 da Theanonymato

UNA PIANTA PER NEGATI

Per tutti coloro che hanno sempre pensato di non essere in grado di far crescere una pianta, o che semplicemente rinunciano ad avere un po’ di verde nella propria casa per il poco tempo a disposizione o perchè negati per il mondo vegetale, suggeriamo la PATATA AMERICANA!

Originaria dell’America Latina la Ipomoea batatas è meglio conosciuta con il nome di “Patata Americana” o patata dolce, anche se in realtà questo tubero, della famiglia delle Convolvulaceae, non ha molto da spartire con la comune patata.

Viene coltivata in piccola parte anche in Italia come prodotto alimentare ma è molto diffusa come pianta ornamentale da appartamento. L’autunno è il periodo in cui la troviamo in vendita e il momento giusto per coltivarla, anche per vivacizzare un po’ la casa durante questi mesi nei quali l’attività vegetativa di molte piante da interno si arresta. Inoltre, particolare non trascurabile, è estremamente economica.

E’ una pianta facilissima, di sicura riuscita e di grande soddisfazione, che richiede pochissime accortezze (basta assicurarsi che nel vaso ci sia sempre acqua, facendo attenzione che le radici siano sempre immerse).

Occorre procurarsi un barattolo o un bicchiere, riempirlo d’acqua ed immergervi il tubero per circa metà della sua altezza, mentre la restante parte dovrà rimanere fuori dal contenitore. Si posiziona il vaso in una zona della casa nella quale arriva una discreta luce con una temperatura superiore ai 13° centigradi. Con queste condizioni, riscontrabili in qualsiasi appartamento, vedrete che nel giro di qualche giorno cominceranno a spuntare all’interno del vaso le prime radici, mentre dalla porzione esterna germoglieranno i fusti dai quali non tarderanno a crescere le tenere foglie di colore verde chiaro. Da qui la crescita sarà inarrestabile. Già dopo un paio di mesi avrete una pianta con fusti molto lunghi pieni di foglie che potrete far arrampicare su tralicci o altri sostegni, o calare da mensole o panieri appesi.

Dopo 3/4 mesi però il tubero inizierà ad esaurirsi, le foglie cominceranno ad ingiallire e a seccare, e a quel punto la patata dovrà essere scartata, ma in quel periodo sarà arrivata anche la primavera e con essa un sacco di piante nuove con cui cimentarsi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine